Studenti “pendolari” e famiglie in allarme. Comune con “casse all’asciutto” non rilascia abbonamenti per raggiungere le scuole

Riceviamo e pubblichiamo:
Siamo fortemente preoccupati dalle notizie che abbiamo appreso. Siamo 13 studenti eoliani che frequentiamo le superiori a Milazzo. Per viaggiare stiamo pagando di tasca nostra. Il Comune di Lipari, infatti, contrariamente a quanto avvenuto nel passato, non ha fatto emettere abbonamenti a nostro favore. Ci hanno accennato che lo faranno a novembre ma solo per quelli del primo anno. Se ciò fosse vero per frequentare la scuola dovremmo spendere solo per i viaggi da Lipari a Milazzo e viceversa circa 5.000 €
Alcuni studenti pendolari

NDD - Con lo stesso tenore della mail sopra pubblicate ce ne sono giunte altre. Analogo disagio stanno riscontrando i genitori degli studenti che dalle frazioni dell'isola devono raggiungere Lipari centro per frequentare le superiori. Basti pensare che da Pianoconte a Lipari 10 corse, che bastano per 5 giorni, costano ben 14 Euro. Se  è vero che non se ne parlerà prima di novembre il conto rischia di diventare "salato". La speranza è che possa essere almeno rimborsato.
Abbiamo contattato chi di competenza e siamo in attesa di saperne di più.  Ma il problema è sempre quello. Il Comune, e non solo quello di Lipari - così come denunciato nei giorni scorsi dall'ANCI SICILIA - non può assumere, al momento, impegni in quanto deve fare fronte alla drammatica situazione finanziaria e di liquidità in cui versa. L'ANCI, a tal proposito, auspica lo sblocco al più presto, delle quote dei fondi regionali al momento non disponibili per i comuni, comprese le somme destinate per gli investimenti’.