Salvatore Rifici, u ziù Turi, nel ricordo di Riccardo Lo Schiavo

Salvatore Rifici, u ziù Turi, "u mastru", ci ha lasciati. 
Persona semplice ed umile cui la Fortuna non ha sempre arriso. 
Della sua filosofia di vita mi ha sempre colpito in particolare un aspetto: la voglia di "dare", di "donare", di aiutare i più bisognosi...lui che non aveva neppure un tetto... 
Forse anche per questo oggi la chiesa di Vulcano era gremita in maniera inverosimile ed in tanti hanno dovuto seguire il rito funebre dalla strada. 
Io lo voglio ricordare così come in questa recentissima foto: con la muta da sub, appena uscito dal mare - sua grande passione - di Ginostra, dove appena poteva "scappava" per raccogliere un piatto di "patelle" da gustare, felice, a casa della sorella Maria
Riccardo Lo Schiavo