Riflessione di Ruben Piemonte sull’AMP delle Eolie

Gent.mo Direttore,
approfitto dello spazio che molto cortesemente mette a disposizione sulla sua testata per condividere qualche riflessione sulla ormai istituenda AMP delle Isole Eolie.
Ho l’impressione che a distanza di qualche centinaio di anni si stia ripresentando la stessa scena di quando Cristoforo Colombo, proprio in questi giorni di Ottobre del 1492 sbarcò sulla spiaggia di San Salvador e portò delle casse contenenti “doni” , parola che sarebbe meglio tradurre in “ciarpame”( specchietti, campanelle, perline colorate), da scambiare con le ricchezze degli indigeni.



Anche da noi, a fronte di una cessione delle nostre ricchezze naturali e soprattutto della nostra sovranità sulla libera fruizione delle isole, vengono portati in dono fantomatici incrementi di turismo e di pescato, l’oro blu che viene spesso citato in alcune trasmissioni televisive, una specie di “pagherò”: intanto diamo tutto al padrone della AMP, poi un giorno, forse avremo in cambio più turisti e più pesce.
Per la mia esperienza diretta posso dire che il trend di demolizione delle barche da pesca non è stato minimamente modificato dalla istituzione della amp alle Egadi, e la pesca miracolosa con incrementi del 400% come si legge su alcuni giornali ( non si sa bene certificata da chi) rimane prerogativa solo dei Vangeli.
La AMP, comunque la si voglia inquadrare, ha un padrone, l’ente gestore ed il suo responsabile, ed una oligarchia incarnata dalla sua commissione di riserva, con il suo presidente, e dal comitato tecnico scientifico; tutti posti di lavoro che sono ambiti e costituiscono merce pregiata in campagna elettorale; ma attenzione i posti di lavoro non sono per i locali ma per i nominati dalla politica di diverso ordine e grado, con la scusa delle competenze specifiche, o dei famosi titoli “comparativi”.
Infatti a ben riflettere se ad interessare fosse veramente la tutela dell’ambiente, si sarebbe dato seguito immediato, già da tempo, a tutte le attività possibili per evitare lo sversamento in mare di liquami terrestri non trattati e delle acque di ritorno dai dissalatori, oppure si sarebbe realizzata una raccolta rifiuti degna di un paese civile ( anche se pochi lo sanno, la spazzatura accumulata nei e vicino ai cassonetti o in mezzo alla strada ,come avviene a Lipari, produce liquami pericolosi per la salute e per l’ambiente).
A proposito, ma gli scarichi delle fogne e del dissalatore dove vanno a finire nelle Eolie? Gli effluenti sono controllati in modo da verificarne la rispondenza con i parametri stabiliti dalle norme? Chi li controlla? Chi lo denuncia?
Anche immaginando che sia il Comune a governare, le cose non andrebbero meglio, sia perché non ha le competenze ( a meno di non assumere consulenti) sia perché abbiamo l’esempio di come questa estate non sia riuscito a dare compimento alle richieste semplici della ordinanza della CP sulla balneazione, nemmeno nelle attività banali come per esempio installare i cartelli informativi o le boe di segnalazione per le zone sicure dedicate ai bagnanti o quelle per individuare i corridoi di lancio per le unità a motore che si avvicinano alla spiaggia ( non so se vi è capitato, ma in Agosto sulle spiagge di Canneto vicino Calandra o vicino alla banchina sembra di essere in Normandia nel D-Day per il numero di mezzi da sbarco che ingoiano o vomitano turisti ben oltre il limite consentito dalle norme), o più semplicemente raccogliere la spazzatura dai cestini montati sui pali delle bandiere blu.
Anche nelle Egadi pensavano che sarebbero stati i residenti a governare, invece oggi hanno capito che non è così, ma ormai è troppo tardi.
Noi siamo ancora in tempo….
Non voglio quindi entrare nel merito della auto-sostenibilità economica delle amp, basta andare su internet e vedere quante raggiungono il pareggio di bilancio.
Tutto nella AMP viene autorizzato dai “signorotti feudali” , nuovi “vassali e valvassori”, ai residenti o pescatori “servi della gleba” a fronte di pagamento ridotto ed ai turisti a fronte di un pagamento meno ridotto.
Tutte le unità e le attività sono contingentate a discrezione dell’ente gestore e non solo nelle zone A come vorrebbe far credere qualche anima pia. Inoltre i permessi di accesso per lavoro ( tipo traffico passeggeri, noleggio, etc..) alle zone A,B,e C sono annuali, quindi se per una stagione il residente ha lavorato non è detto che l’anno successivo lo farà di nuovo.
E il titolo di “residenza” non costituisce un vero discriminante, infatti in altre amp il problema degli esterni è stato risolto trasferendo la residenza della loro attività in un magazzinetto artatamente affittato per la stagione.
Leggo su FB tante idee come per esempio mettere un limite ai turisti giornalieri, o farli arrivare a Lipari con le barche al traffico e poi portarli in escursione con le barche locali ( ma le barche al traffico locali che fine fanno?) che hanno in comune il fatto di essere campate in aria e fisicamente non realizzabili perché le norme esistenti sulla libera concorrenza nei mercati non lo permetterebbero.
Ma facciamo qualche esempio.
Si potrebbe pensare di limitare gli accessi ai turisti che arrivano con i mezzi di linea (aliscafi e navi)? Non si può fare e non mi dilungo a spiegare motivi ed interessi sia delle compagnie di navigazione sia di tutte quelle attività che vivono con i giornalieri. Inoltre quest’anno il grosso incremento avuto nel turismo delle isole italiane è stato proprio di questo tipo e soprattutto non è avvenuto in misura preponderante nei luoghi tutelati dalla amp; si sa che la motivazione è nella instabilità socio-politica di aree che prima attiravano i turisti come l’Egitto o la Tunisia.
Si potrebbe pensare di far trasferire i turisti dalle grosse barche che partono da Milazzo su quelle più piccole di Lipari: chi vende l’escursione col trasbordo sarebbe molto penalizzato dalla quota da versare alla barca locale probabilmente tanto da cessare l’attività, ma prima di farlo protesterebbe con il referente politico che girerebbe le proteste alla regione etc. etc.; poi per ogni barca da 300 persone a Lipari ci vorrebbero almeno 25 barche a noleggio (non locazione) da 12 (il limite massimo ammesso dalle norme) oppure un’altra barca grossa altrettanto, ma perché dovrebbero trasbordare se l’impatto ambientale delle due unità è lo stesso? Se il problema è la residenza, si risolve velocemente con il magazzino di cui ho già detto; inoltre come per le auto in città, è palese che 25 piccole barche hanno un impatto ambientale maggiore di una singola barca grossa ( infatti a terra gli ambientalisti caldeggiano il trasporto collettivo rispetto a quello personale), quindi perché trasbordare?
Per quanto riguarda la normativa ambientale deve essere reso noto a tutti che già la legislazione vigente impone sia alle unità al traffico sia a quelle da pesca che al naviglio commerciale di adempiere a tutte le misure applicabili in base alla data di costruzione ed alle tipologie di naviglio e relative al contenimento delle acque di sentina, dei liquami e delle antivegetative, quindi ben poco può fare in più la amp, considerando anche il fatto che in nessuna di esse, attualmente in vigore in Italia ci sono limitazioni di ingresso in funzione delle caratteristiche dell’unità ma al limite applicando il principio “ se paghi non inquini” si tratta di versare contributi più o meno pesanti legati al punteggio dell’unità calcolato in modo a volte bizzarro dall’ente gestore.
Inoltre le leggi sulla tutela del mare impongono che nel porto, in ogni porto, ci siano impianti di raccolta per le acque oleose, i liquami, le batterie, gli olii esausti e tanto altro; dove sono queste strutture alle Eolie? Si dovrebbero realizzare prima di istituire la AMP?
Questa estate alcuni rappresentanti della amministrazione si sono vantati di avere accolto a Lipari o comunque nelle acque eoliane grandi yacht ed in numero significativo; hanno fatto bene a vantarsi, ma non sanno, o fingono di non sapere, che nel caso di istituzione di una amp, tutti questi signori non torneranno sia perchè non vogliono combattere con la burocrazia della amp, sia perché non potrebbero ancorare o far fare il bagno ai loro ospiti come in passato ( confrontate i numeri degli yacht tra le Eolie e le Egadi se non vi fidate). Queste imbarcazioni e navi sono certificate al meglio della normativa ambientale attualmente applicabile quindi hanno un bassissimo, o addirittura nullo, impatto ambientale ma un grandissimo effetto sulla economia locale a cominciare dal carburante che acquistano sul posto così come la cambusa o i ristoranti che gli ospiti a bordo frequentano assiduamente. Con la amp, che magari indica tra le zone ad interdizione totale gli isolotti di Panarea o i faraglioni come sembra sia stato fatto nello studio di qualche anno fa, salutiamo cordialmente queste unità e le invitiamo ad andare altrove.
Ora è bene chiarire che chi non è favorevole alla istituzione della amp a Lipari non è un predone o un bracconiere, ha solo qualche informazione sullo stato delle cose in altri posti già impigliati nei lacciuoli delle amp e teme che lo stesso accada a casa sua. L’isola è e deve essere prima di tutto degli isolani!
E a proposito di ignoranza e di falsa informazione vorrei segnalare, sempre in base alla mia esperienza diretta, che l’idea di trasformare i pescatori in guide turistiche , barcaioli o guardiani della amp è solo propaganda anche abbastanza stupida, per molti motivi tra cui: è vietato dalle norme, i pescatori vogliono, e soprattutto sanno, fare i pescatori, altrimenti avrebbero fatto altro.
La pesca-turismo che si avvicina a questa “soluzione” non ha portato quei benefici che a suo tempo avevano propagandato, tanto è vero che sono sempre meno le barche che ne fanno istanza, sia per la solita burocrazia che parassita dietro sia per i costi che devono sostenere. In qualche trasmissione televisiva si è pubblicizzata la barca che porta a pesca i turisti e poi prepara a bordo il pescato: nella realtà non si può fare perché le norme sulla somministrazione a bordo dei pasti sono molto stringenti e con grande difficoltà una barca da pesca potrebbe adeguarvisi, soprattutto se di modeste dimensioni.
Se si vuole tutelare il mare delle Eolie ci sono altri strumenti più flessibili e più direttamente controllabili, come per esempio:
-far rispettare le norme che già esistono ( basta guardare una carta nautica o leggere le ordinanze della CP in vigore );
-concordare con il mondo della pesca ( che già si è dimostrato disponibile), i lori consulenti scientifici, e le Capitanerie di Porto delle zone dove periodicamente viene vietata la pesca e dei tempi di fermo biologico sincronizzati con gli effettivi periodi di riproduzione delle varie specie (non come quelli di oggi…) permettendo così il ripopolamento e senza che si debba rinunciare a fare il bagno o navigare nell’area;
-installare dei dissuasori per la pesca a strascico nelle poche zone dove ancora viene praticata alle Eolie ( sembrerà strano ai sostenitori della amp, ma si possono posare sul fondo anche in zone che non sono A, B, o C !!!)
- copiare dai più bravi ossia guardare come fanno all’estero dove le aree sono tutelate, ma la fruizione è garantita per tutti senza pagare balzelli ma solo attuando comportamenti rispettosi dell’ambiente e di buon senso.
Probabilmente ormai “tutto è compiuto” e le nostre sono solo chiacchiere inutili, perché “Vuolsi così colà dove si puote / ciò che si vuole, e più non dimandare” come diceva Virgilio, e lui non era in campagna elettorale!
L’unica consolazione potrebbe essere quella che essendo la amp fatta all’italiana, anche i controlli saranno fatti all’italiana e quindi in pratica ognuno farà ciò che vuole, solo raramente qualcuno pagherà; la amp sarà forte con i deboli e debole con i forti, in piena conformità al modo italiano di fare le cose.
Tutte quelle barriere innalzate per tenere lontani gli altri non sono altro che gabbie in cui resteremo imprigionati noi.

Ruben Piemonte