Prestazioni dei privati convenzionati è legale vengano effettuate attraverso il numero verde ASP? (di Francesco Coscione)

Ieri pomeriggio ho contattato il numero verde del CUP (centro unico prenotazioni) per ASP 5 di Messina, Policlinico Martino, IRCSS Bonino Puleio (Neurolesi) e Azienda Sanitaria Papardo. 
Questa è la dicitura che la voce registrata dice all'inizio della chiamata. 
Gli addetti sono stati, per la mia esperienza, gentili, pazienti e professionali. Dovendo prenotare una RMN (risonanza magnetica nucleare) in regime di convenzione SSR (sistema sanitario regionale) comunico il numero della ricetta e chiedo i tempi. Mi viene comunicato che il primo posto libero è fra circa quaranta giorni presso un rinomato e grosso centro radiologico privato della provincia, che non menziono per correttezza, oppure, pochi giorni dopo, presso l' ospedale Piemonte di Messina.
Mi domando:
è legale che le prestazioni per i privati convenzionati vengano effettuate attraverso lo stesso numero verde?
Rientra forse questo nella nuova convenzione stipulata dalla Regione Sicilia con le aziende private per smaltire le liste di attesa e favorire, a detta loro, il cittadino?
Non è strano che la struttura privata abbia un tempo di attesa più breve rispetto a quella pubblica?
Chi deve vigilare su questo (Sindaci come più alta autorità sanitaria dei comuni, assessori alla salute, aziende sanitarie, ecc) sono al corrente di questo?
Voglio sottolineare con forza che la mia non è un'accusa contro qualcuno ma solo, da cittadino, una sentita richiesta di chiarimenti.
Chiudo dicendo che se avessi voluto farla in Intra moenia anche nelle strutture pubbliche, i tempi sarebbero stati di pochi giorni. Ma questa è un'altra storia...
Francesco Coscione