Pianoconte. Ancora animali domestici e da cortile dilaniati da “randagi”. ..e si continua a far finta di niente. Il giusto e condivisibile sfogo della signora Casamento

Quel che resta del povero pavone
QuelcheRiceviamo da Rosaria Casamento (Agriturismo U Zu Peppino) e pubblichiamo:
Questo è quello che ci rimane del nostro Pavel... È UNA VERGOGNA!!!!!! 
È assurdo che in un paese piccolo come il nostro non si riesce a combattere il fenomeno del randagismo in modo radicale!
Noi di famiglia siamo amanti degli animali ma, purtroppo, a Lipari sembra essere una colpa!
Perchè più li ami e più ogni santa volta (noi e loro) dobbiamo subire lo stesso destino. 
Negli anni gli animali che ci sono venuti a mancare sono stati tantissimi; gatti, cani, galline, conigli, papere, pecore e adesso anche i pavoni!
Questo per colpa dei branchi di cani randagi e non che la notte si formano e si impadroniscono delle nostre strade facendo razzia di tutto quello che trovano. 
Non è proprio possibile!!!!
Ma uno cosa deve fare per non farsi toccare gli animali?!
L'unica soluzione che mi viene in mente al quanto bizzarra,sarebbe di prendere ogni sera tutti gli animali,e portarseli in camera da letto così da dormire tranquilli. Oppure privarsi di questa bellissima passione e non tenerne più neanche uno. 
Siamo nell'anarchia più totale.E siamo davvero nelle mani di nessuno!Anzi siamo nelle mani di quei poveri e pochi volontari che cercano ogni giorno in tutti i modi di risanare questa piaga. E non mi stupisco che chi di dovere, da anni conoscendo perfettamente il problema fa finta di non vedere e sentire.
Perchè d'altronde non si occupano delle persone figuriamoci se pensano agli animali! 
LIPARI UN ANGOLO DI PARADISO TRASFORMATO IN INFERNO!
Rosaria Casamento