Lettere al direttore. Ci scrive il dottor Rosa: “Ospedale di Lipari e disposizioni deleterie e al limite della legalità”

Vulcano 16/02/2016
EGR. Direttore,
ho avuto necessità sanitaria presso l'Ospedale di Lipari e come Medico ho potuto rilevare la cortesia e la Professionalità del piccolo Presidio.
Seguendo le notizie di stampa rimane da comprendere il continuo tentativo di declassamento di una struttura indispensabile per tutto l'Arcipelago e le soluzioni di una Dirigenza Politica ed Amministrativa  lontana dalle reali esigenze dei pazienti che non solo non riece a risolvere le problematiche sanitarie ma ne crea altre con assurde disposizioni che ritengo non solo deleterie ma al limite della legalità.
Ho letto le ultime disposizioni emanate e sono rimasto esterrefatto come medico che ha operato per otto anni in un ospedale  come si possa delegare ad un reparto chirurgico generale una EVENTUALE attività operatoria di un intervento di chirurgia ostetrica che per legge deve essere riservato a specialisti in ostetricia e ginecologia.
Per essere più chiari in pratica la Amministrazione Sanitaria...sostenuta dai politici al potere... Dispone che in caso di necessità , come cinquanta anni fa , se non c'è l'ostetrico, l'intervento lo fa il chirurgo..presente... con tutti i relativi rischi per la donna e il bambino.
Pura follia...siamo tornati ai tempi in cui nel nostro reparto eravamo obbligati a fare una trapanazione cranica urgente per un ematoma cranico per salvare una giovane vita....conservo la foto e i ringraziamenti perchè al mattino ,dopo sei ore di intervento ,il ragazzo era lucido.
Cari politici e amministratori...se non siete in grado ..vedete di consigliarvi con chi di arte medica se ne intende.

Grazie   
Giovanni Rosa  (Medico Pensionato residente a Vulcano)