Impotenza…sgomento..rabbia.. (di Francesco Coscione)

IMPOTENTE di fronte all' ineluttabilità misteriosa della morte.
SGOMENTO davanti a una notizia arrivata a estate quasi finita e, finora, priva di lutti.
ARRABBIATO verso chi tenta di mettere a tacere la coscienza credendo che qualche striscia di plastica eviti questi fatti e che butta, bruciandoli in cielo o negli strepiti su un palco, decine di migliaia di euro invece di assumere agenti di polizia municipale o pagando straordinari a quelli in servizio per istituire pattuglie notturne.
STANCO di scrivere sulla sabbia di una indifferenza altezzosa ascoltato e letto solo da chi, come me, non ha voce sociale.
INCAPACE di rassegnarmi, come uomo e padre, ad accettare l'omertà colpevole di tutti coloro che sappiamo e conosciamo il degrado di questa società locale e non muoviamo un dito per denunciare, anche solo verbalmente.
ABBATTUTO dal dolore, neanche immaginabile, della famiglia di questo "nostro figlio" che, all' alba della festa del Patrono, ripete inesorabile un copione atroce già vissuto non solo due anni fa.
CREDENTE in un Dio che, con le Sue imperscrutabili storie e strade, da consolazione e pace anche ai fatti peggiori che il vissuto umano possa attraversare.
"Siamo infatti tribolati da ogni parte, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi." (2Cor. 4 8s).
Anche se non lo conoscevo personalmente faccio le mie più sentite condoglianze ed esprimo la vicinanza della mia famiglia ai parenti e agli amici di Valentino.
Francesco Coscione