Grande Guerra (1915-18) I caduti eoliani (rubrica a cura di Giuseppe Cirino). La Greca Cuono (Decimo caduto eoliano)

La Greca Cuono di Angelo nato a Lipari   il 27 febbraio 1894 – distretto militare di Messina.
Soldato del 122° Reggimento di Fanteria (Milizia Mobile).
Morto il 4 gennaio 1916 sul Carso per ferite riportate in combattimento all’età di 22 anni
Sepoltura: Sconosciuta
Unità di appartenenza
Brigata Macerata – 121° e 122°  Reggimenti di Fanteria
Costituita il 1° marzo 1915.
Il comando di brigata ed il 122° dal deposito del 12° fanteria; il 121° dal deposito del 93° fanteria ,
La Brigata Alessandria era inquadrata all’interno del XIII Corpo D’Armata  al Comando del Generale Gaetano Zoppi – 25^ Divisione di Fanteria e dipendeva direttamente dal Comando Supremo, agli ordini diretti del Generale Luigi Cadorna.
Periodi di permanenza della Brigata Macerata al fronte
Anno 1915
-          Dal 24 luglio al 29 agosto: Settore di Castelnuovo dal Carso – Fogliano – Polazzo – Redipuglia;
-          Dal 7 novembre al 13 dicembre: Settore Castelnuovo del Carso – Trincea Frasche – dei Morti – delle Celle – dei Razzi – Trincee Rocciose;

Anno 1916
-          Dal 2 al 26 gennaio: Settore Castelnuovo del Carso – Trincea delle Celle – Trincee Rocciose;
-          Dall’11 al 29 febbraio: Settore Castelnuovo del Carso – Trincea delle Celle – Trincee Rocciose – delle Frasche;
-          Dall’11 al 18 marzo: Settore Castelnuovo del Carso – Trincea delle Frasche – Dei Sacchi – degli Scogli – Q.112 – Trincee dei Razzi e Rocciose;
-          Dal 9 maggio al 17 agosto: Settore di Castelnuovo del Carso – Trincee dei Razzi – dei Sacchi – delle Frasche – Rocciose – degli Scogli – Trincee sud ovest di Marcottini – Q.153 – Q.109 – Alture sud ovest di Oppachiasella – Pendici occidentali Nova Vas;
-          Dal 13 al 24 settembre:  Vermegliano – Derletti – PendiciQ.208 sud – Doberdò – Vallone Boneti – Plaichiesce;
-          Dal 12 ottobre al 3 novembre: Boneti – Vallone – Q.208 sud – Palichisce – Ferletti – Doberdò;
Anno 1917
-          Dal 1° gennaio al 31 dicembre: Settore Brentonico – Crosano – Ala – Castello di Tierno – Besagno – Cazzano – Monte Giovo.
Anno 1918
-          Dal 1° al 29 Gennaio: Settore Brentonico – Castione – Q.912 . Dosso Alto di Castione . Settore Monte Altissimo – Monte Giovo – Coste di Tierno – Crosano – Santa Cecilia – Cazzano – Talpina;
-          Dal 2 marzo al 30 aprile: Settore Monte Altissimo – Doss Casina – Doss Romit Q804 – Cazzano – Cornè – Linea di resistenza – Q. 630 – Doss Spirano – Q.1125 – Roccioni – Malga Rigotti – Malga Sorgente;
-          Dal 19 giugno al 20 settembre: Piave – Settore S. Biagio di Callalta – Rovarè – Molino del Bosco – la Callaltella – Casa ai Comuni – Casa Pradoncin – Casa Ninni – La Fossa;
-          Dal 15 al 20 ottobre: Piave – Calle Maggiore – Casa Rizzi – Quadrivio – Camatta – Casa Barchesse – Fornace – Strada di Salettuol – Casa Fontebasso – Casa Vascon;
-          Dal 24 ottobre al 4 novembre: Ronchi – Candelù – Isola Caserta – Isola Maggiore – Tempio – Ormelle – Monticano – Motta di Livenza – Fangnigola – San Vito al Tagliamento – San Floriano.

Alla fine della Guerra le perdite della Brigata Macerata ammonteranno a :
121° Reggimento
Ufficiali
Truppa
Morti
Feriti
Dispersi
Morti
Feriti
Dispersi
33
109
12
520
3176
562

122° Reggimento
Ufficiali
Truppa
Morti
Feriti
Dispersi
Morti
Feriti
Dispersi
37
118
10
1293
3132
966


Circostanze della Morte
Dai diari di guerra della Brigata Macerata:
Il 2 gennaio la brigata ritorna in linea nel settore di Castelnuovo del Carso in sostituzione della Sassari. Il 23 scende a riposo fra Campolongo ed Armelio; ma due giorni dopo è richiamata in linea (meno due battaglioni che attendono alle iniezioni antitifiche) quale rincalzo della Sassari fortemente impegnata in una azione . il 26 il comando di brigata e due battaglioni ritornano nella zona di riposo, lasciando in prima linea gli altri due battaglioni.
Al momento non si conoscono elementi più accurati, che consentano di stabilire le cause esatte della morte del soldato La Greca Cuono. Infatti durante il giorno 4 gennaio del 1916 i reparti del 122° reggimento non eseguirono azioni belliche di rilievo o di tipo dimostrativo. È possibile che il Fante La Greca sia rimasto ucciso durante i consueti bombardamenti delle artiglierie austriache o duranti azioni di pattuglia o di infiltrazione isolate, compiute nella zona di Castelnuovo del Carso.

Dal 2 gennaio al 17 agosto il 112° reggimento subirà le seguenti perdite

Ufficiali
Truppa
Morti
Feriti
Dispersi
Morti
Feriti
Dispersi
3
7
/
76
49
1



Baraccamenti Castelnuovo del Carso