Game over. Calcio truccato ora basta!. Il libro scritto a 4 mani dalla liparese Daniela Giuffrè (vice-questore) e da Antonio Scuglia

Bologna, 4 febbraio 2016
 COMUNICATO STAMPA
Oggetto: Criminalità organizzata, scommesse, riciclaggio: “Game Over. Calcio truccato, ora basta!” spiega il fenomeno del match fixing.

"Dopo aver letto questo libro non vedrete più una partita come l'avete vista finora".


     Risultati truccati, partite con squadre "inventate" e addirittura incontri fantasma, mai disputati ma sui quali sono state investite grosse somme di denaro a scopo fraudolento: il calcio è in pericolo e può morire.

     Ci sono dei Paesi dove è emerso, a seguito di numerosi scandali, che circa l’80% delle partite era deciso a tavolino, lontano dal campo di gioco. E in Italia le recenti indagini di polizia e magistratura, partite nel 2011 e tuttora in corso con “Dirty Soccer” e “I Treni del Gol”, hanno rappresentato l’ennesimo terremoto. Il match fixing, ovvero le partite truccate, è l'argomento del volume "Game Over. Calcio truccato, ora basta!", scritto da Daniela Giuffrè e Antonio Scuglia e pubblicato da Minerva (collana “Sul filo di lana”, 208 pagine, prezzo 15 euro).

     Questo libro vuole rendere il lettore partecipe di quel che accade nel mondo parallelo del calcio truccato e soprattutto spiega cosa si può fare per salvare la genuinità dello sport più appassionante per gli italiani. Si tratta di un'inchiesta condotta da due professionisti che da anni lavorano su queste delicate tematiche, con ruoli diversi: Daniela Giuffrèvice questore aggiunto della Polizia di Stato, è la responsabile dell’Unità “Integrity in Sport” di INTERPOL a Lione, l’ufficio che combatte e tenta di prevenire il fenomeno del match fixing a livello globale; Antonio Scuglia, giornalista sportivo, è autore di vari saggi fra i quali un manuale antifrodi ed è membro integrato della Corte d'Appello di Firenze per le controversie ex art. 63 della legge sulla stampa. 

     I due autori, sulla base della loro specifica esperienza di conoscenze investigative  e cronaca sportiva, spiegano nel dettaglio la storia e il funzionamento del match fixing: come si svolge e con quali metodi, e quali legami abbia con la criminalità organizzata e il mondo delle scommesse. Un'analisi senza pregiudizi e inedita di un fenomeno che sta sconvolgendo il calcio italiano e mondiale, corredata dalle testimonianze di chi è stato convolto e dalle risultanze processuali delle inchieste più importanti. Un libro per calciatori e arbitri (i principali target delle associazioni mafiose che gestiscono il calcioscommesse), allenatori e sportivi, ma anche per i tifosi e per chi ama il calcio e vuole saperne di più: salvare il gioco più bello del mondo è possibile!

 GLI AUTORI

     Daniela Giuffrè, nata a Lipari (ME) nel 1970, è Avvocato e Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato. Nel 2006 si laurea una seconda volta all’Università di Pisa in “Scienze Politiche e Relazioni Internazionali”. Ha frequentato diversi corsi presso le strutture di Polizia in Germania e in Francia. Nel corso della sua carriera nella Polizia di Stato ha espletato diversi incarichi in vari settori della pubblica sicurezza, fra i quali incarichi relativi alla cooperazione internazionale di Polizia. Parla quattro lingue e dal febbraio 2012 lavora presso il Segretariato Generale dell’Organizzazione Internazionale della Polizia Criminale, meglio conosciuta con l’acronimo di INTERPOL, con sede a Lione (F). Qui fa parte dell’Unità “Integrity in Sport”, ufficio che mira a combattere il fenomeno del match fixing a livello mondiale.

     Antonio Scuglia, nato nel 1963 a Decollatura (Cz), vive e lavora a Pisa dove si è laureato in Giurisprudenza. Giornalista professionista dal 1993, è redattore del quotidiano Il Tirreno (Gruppo Finegil-L’Espresso) e corrispondente da Pisa di Tuttosport. Si occupa prevalentemente di sport e tutela dei consumatori ed è titolare del blog Risparmiare facile (http://scuglia-iltirreno.blogautore.repubblica.it/). In passato ha collaborato con la Bbc World Radio, con emittenti radio e tv private italiane, con il Guerin Sportivo di cui è stato corrispondente dal 1990 al 1994, e con Repubblica. È membro, per il quadriennio 2014-2017, del collegio integrato della Corte d’Appello di Firenze per le controversie disciplinate dall’articolo 63 della legge 69/1963 (impugnazione delle delibere del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti). Oltre all’attività giornalistica, ha pubblicato alcuni libri: “Notizie alla Sbarra”, raccolta e commento di sentenze della Cassazione sulla diffamazione a mezzo stampa, per l’Ordine dei Giornalisti della Toscana; “Tototruffa” (insieme a Silvio Scuglia), manuale antifrodi, per Felici Editore; “1001 consigli per risparmiare” (insieme a Pino Staffa), manuale pratico del risparmio, per Hoepli.