Consiglio comunale di Lipari… un film già visto. Concluso al grido di "vergogna…"

Chi pensava che l'odierna seduta del consiglio comunale di Lipari potesse concludersi in maniera diversa dai precedenti, rimarrà deluso. 

Anche oggi una "conclusione ingloriosa", secondo un copione uguale a quello delle precedenti sedute,  con il sindaco Riccardo Gullo che, lasciando l'aula, rivolto ai due consiglieri di minoranza Adolfo Sabatini e Gaetano Orto (che facevano parte dei consigli comunali e delle giunte dell'era Giorgianni), li apostrofa con un "Dovete vergognarvi, in dieci anni avete rovinato la Sanità". Ovviamente la replica di Sabatini non si è fatta attendere. "Ti devi vergognare tu che ci accusi sempre".

Insomma, uno spettacolo "democratico" andato in scena anche attraverso la diretta sul sito web del Comune.

Ad agitare gli animi, la proposta del consigliere Gianni Iacolino, votata favorevolmente dai 9 nove consiglieri di maggioranza, presenti in aula, di ritenere inaccettabile l'ordine del giorno, presentato dai capigruppo Adolfo Sabatini e Gaetano Orto, che, a proposito di sanità, chiedeva di trattare  la tematica delle terapie oncologiche, evidenziata, proprio nelle ultime ore, dal comitato "Amici dell'ospedale".

La proposta Iacolino, poi passata, riteneva inaccettabile l'odg della  minoranza, perchè l'argomento sanità era già stato trattato ampiamente nel consiglio comunale congiunto del 24 agosto, sfociato in un documento unitario dei 4 consigli comunali eoliani. 

Prima del round finale il consiglio ha trovato il tempo di eleggere i componenti della commissione elettorale, che sono Sofia Frasca, Antonella Starvaggi e Adolfo Sabatini, ed approvare, all'unanimità, la delibera sul servizio idrico integrato.

Da segnalare, infine, le 5 clessidre, apparse stamane sul tavolo della presidenza: 5 così come  è il numero dei consiglieri di minoranza, solo un caso?