Consiglio comunale di Lipari da il via libera all’odg sulla “Sanità alle Eolie”, ivi compresa riapertura “Punto Nascita”

Via libera dal consiglio comunale di Lipari all'ordine del giorno sulla "Sanità alle Eolie" che evidenzia tutta una serie di priorità "spettanti" al territorio, non ultimo il "Punto nascita". Ai lavori erano presenti 15 consiglieri. Assente il sindaco Marco Giorgianni, in trasferta a Palermo, l'amministrazione era rappresentata dall'assessore Fabiola Centurrino.
Il documento sarà inoltrato al Ministero della Salute, alla Presidenza della Regione Sicilia, all’Assessorato Regionale alla Sanità, e per conoscenza alla Presidenza della XII Commissione Affari Sociali, Igiene e Sanità del Senato e della Camera dei Deputati, alla Presidenza della IV Commissione Regionale Servizi Sociali e Sanitari, al Prefetto di Messina e alla Direzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale 5 di Messina

L' ORDINE DEL GIORNO APPROVATO
Il Consiglio Comunale di Lipari
premesso che
l’Ospedale di Lipari costituisce il principale riferimento sanitario per un arcipelago di sette isole dove si registrano una popolazione residente di circa 15.000 abitanti e, sulla base dei dati disponibili per l’ultimo decennio, una media annuale di 120-130 nascite;
lo stesso comprensorio è interessato da oltre 500.000 presenze turistiche annuali, dato che lo qualifica tra le principali destinazioni turistiche tra le isole minori italiane e su scala regionale;
                                                                                       
l’arcipelago ospita tre vulcani attivi (Vulcano, Stromboli e Panarea), che fino a un recente passato hanno motivato la definizione di uno “stato di emergenza” per l’intero comprensorio, e risulta caratterizzato da un’elevata densità di fenomeni di natura sismica;
il tempo richiesto per coprire la distanza tra le isole e la terraferma con un mezzo veloce (aliscafo o monocarena) varia da un minimo di 60 a un massimo di 180 minuti;
le isole sono servite esclusivamente da collegamenti marittimi che, nell’assetto attuale, risultano soggetti a interruzioni quotidiane di 12 ore nella fascia notturna, ma che vengono spesso sospesi in presenza di condizioni meteo-marine avverse, anche per più giorni consecutivi e con una frequenza di casi particolarmente elevata in alcuni periodi dell’anno;
anche il servizio di elisoccorso può divenire particolarmente complesso o essere del tutto impedito da condizioni meteorologiche avverse, e in ogni caso le operazioni con mezzi elicotteristici si espletano spesso con tempi superiori ai 60 minuti;
considerato che
il mantenimento del punto nascita dell’Ospedale di Lipari era stato previsto nel Decreto dell’Assessore alla Sanità del 14/1/2015 “Riqualificazione e rifunzionalizzazione della rete ospedaliera-territoriale della Regione Sicilia”, pubblicato sulla GURS il 23/1/2015, ma lo stesso Assessorato non ha predisposto alcun progetto per garantire una prosecuzione dell’attività relativa a gravidanze fisiologiche e non a rischio, e il punto nascita non ha pertanto ottenuto la deroga dal Ministero della Salute;
nel caso dell’isola di Pantelleria, le particolari caratteristiche “oro-geografiche” sono state tuttavia ritenute motivazioni valide a supporto di soluzioni idonee per il mantenimento del locale punto nascita;
nel più ampio panorama delle isole minori italiane, assume particolare rilievo il “Progetto sanità insulare Isola d’Elba”, approvato dal Consiglio comunale di Rio Marina con delibera n. 12 del 9/4/2015 e successivamente recepito dal Consiglio Regionale della Toscana, dove l’Ospedale di Portoferraio viene classificato come “ospedale di base” e tra le sue funzioni operative viene previsto il punto nascita;
nel corso delle ultime settimane sono state raccolte oltre 4.000 firme su supporto cartaceo e oltre 1.500 on-line a sostegno di una petizione per la riapertura del punto nascita dell’Ospedale di Lipari;
ritenuto che
il diverso trattamento riservato all’Ospedale di Lipari e al suo punto nascita appare fortemente discriminatorio e contraddittorio, soprattutto alla luce delle caratteristiche geografiche e demografiche dell’arcipelago;
il trasferimento sulla terraferma, a fronte delle richiamate difficoltà derivanti dagli orari dei collegamenti marittimi o dalle loro frequenti interruzioni, comporti – oltre a comprensibili e gravi disagi di natura psicologica, affettiva e logistica – la necessità di affrontare costi elevati per il viaggio e il soggiorno, tanto in attesa del parto quanto in seguito all’evento, e l’inevitabile perdita di giornate di lavoro per congiunti e familiari;
l’elevata frequenza di tali casi produca rilevanti danni sia al principio delle pari opportunità, sia all’economia locale, e che il perdurare di tale situazione determini discriminazioni di natura economica e sociale a svantaggio delle fasce più deboli, di fatto costrette a severe limitazioni nell’esercizio del diritto di accesso alla salute e all’assistenza sanitaria;
il servizio sanitario in un comprensorio micro-insulare non possa essere limitato a un servizio in rete o ridimensionato a presidio di prossimità, ma debba essere idoneo a fronteggiare emergenze sanitarie semplici, quali gravidanze fisiologiche, interventi chirurgici a bassa complessità e piccola chirurgia ambulatoriale, eventi traumatici – che possono risultare particolarmente frequenti durante la stagione turistica a seguito del massiccio afflusso di visitatori – e a garantire terapie di medio-lungo periodo che, se effettuate in terraferma, causerebbero gravi disagi soprattutto alle fasce più deboli;
DELIBERA
di inoltrare presso il Ministero della Salute, la Presidenza della Regione Sicilia, l’Assessorato Regionale alla Sanità, e per conoscenza alla Presidenza della XII Commissione Affari Sociali, Igiene e Sanità del Senato e della Camera dei Deputati, alla Presidenza della IV Commissione Regionale Servizi Sociali e Sanitari, al Prefetto di Messina e alla Direzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale 5 di Messina, le seguenti richieste:
1. Pieno ed effettivo riconoscimento del Comune di Lipari, e in generale di tutto il comprensorio insulare delle Eolie, quale area territoriale caratterizzata da particolari difficoltà di accesso ai servizi sanitari.
2. Applicazione del Piano Sanitario della Regione Siciliana 2011/2013 “Piano della Salute”, con particolare riferimento al capitolo 8 “Assistenza sanitaria nelle isole minori”, dove si afferma che il presidio ospedaliero micro-insulare deve essere inteso “nell’ottica di offrire un’assistenza di base alle popolazioni di riferimento; dovrà essere attivato il percorso nascita e il percorso chirurgico secondo la logica del ‘doppio binario’ che prevede il trasferimento in presidi a maggiore complessità delle gravidanze a rischio e dei pazienti che devono sottoporsi a interventi chirurgici di maggiore impegno, limitando quindi le attività ostetriche e chirurgiche in loco ai casi di minore complessità”.
3. Adozione delle linee di indirizzo del “Progetto pilota per l’ottimizzazione dell’assistenza sanitaria nelle isole minori e nelle località caratterizzate da difficoltà di accesso” approvato dalla conferenza Stato-Regioni il 30/07/2015, dove si stabilisce che “le Regioni possono mantenere punti nascita con parti inferiori a 500 l’anno, garantendo la presenza dei requisiti e degli standard di sicurezza previsti dall’accordo Stato-Regioni del 16/12/2010”.
4. Applicazione delle indicazioni fornite nel Decreto Ministeriale n. 70 del 2/4/2015, pubblicato su G.U. del 4/6/2015, in merito alla regolamentazione degli standard strutturali, tecnologici e quantitativi nell’assistenza ospedaliera sul territorio nazionale, con particolare riferimento al punto 9.2.2 “Presidi ospedalieri in zone particolarmente disagiate”.
5. Nell’ottica di una opportuna integrazione delle indicazioni che derivano dai dispositivi di legge e dai documenti sopra richiamati, l’Ospedale di Lipari deve pertanto essere considerato come “OSPEDALE DI BASE”, anche se con bacino di utenza inferiore a 80.000 abitanti, e come tale dotato di: PRONTO SOCCORSO, MEDICINA GENERALE, CHIRURGIA, ORTOPEDIA, OSTETRICIA E GINECOLOGIA, ANESTESIA E CAMERA IPERBARICA, DIAGNOSTICA PER IMMAGINI (con TAC e RM), PATOLOGIA CLINICA, EMOTECA.
6. Puntuale verifica dell’effettiva funzionalità dei servizi già esistenti tra quelli sopra richiamati e della loro conformità a quanto previsto dalla pianta organica dell’Ospedale di Lipari.
7. Rispetto delle indicazioni fornite dalla legge sui “Privilege” in merito alla valutazione dei requisiti professionali e della casistica nella selezione del personale medico-sanitario destinato alla turnazione presso l’Ospedale di Lipari.
8. Strutturazione di una rete in sinergia con i centri specialistici di riferimento per l’aggiornamento permanente del personale in forza all’Ospedale di Lipari, al fine di garantire la condivisione di percorsi, protocolli e linee guida e di evitare fenomeni quali isolamento e emarginazione professionale.
DELIBERA
altresì di impegnare il Sindaco e la Giunta ad attivare tutti i percorsi istituzionali finalizzati a conseguire positivi riscontri in merito alle istanze sopra formulate, e in particolare a richiedere entro tempi brevi la convocazione di un tavolo tecnico – di concerto con gli organi competenti della Regione Sicilia – per i necessari approfondimenti relativi alle stesse.