Altre foto della disastrosa mareggiata di oggi. Domani si riunisce il COC



Le prime tre foto si riferiscono a Vulcano, la quarta a Portinente. 
Domani alle 9,00, per fare un primo punto della situazione e pianificare interventi e richieste  - così come abbiamo appreso dall'assessore all Lucy Iacono - si riunirà il COC (Centro operativo comunale). 
Presumiamo, visti i danni di una certa rilevanza, verificatisi in lungo e in largo, che si chiederà anche lo stato di calamità naturale. 

Senato, via libera dalle commissioni: proroga al 2024 delle concessioni per i balneari. La nota di Licordari, Presidente di Assobalneari Italia

Via libera delle commissioni Bilancio e Affari Costituzionali del Senato agli emendamenti riguardanti le misure sui balneari. Il relatore del provvedimento Dario Damiani, a margine dei lavori, ha confermato che sono stati approvati gli emendamenti dei relatori e quelli riformulati di Fi e Lega.

Gli emendamenti, presentati al decreto Milleproroghe e approvati, prevedono la proroga di un anno delle attuali concessioni, quindi fino al 31 dicembre 2024, concedono cinque mesi in più di tempo per l'esercizio della delega sulla mappatura delle spiagge date in concessione, che altrimenti scadrebbe il 27 febbraio 2023, e istituiscono un tavolo tecnico presso la Presidenza del Consiglio, con funzioni consultive, a cui partecipano i ministri competenti, le regioni e le associazioni di categoria.

Nel caso si dovessero verificare impedimenti oggettivi all'espletamento delle gare, secondo quanto previsto dalle norme, le attuali concessioni possono restare valide fino al 31 dicembre 2025.

Su quanto verificatosi a Palazzo Madama riceviamo  da Luigi Sabatini, presidente dell'Associazione Balneari delle Isole Eolie, questo comunicato diffuso da Fabrizio Licordari Presidente di Assobalneari Itália aderente a Federturismo Confindustria:

COMUNICATO STAMPA ASSOBALNEARI ITALIA

 Quanto approvato oggi nelle Commissioni del Senato è il primo passo per avviare una interlocuzione approfondita nei confronti dell’ Europa, che fino ad oggi nessun Governo ha mai condotto con ferma determinazione. Sono 14 anni che Assobalneari Italia ripete che le procedure selettive considerate nella Direttiva Servizi non hanno i presupposti per essere applicate alle concessioni turistico ricreative, modello tipicamente italiano, che fa parte della cultura del nostro Paese e che, mi sembra del tutto evidente, oggi fanno gola a potenti gruppi economici, che vorrebbero impossessarsi di questa fetta di economia italiana.
Gli emendamenti presentati da FI e Lega condivisi da FDI permetteranno alla  coalizione guidata dal nostro Presidente del Consiglio On. Giorgia Meloni di presentarsi davanti agli interlocutori europei con le giuste motivazioni per mettere la parola fine a questa vicenda che si trascina ormai da anni e che sta esasperando una delle categorie economiche più importanti del Turismo Italiano. Quelle che erroneamente vengono definite “aste” non le abbiamo mai accettate e mai le accetteremo perché siamo concessionari di un bene e non di un servizio, e la risorsa non è limitata come dimostreremo con dati certi alla mano, rientrando perciò nei casi di inapplicabilità della Direttiva.
Dispiace leggere dichiarazioni sterili e faziose del portavoce dei Verdi Bonelli, alle quali rispondiamo che dovrebbe innanzi tutto informarsi meglio quando rapporta il fatturato complessivo del nostro comparto con la rendita per lo Stato della tassa di concessione. Infatti questa oltre ad avere subito un aumento del 25% voluto proprio da questo Governo e non da quelli di sinistra che lui ha sempre appoggiato, non è da parametrare al fatturato. Forse Bonelli non sa che il fatturato di una azienda è sottoposto ad un regime fiscale ben preciso con una pressione fiscale ed un costo del lavoro tra le più alte d’ Europa, forse ignora che dobbiamo pagare l’ IMU pur essendo affittuari, e forse ignora anche che paghiamo un’ IVA del 22% contro quella del 10% delle altre imprese turistiche, la più alta in Europa per il settore. E forse Bonelli fa finta di non sapere che i danni subiti dalle continue mareggiare vengono sostenuti dai concessionari perché il “padrone di casa” non muove un dito.
Mi sarei aspettato invece dall’ On. Bonelli, così attento alle problematiche ambientali, un sostegno ad una categoria che sostiene proprio la qualità dell’ ambiente, anche per interesse diretto, mantenendo puliti ed in ordine i litorali in concessione provvedendo alla manutenzione e contribuendo alla difesa dall’ erosione. Forse Bonelli è disattento e superficiale nell’ affrontare queste questioni che riguardano centinaia di migliaia di posti di lavoro come lo è anche stato nel sostenere la candidatura del Signor Soumahoro che tanti problemi politici gli ha dato.
Lo dichiara Fabrizio Licordari Presidente di Assobalneari Itália aderente a Federturismo Confindustria

VULCANO: I CARABINIERI DENUNCIANO DUE PERSONE E NE SANZIONANO ALTRE DUE PER ILLECITI IN MATERIA AMBIENTALE.

 COMUNICATO

I Carabinieri della Stazione di Vulcano hanno deferito in stato di libertà due persone per abbandono incontrollato di rifiuti pericolosi sul suolo da parte di titolare d’impresa e per attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Nell’ambito delle attività di verifica del rispetto delle norme in materia ambientale, i militari hanno proceduto al controllo di diversi terreni presenti sull’isola di Vulcano, al fine di prevenire e contrastare le condotte illecite connesse allo smaltimento dei rifiuti, che deturpano la bellezza del territorio, oltre a causare gravi danni all’ambiente naturale e alla salute.

In particolare, in un terreno è stata rinvenuta la carcassa di un veicolo in stato di abbandono ed avanzato degrado, tale da essere qualificato quale rifiuto speciale pericoloso, per cui il proprietario, titolare di una ditta individuale, è stato deferito; in un altro terreno, di 2.700 mq di ampiezza, è stata documentata l’esistenza di una vera e propria discarica abusiva con all’interno svariati cumuli di rifiuti misti, sia urbani che speciali, anche pericolosi, tra cui numerosi pannelli in eternitdanneggiati, anche interrati, delle cisterne del medesimo materiale, due carcasse di roulotte contenenti immondizia e materiale vario, tra cui legno, plastica, ferro, frigoriferi, televisori, pannelli in vetroresina, guaine in catrame, vettovaglie, mobilia danneggiata e materiale elettrico. Anche per questo rinvenimento è stato deferito il proprietario del fondo.

Le aree controllate ed i materiali rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro, informando l’Autorità giudiziaria e quella amministrativa.

Inoltre, i Carabinieri hanno sanzionato amministrativamente altre due persone per abbandono incontrollato di rifiuti pericolosi sul suolo da parte di un privato, in quanto, nei terreni di proprietà, sono stati rinvenuti, rispettivamente, da una parte le carcasse di due automobili e di una roulotte,prive di targhe, dall’altra la carcassa di un’altra roulotte abbandonata; per i mezzi in questione, anche questi ormai qualificati quali rifiuti in ragione dello stato di abbandono e degrado, i Carabinieri hanno intimato ai proprietari la rimozione per il successivo smaltimento.

I controlli dei Carabinieri proseguiranno al fine di accertare la presenza di eventuali ulteriori violazioni alle normative in tema ambientale, settore delicato e di rilevante importanza, da monitorare costantemente.

Isole minori, dall’Ars stanziati 1,4 milioni di euro per il trasporto gratuito di forze armate e dipendenti pubblici e per i residenti nelle isole più remote

Proseguiranno fino al 2025 le riduzioni e gratuità dei costi di trasporto per i residenti nelle isole minori e per chi vi lavora. Questo il risultato del voto di ieri sera all’Assemblea Regionale Siciliana che, su proposta del Governo, ha stanziato complessivamente un milione e quattrocentomila euro. In particolare, 800 mila euro sono destinati alla gratuità dei biglietti verso e dalle isole minori per i dipendenti pubblici che vi prestano servizio, 200 mila euro sono destinati alla riduzione dei costi per i dipendenti privati e 400 mila euro sono destinati ai residenti, per gli spostamenti interni agli arcipelaghi interessati.

In particolare i residenti di Alicudi e Filicudi potranno spostarsi verso e da Lipari, quelli di Marettimo e Levanzo da e verso Favignana e infine i residenti a Linosa potranno spostarsi da e verso Lampedusa.
Commentando il voto, il capogruppo di Forza Italia all’ARS Stefano Pellegrino, commenta che “si è trattato di un intervento che noi consideriamo come dovuto verso quei cittadini che vivono o lavorano in
una condizione di svantaggio geografico e ai quali è doveroso riconoscere un sostegno economico. Anche in questo caso – conclude Pellegrino – un plauso va al Governo Schifani ed in particolare all’Assessore Falcone per aver mostrato sensibilità e attenzione a questo tema, individuando le somme necessarie.”

Auguri di…

Buon compleanno a Sara Garofalo, Francesco Basile, Giovanna Di Blasi, Merina Deidda, Lele Dan Santacroce, Silvio Spanò, Mariella Aloe, Lorenzo Lomazzi, Bartolo Munafò, Valentina Granata, Bartolo De Gregorio

Maltempo. Il porto di Sottomonastero sott’acqua, auto "a mollo" sulla Mariano Amendola e mareggiata a Canneto e Vulcano (5 foto)

L'annunciato maltempo è arrivato. Le foto scattate qualche minuto fa evidenziano l'invasione dei marosi a Lipari. Acqua salmastra, pietre e detriti vari sono depositati a Marina  Lunga e Canneto, critica la situazione a Calandra. A Sottomonastero sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. 

A Vulcano area portuale invasa dai marosi e strada del porto chiusa

A breve un video della mareggiata a Sottomonastero e a Marina Lunga