Isole minori, Schifani: «Tariffe agevolate anche per insegnanti, sanitari e forze dell’ordine»

Tariffe agevolate per tutti quei lavoratori, come insegnanti, operatori sanitari e forze dell'ordine, che svolgono una funzione pubblica nelle isole minori della Sicilia. È l'obiettivo della Regione Siciliana che ha avviato un'interlocuzione con i gestori dei collegamenti marittimi.

«Dopo aver risolto tempestivamente il problema del taglio delle corse dal primo novembre e aver potenziato il sistema anche con lo sblocco delle nuove gare - ha annunciato il presidente della Regione Renato Schifani - proveremo a equiparare queste figure di lavoratori pubblici a quelle dei residenti. Stiamo studiando tecnicamente come fare, valutando anche la necessaria copertura. I sindaci ci avevano rappresentato una situazione di enorme difficoltà e noi abbiamo assunto impegni che abbiamo mantenuto. Ora facciamo un altro passo avanti».

La proposta è stata presentata oggi a Palazzo d'Orleans dove il presidente Schifani, l'assessore delle Infrastrutture e della mobilità Alessandro Aricò, il dirigente generale del dipartimento regionale dei Trasporti Fulvio Bellomo, la dirigente del Trasporto regionale aereo e marittimo Doretea Piazza hanno incontrato i sindaci di Lipari, Santa Marina di Salina, Favignana, Lampedusa e Linosa, Leni, Pantelleria, Malfa, i responsabili di Siremar e Liberty Lines, il comitato dei trasporti Eolie e Federalberghi Isole Minori Sicilia.

«Il presidente Schifani aveva già accolto il grido di allarme dei sindaci, oggi ci siamo rivisti per affrontare altre criticità. Saremo sempre al fianco dei primi cittadini, dei residenti, dei dimoranti e dei lavoratori - ha aggiunto l'assessore Aricò - è nostra intenzione anche riattivare l'ufficio Isole minori presso la Regione, nel rispetto di una specificità che necessita di tutta la nostra attenzione».

"Metti un punto lasciati aiutare". L’Arma contro la violenza sulle donne

In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’Arma dei Carabinieri ha organizzato una campagna di sensibilizzazione articolata su tante iniziative diverse, che hanno tutte un solo filo conduttore: dire “No!” e “Mettere un punto” a qualsiasi forma di comportamento violento – sia fisico che psicologico – contro le donne. Le tante iniziative – che hanno coinvolto i media tradizionali, il web e i social – hanno anche un altro obiettivo fondamentale: quello di convincere tutte le donne che subiscono maltrattamenti o vessazioni di qualsiasi tipo a denunciare con fiducia ai Carabinieri. Non è giusto subire violenze o privazioni della propria dignità neanche all’interno delle mura domestiche, quando l’autore è una persona cara. È per questo che l’Arma punta a far diminuire il numero dei cosiddetti “reati sommersi”, spronando le vittime a muovere il primo passo verso la libertà: sporgere denuncia.

Anche quest’anno, in occasione di questa importante giornata, tante caserme, a livello nazionale, si illuminano di arancione, in adesione alla campagna internazionale “Orange the World” come segnale tangibile dell’assoluta attenzione e priorità dell’Arma a invogliare le donne vittime di violenze a denunciare. Nonostante la crisi energetica, l’Arma non ha voluto rinunciare a questo forte segnale simbolico e lo ha fatto – questo è bene sottolinearlo – senza aumentare i consumi energetici con nuove illuminazioni, ma semplicemente usando quelle già attive. In provincia di Messina, nella serata, saranno illuminate di arancione le sedi del Comando Provinciale e della Compagnia di Santo Stefano di Camastra, che, insieme alla Compagnia di Milazzo, ospitano una stanza del progetto “Una stanza tutta per sé”. Il progetto, che consiste nell’allestimento, all’interno di Caserme dell’Arma, di locali idonei all’ascolto protetto di donne vittime di violenza ed è stato realizzato d’intesa con Soroptimist International d’Italia, ha consentito di predisporre, ad oggi, 155stanze su tutto il territorio nazionale con il fine di accogliere in un ambiente confortevole e meno “istituzionale” le vittime di abusi.

È questa l’occasione giusta anche per ricordare che questo triste fenomeno si combatte anzitutto formando uomini e donne rispettosi della legalità. Questa sfida comincia da lontano, tra i banchi di scuola, quando si forma la cultura ma soprattutto la coscienza dei cittadini del futuro. In tale ottica, i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno affrontato la tematica sulla violenza di genere anche durante gli incontri sulla “cultura della legalità”,che sono stati avviati anche quest’anno, presso gli Istituti Scolastici presenti nella provincia peloritana.

Sul sito www.carabinieri.it, inoltre, è stata dedicata un’intera area tematica sul “codice rosso”, dove è possibile trovare tante informazioni utili su: atti persecutori, bullismo, cyberbullismo, maltrattamenti, revenge porn, violenza sessuale ecc. Nell’area tematica è possibile trovare anche il “Violenzametro” un test di autovalutazione, elaborato dal Reparto Analisi Criminologiche del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche, per rilevare i segnali del livello di violenza di genere subita in un rapporto di coppia. Contiene consigli utili per chiedere supporto e aiuto in base al livello di violenza riscontrata.

Il link dell’area tematica “codice rosso”:

http://www.carabinieri.it/in-vostro-aiuto/consigli/codice-rosso/codice-rosso

Auguri di…

Buon Compleanno a Francesca D'Amico, Sebastiano Giaquinta, Margherita Aiello, Francesco Leone, Laura Chowaniec, Graziella Maiorana,  Melissa Giunta, Federica Cipicchia, Alessia Berlato, Claudio Fichera, Fulvio Musicò, Giuseppina Saltalamacchia, Giuseppe Bucca, Raffaele Rifici, Pietro Cappelli, Gianluca Corrado