Trasporti marittimi. Gullo: "Continuano sollecitazioni al Ministero per ripristino collegamenti essenziali"

Comunicato

Ancora in attesa di notizie dalla Capitale. Continuano le sollecitazioni al Ministero per il ripristino dei collegamenti essenziali tra le isole e la terraferma oggetto di affidamento a Societa' di navigazione tramite convenzione. I tagli ai collegamenti effettuati dalla Societa' di Navigazione, non andavano fatti, come richiesto dai Sindaci delle isole siciliane e sostenuto dal Presidente della Regione, on.le Renato Schifani. Invece i tagli sono stati fatti e le isole sono piombate nel caos come era facile immaginare e come se i problemi non fossero mancati (Sanita', Scuola, caro energia, ecc.). 

Il dirigente dell'Assessorato Regionale ai trasporti, Fulvio Bellomo, chiede ai sindaci ancora qualche giorno di tempo per consentire al Ministero di trovare una soluzione. 

I sindaci, nel rappresentare le enormi difficoltà, sollecitano una immediata azione risolutiva al fine di scongiurare l'aggravarsi della crisi sociale che investe le comunità isolane e ulteriori azione di protesta.

Delocalizzazione di un fabbricato a Ginostra: Comitato rende nota precisazione Protezione Civile regionale

Comunicato Stampa

 Nota chiarificatrice della Protezione Civile Regionale sulla paventata delocalizzazione di un immobile a Ginostra, nell’ambito dei lavori di consolidamento e messa in sicurezza del costone roccioso, in cui si precisa: “Circa la paventata delocalizzazione di un immobile in pieno centro storico a Ginostra nel contesto dei lavori di messa in sicurezza e consolidamento del costone roccioso della frazione - emergenza Stromboli 2019 -  che stravolgerebbe luoghi di incomparabile bellezza, occorre precisare - scrive il Dirigente Regionale, Salvo Cocina -  che quanto lamentato dagli abitanti non trova riscontro nell’ambito dei lavori di consolidamento previsti in quanto il progetto in corso di attuazione prevede semplicemente la demolizione di una quota parte di volume annesso ad una esistente abitazione dell’abitato di Ginostra. Il Sindaco di Lipari, inoltre, per come riportato - continua il rappresentante della Protezione Civile - nel sopralluogo eseguito in data 24/06/2022 congiuntamente ai tecnici del DPC nazionale, dell’Ufficio del Genio Civile di Messina e del Progettista e DLL, nell’ambito della revisione in atto del P.R.G. si è assunto l’impegno, con la proprietaria della quota parte del volume oggetto di demolizione, di consentire la ridislocazione del volume demolito in un altro posto all’interno del medesimo lotto e comunque in aderenza  all’abitazione. Si ritiene infine opportuno fare osservare - conclude il Dirigente - che le competenze in materia urbanistica, edilizia, paesaggistica ed ambientale, strettamente connesse alla paventata delocalizzazione segnalata attengono ad altri organi della Pubblica Amministrazione.

Siamo fiduciosi e ci auguriamo  che gli Enti interessati, ed in particolare il Sindaco di Lipari, vaglieranno attentamente la questione affinché  venga raggiunto l’obiettivo del consolidamento, messa in sicurezza e conservazione delle strutture pubbliche e private, non permettendo forzature (la dislocazione dell’intero immobile) che potrebbero stravolgere irrimediabilmente  luoghi d’incomparabile bellezza naturale e tenendo conto in particolar modo dei vincoli di salvaguardia ambientale ed inerenti all’assetto idrogeologico del delicato territorio in cui si va ad operare.

Comitato Per Ginostra

Gianluca Giuffrè

Pasquale Giuffrè

Erina Lo Schiavo

Monika Supicova ed altri

Ginostra, 08/11/2022

 

Alla Guardia costiera di Lipari da oggi stop all’ascolto radio notturno

La sala operativa del Circomare - Guardia Costiera di Lipari, da oggi, 8 novembre 2022, cesserà l’ascolto radio dalle ore 20:00 alle ore 08:00. In questa fascia oraria l’ascolto e le comunicazioni VHF saranno assicurate dalla Capitaneria di Porto di Milazzo, sempre contattabile al numero 090-9222587.

La Guardia Costiera di Lipari continuerà a garantire il servizio di ricerca e soccorso in mare, 24h su 24h. Lo comunica il comandante T.V. Mario De Bellis.

Gullo: "Abbiamo ereditato pre dissesto e nuovi debiti". Giorgianni: Nessun pre dissesto e quali sono i nuovi debiti?"

Il sindaco di Lipari Riccardo Gullo ha, tra le altre cose, dichiarato al Notiziario delle Eolie
 
"Sia chiaro: abbiamo ereditato un pre dissesto, non possiamo fare ulteriori spese. Abbiamo dovuto bloccare ogni spesa per non precipitare nel baratro. Non dico i debiti che ogni giorno compaiono.

Quello che è successo è un miracolo, aver allontanato la casta dall’amministrazione comunale per cinque anni è stato un vero miracolo, hanno lasciato soltanto macerie”.
Ora per rilanciare il Comune si attende l’approvazione del nuovo bilancio che si sta tentando di chiudere tra non poche difficoltà. Anche perché già i nuovi debiti ammontano a circa 6 milioni di euro".


Non si è fatta attendere la replica dell'ex sindaco Marco Giorgianni, inviata anche ad Eolienews:

Leggo esterrefatto le dichiarazioni del Sindaco Gullo alle quali, mio malgrado, non posso esimermi dal replicare.

Le stesse iniziano con una evidente falsità laddove afferma che “abbiamo ereditato una condizione di pre-dissesto”, e vorrei rammentare che, prima della fine del mio mandato, è stato approvato il bilancio - evitando appunto il dissesto - per l’anno 2021 e per la triennalità 2021-22-23, perfettamente quadrato, senza disavanzi e senza debiti emersi non finanziati, adottato certamente non senza difficoltà ma con tutti i pareri positivi, sia dei tecnici che dei Revisori dei Conti.

Mentre ricordo bene come a me e alla mia Amministrazione sia sempre stato rimproverato di adottare il bilancio in ritardo, non posso che sperare – visto che siamo a novembre inoltrato - che l’attuale Amministrazione sia comunque in grado di raggiungere lo stesso obiettivo: “forse”, come ho sempre affermato, ci si inizia a rendere conto quanto il bilancio del Comune di Lipari sia stato ed è fortemente condizionato da meccanismi e trasferimenti non dipendenti dalla Amministrazione in carica. Né la strutturale deficitarietà, a volte rilevata negli anni e sempre rientrata, può essere rappresentata ai cittadini come una condizione di pre-dissesto, cosa che potrà confermare chiunque si occupi di finanza pubblica.

Che vi siano debiti fuori bilancio, è una condizione purtroppo ricorrente e non così “eclatante” o scandalosa , nella misura in cui, l’approvazione del bilancio avviene oltre termine obbligando a fare delle spese senza che gli uffici abbiano potuto provvedere a fare prima gli impegni di spesa, o magari anche per l’emissione di ordinanze sindacali urgenti.

Sono convinto che la mia Amministrazione abbia subìto questo fenomeno in maggior grado, senza che io abbia mai, per dieci anni, motivato i miei interventi parlando delle Amministrazioni che mi avevano preceduto; ma questa è stata una mia scelta.

E’ un fatto che, durante i miei 2 mandati si siamo stati capaci di pagare circa 10.000.000,00 di debiti fuori bilancio, non contratti dalla mia Amministrazione (quelli sì in gran parte “nuovi”), e anche per me questo ha comportato il blocco, per gran parte dell’anno, delle spese, come attestato formalmente in più occasioni dall’allora Ragioniere, senza che ciò comportasse omissione nello svolgimento di moltissimi servizi, oggi lodevolmente suppliti dal volontariato, compresi quelli relativi a elipiste e cimiteri.

Le dichiarazioni del Sindaco Gullo, poi, si concludono con una dichiarazione che chiedo venga pubblicamente chiarita, ovvero quella per cui “i nuovi debiti ammontano a circa 6.000.000,00 di euro”.

E il caso che si specifichi se questi debiti siano ”nuovi” o se già considerai nei bilanci precedenti con adeguata copertura specifica o nel fondi di garanzia previsti dalla legge e quantificati dai tecnici(gli stessi presenti durante il mio ultimo mandato). e assicurata dalla precedente Amministrazione o quanti siano stati tra questi rappresentati alla precedente amministrazione senza riscontro. A meno che il Sindaco quando parla di 6.000.000,00 di debiti ometta di dire che sono quelli che sono ancora da pagare ma a cui io comunque mi sono fatto carico di dare copertura nei bilanci approvati.

Vale la pena, a questo punto, sfatare la leggenda di una Amministrazione uscente che non ha lasciato un euro, chiarendo una volta per tutte, e senza paura di smentita, di aver lasciato, ad esempio, ben 1.500.000,00 euro (che io non avevo a disposizione) provenienti dal contributo di sbarco da destinare alla cura e manutenzione del territorio e solo temporaneamente accantonati a copertura del trasporto nave rifiuti, che si sarebbero potuti liberare all’ottenimento del dovuto decreto regionale che - come ho già affermato, nell’unica altra occasione in cui sono intervenuto pubblicamente in questi mesi - non è dato di conoscere se ottenuto o meno, come avveniva ogni anno generalmente nel mese di luglio.

E mentre si tenta, maldestramente, di far ricadere sempre, ogni difficoltà certamente presente e da affrontare, sulla Amministrazione precedente, ci si guarda bene dal riconoscere le grandi opportunità ereditate, grazie al lavoro di chi ci ha preceduto, come nel caso di questi giorni, del decreto di conferma emesso dal ministero per 53.000.000,00 del Programma Isole verdi per il Comune di Lipari, frutto del lavoro della precedente Amministrazione o ancora dei lavori in attivazione, sempre in questi giorni, dell’edificio nella piazza di Stromboli o della strada, sempre su Stromboli.

Concludo con il ribadire di non avere avuto ne di avere una preconcetta avversione a questa Amministrazione. Non ho partecipato alla campagna elettorale e sono stato in silenzio prima, durante e dopo, ma non sono disposto, visto che sono oggi un cittadino, a fare da capro espiatorio per tutti e in ogni occasione.

Perdete meno tempo a cercare colpevoli che non ci sono e occupatelo per trovare le soluzioni come deve fare chi “amministra”.

In merito al termine di “casta” utilizzato da Sindaco che ha fatto per decenni il Sindaco in diversi comuni, credo che ciò non meriti commenti.

Aspettandomi una sicura replica spero che la stessa contenga la risposta alla mia domanda sui fantomatici sei milioni di “nuovi”, debiti e se dovessi essere smentito, che siano riportati dati certi, come quelli che io in questa nota ho liberamente e consapevolmente espresso.

Marco Giorgianni

Ricordando… Vincenzo Basile, maestro scalpellino eoliano


Riparte la rubrica "Ricordando" dove sarà pubblicata, in modo casuale, giornalmente, una foto degli Eoliani o amici delle Eolie che non ci sono più. Ovviamente tra quelle presenti nel nostro archivio.

La pubblicazione di foto a vostra richiesta, anche per commemorazioni, ricorrenze ecc., potrà, invece, avvenire previo contributo da erogare ad Eolienews.

Per tale tipo di pubblicazioni contattare il 3395798235 (preferibilmente whatsapp)