Autorità di bacino, emanata direttiva per pulizia e manutenzione degli alvei dei corsi d’acqua

Curare la manutenzione della vegetazione negli alvei dei corsi d'acqua, in modo da favorire la funzionalità idraulica ed evitare pericolose esondazioni, senza però danneggiare vegetazione ed ecosistema. È quanto stabilito dalla direttiva emanata dagli uffici dell'Autorità di bacino, coordinati da Leonardo Santoro. Il provvedimento, destinato tra gli altri a comuni, città metropolitane e consorzi comunali, punta a raggiungere un duplice obiettivo: coniugare il mantenimento della funzionalità idraulica dei corsi d’acqua con la tutela della vegetazione fluviale. Il criterio base della direttiva è, infatti, quello di rimuovere la vegetazione quando costituisce un ostacolo al regolare deflusso delle acque, e assicurare un “mantenimento controllato” quando invece favorisce la stabilità delle sponde.

«L’attività di manutenzione del verde volta a tutelare l’ecosistema fluviale e, contestualmente, a garantire l’efficienza idraulica – dice Leonardo Santoro, segretario generale dell'Autorità di Bacino – riduce possibili situazioni di rischio idraulico e di pericolo per la pubblica e privata incolumità derivanti da eventuali esondazioni. Non va poi dimenticato come, anche se dovuto ad altre cause, una buona manutenzione della vegetazione, metta al riparo anche dal rischio incendi nella stagione asciutta. Gli interventi che suggeriamo – prosegue Santoro – non necessitano di alcuna preventiva autorizzazione dall'Autorità di Bacino, ma solo una preventiva comunicazione. L'Autorità curerà la vigilanza sul territorio, nell’ambito delle proprie competenze di polizia idraulica, rimanendo disponibile a fornire tutti i necessari supporti tecnici utili all’attuazione delle misure di mitigazione del rischio».

Musica: al via il Salina Jazz Festival. Dal 23 al 25 settembre, Robertinho De Paula e concerti all’alba

(ANSA) - PALERMO, 13 SET - Ai nastri di partenza il "Salina Jazz Festival", giunto alla sua sesta edizione, in scena da venerdì 23 sino a domenica 25 settembre.

Un Festival Jazz unico che accarezza ed unisce in perfetta armonia la musica all'Isola, al mare ed al suono del silenzio della natura immersa.

Tra i protagonisti del Festival l'artista internazionale Robertinho De Paula, figlio del noto chitarrista brasiliano Irio a cui viene dedicato il concerto in programma il 24 settembre alle ore 21.30 a Palazzo Marchetti, sede del Festival.
    Il Salina Jazz Festival nasce dalla collaborazione oramai più che ventennale tra Clara Rametta, sindaco di Malfa e fondatrice dell'Associazione Didime 90 e Giuseppe Urso, che ne firma l'ideazione e la direzione artistica. Grandi novità per questa edizione con un doppio appuntamento giornaliero, uno alle ore 19.30 ed a seguire alle ore 21.30. Ad esibirsi all'alba alle 6 del mattino, il giovane pianista Tommaso Lannino giorno 24 settembre a Malfa; altro giovane talento Arabella Rustico il 25semopre all'alba a Santa Marina. "Pensando al Salina Jazz Festival dice il direttore artistico Giuseppe Urso -, mi piace ricordare le parole di Haruki Murakami che afferma "l'incerto e fuggitivo bagliore di tante stelle si mescola alla luce di qualche stella fissa, questo è l'affascinante scenario che emerge dal mondo del jazz". E questo è ciò che provo ogni volta che gli artisti invitati al nostro Festival, in un luogo magico come l'Isola di Salina rappresenta, si esibiscono. Essere nuovamente a Salina con un programma fitto di concerti sia all'alba che dal tramonto sino a tarda sera, ci permettere di affermare il valore altissimo culturale della musica grazie anche alla volontà della mia amica Clara Rametta". (ANSA).

DE LUCA. CHIUSURA DI CAMPAGNA ELETTORALE IN PIAZZA A CATANIA, MESSINA E PALERMO. Messaggio elettorale autogestito


«Abbiamo condotto questa campagna a mani nude tra la gente. È stata la campagna elettorale dei siciliani. Il popolo ha scelto di scendere in piazza alla luce del sole. Ovunque siamo stati abbiamo trovato le piazze piene di gente. La partecipazione è stata straordinaria. Un chiaro segnale dell'entusiasmo che il progetto De Luca sindaco di Sicilia è riuscito a suscitare. Abbiamo fatto del nostro meglio, non ci siamo risparmiati e lo abbiamo fatto perché la nostra è una missione: cambiare tutto finalmente!»
Gli ultimi tre appuntamenti ci vedranno ancora una volta presente nelle piazze siciliane.

Si comincia stasera a Catania in piazza Manganelli alle ore 22:00.

Domani, giovedì 22 settembre, in programma il comizio a Messina in Piazza Duomo sempre alle ore 22:00.

La chiusura a Palermo, venerdì 23, è in piazza Politeama alle ore 22:00.