Turista non ritrova più il sentiero nell’area delle cave di pomice, recuperato da un elicottero dei vigili del fuoco (in aggiornamento)

Si è appena concluso nell'area delle ex cave di pomice di Porticello un intervento da parte di un elicottero dei Vigili del fuoco del Reparto Volo di Catania-Fontanarossa, chiamato a recuperare un turista straniero (rettore di una Università svizzera) che, dopo aver percorso una parte della ex montagna bianca, non riusciva a tornare più indietro.

A lanciare l'allarme, non vedendolo rientrare, la moglie che era rimasta in albergo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del distaccamento di Lipari che hanno battuto la montagna per un paio di ore, per poi avvistarlo in fondo ad un canalone, in località Rocche Rosse: stante l'impossibilità a raggiungerlo, hanno chiesto il supporto aereo dell'elicottero aw139, con a bordo personale SAF (Speleo alpino fluviale)

L'uomo è stato recuperato con l'ausilio del verricello in dotazione al mezzo aereo e portato in salvo, visibilmente impaurito ma, tutto sommato, in buone condizioni. Trasferito nell'elipista dell'ospedale è stato preso in carico dai sanitari 

Si è conclusa la “Settimana alle Isole Eolie” del Soroptimist International Club, annuale appuntamento con le socie di numerosi club d’Italia

Si è svolta dal 17 al 24 luglio la ormai tradizionale “Settimana alle Isole Eolie” organizzata dal Soroptimist Club Lipari - Isole Eolie, in una nuova edizione che ha visto la partecipazione di 30 socie di 13 Club nazionali (Piacenza, Bologna, Milano alla Scala, Venezia, Venezia Mestre, Modena, Ferrara, Milano Fondatore, Asti, Pavia, Ascoli Piceno, Salerno e Catanzaro) che hanno condiviso, insieme alle amiche eoliane, giorni di condivise emozioni per le bellezze che il nostro arcipelago, Patrimonio dell’Umanità, sa donare.
Il Club eoliano ha voluto “regalare” alle proprie ospiti un mix di esperienze che permettessero di conoscere le diverse isole per le bellezze naturalistiche e paesaggistiche ma anche storiche, culturali e gastronomiche, ricreando momenti di spensieratezza, convivialità e ottimo cibo della tradizione: il tour panoramico di Lipari, le escursioni in barca a Panarea, Stromboli, Ginostra, Pollara e Filicudi – dove si è potuto visitare il Pronto Soccorso Tartarughe Marine della Associazione Filicudi Wildlife Conservation -, la visita guidata al Museo Archeologico Eoliano Luigi Bernabò Brea accompagnate dalla Dott.ssa Maria Clara Martinelli la quale, nella successiva serata, ha presentato il suo libro “Isole vicine”, affascinando le partecipanti con la nostra storia più antica attraverso le scoperte archeologiche,
fino alla cena sociale conclusiva dove la presidente Francesca Sparacino e tutte le socie partecipanti si sono scambiate ringraziamenti e saluti e un caloroso “arrivederci” alla Settimana alle Eolie 2023.

No all’ordinanza "anti-bici" nel centro urbano di Lipari: le proposte delle associazioni

Riceviamo e pubblichiamo: 

Siamo costretti a ribadire, dopo quattro anni, la nostra contrarietà a ordinanze come quella recentemente reiterata dal Comune di Lipari che colpiscono in modo generalizzato l’uso delle biciclette nel centro urbano. Siamo ben consci del problema di sicurezza in area pedonale, e della mobilità in generale sull’isola, ma (sorpresa!) non pensiamo che il problema sia rappresentato dalle biciclette.

Pensiamo anzi che in un’isola sempre più motorizzata e veloce, con un piano di mobilità che esclude, invece che includere, gli utenti leggeri, l’uso della bicicletta (mezzo per antonomasia ecologico, democratico e silenzioso) vada incentivato, magari un minimo regolamentato, ma mai ostacolato.

Secondo l’articolo 3, comma 1 n. 2 del Codice della Strada, ecco cosa è un’area pedonale:
“zona interdetta alla circolazione dei veicoli, salvo quelli in servizio di emergenza, i velocipedi[biciclette, ndr] e i veicoli al servizio di persone con limitate o impedite capacità motorie, nonché eventuali deroghe per i veicoli ad emissioni zero aventi ingombro e velocità tali da poter essere assimilati ai velocipedi. In particolari situazioni i comuni possono introdurre, attraverso apposita segnalazione, ulteriori restrizioni alla circolazione su aree pedonali”.

Sfatiamo quindi da subito un mito: di norma in area pedonale le biciclette e i pedoni possono convivere, ed è auspicabile che lo facciano.
Certo, è nelle facoltà del Comune applicare ulteriori regolamentazioni.
Ma ci pare abnorme la scelte di vietare il transito in area regolamentata da ZTL anche alle biciclette dal primo agosto fino al 31 ottobre, assimilando “velocipedi, velocipedi a pedalata assistita, acceleratori di velocità, overboard, monopattini e skateboard”.

Parliamoci chiaramente: non è colpa di chi va alle Poste, a lavorare, a comprare la frutta o a scuola su una bici da passeggio, se per il Corso sfrecciano alcune “finte” biciclette – che in realtà sono motorini – che possono raggiungere i 40 km l’ora senza nemmeno pedalare.
Si limitino allora questo tipo di mezzi, ma lasciando libero accesso alle bici, soprattutto quelle tradizionali a propulsione umana.

Il Codice della Strada (art. 182 comma 4) parla chiaro: “I ciclisti devono condurre il veicolo a mano quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo per i pedoni. In tal caso sono assimilati ai pedoni e devono usare la comune diligenza e la comune prudenza”
La norma dunque esiste, e non ha senso invocare le difficoltà nel controllo 
e nella prevenzione per giustificare il senso di questa ordinanza: sarebbe come dire che è meglio chiudere tutte le banche perché qualcuno ogni tanto decide di rapinarle.

D’altro canto, le statistiche nazionali ci dicono che non risultano incidenti mortali causati da ciclisti, mentre è di traffico pesante che in realtà si muore. Anche nella nostra isola si muore, e si muore per incidenti stradali di, e tra, veicoli a motore.
In assenza di misure volte a moderare la velocità media sulla rete stradale di Lipari e consentano un traffico promiscuo sicuro tra automobili e biciclette (dissuasori, zone 30, piste ciclabili…), scacciare le bici dalle aree pedonali, significa mettere a rischio i ciclisti senza risolvere il problema della sicurezza stradale.


Invitiamo dunque l’Amministrazione a dare un segno di discontinuità rispetto al passato anche in questa materia, modificando l’ordinanza in una forma che tenga conto:

1) della necessità di una distinzione tra biciclette a trazione muscolare e i mezzi motorizzati;
2) della necessità di una valutazione di eventuali limitazioni in alcune fasce orarie dove effettivamente il traffico pedonale può risultare particolarmente congestionato;
3) di limitare in ogni caso il divieto al mese di agosto e non protrarlo in quelli successivi, perché sarebbe un provvedimento ingiustificato e mortificante per chi, nell’ottica di un maggior rispetto dell’ambiente e della qualità della vita, sceglie di usare la bicicletta in luogo dell’auto o del motorino.

Per il futuro, sperando di incontrarci a un tavolo già nel prossimo autunno, auspichiamo che la Giunta comunale si impegni alla stesura di un Piano per la Mobilità Sostenibile, che preveda:

– l’adozione del cosiddetto “biciplan” (piano per la mobilità ciclistica), come previsto dalla Legge nazionale 2/2018, art. 6;- l’introduzione di corsie ciclabili nel territorio comunale, per la sicurezza dei ciclisti e dei pedoni;
– l’installazione di rastrelliere per il parcheggio delle bici presso i maggiori luoghi di interesse (porto, scuole, uffici pubblici);
– l’avvio di un progetto di bike sharing;
– momenti di formazione ed educazione all’uso sicuro della bici;
– iniziative volte a diminuire la necessità dell’uso della macchina (carpooling, navette che colleghino mega parcheggio e centro storico, intensificazione e ampliamento del servizio di Trasporto Pubblico Locale);
– creazione, nei punti più pericolosi per gli utenti leggeri (pedoni e ciclisti), di zone 30: ovvero strade a velocità massima consentita di 30 km/h.

SOTTOSCRIVONO IL DOCUMENTO

Magazzino di Mutuo Soccorso – Eolie
Nesos
Valentino uno di noi ONLUS
Comitato 20-30
Biodistretto Eolie Aimée Carmoz
Nostros
Soroptimist Isole Eolie
Snoopy Tennis Club

Beni culturali, dalla Regione oltre 100 milioni: 850mila euro per il patrimonio culturale sottomarino delle Eolie

- Il porto romano di Sottomonastero
(Lipari) - 
Oltre cento milioni di euro per i beni culturali siciliani. Lo ha deciso il governo regionale su proposta dell'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà.Si tratta di un provvedimento che consente di restaurare importanti elementi del patrimonio storico-monumentale in tutte e nove le province dell'Isola e di finanziare diversi cantieri di scavo archeologico.

L'ammontare complessivo di 103 milioni di euro, con fondi del PSC - Piano Sviluppo e Coesione 2021/2027, garantisce la copertura economica di una cinquantina di interventi messi a punto dal Dipartimento dei Beni Culturali, diretto da Calogero Franco Fazio.

Fra le opere più significative:la realizzazione di un sistema antintrusione centralizzato per proteggere i musei e i parchi archeologici siciliani (7 milioni);
il finanziamento delle opere di consolidamento e restauro del complesso rupestre di Chiafura a Scicli (8 milioni);
gli interventi di messa in sicurezza del sito del museo delle Solfare di Trabia Tallarita (CL) a cura del Parco archeologico di Gela (5 milioni e 300 mila euro);
il completamento dei restauri del Tempio della Venere Ericina a Erice (1 milione e 800 mila);
il restauro e la valorizzazione della Villa Romana di Realmonte (AG) (2 milioni e mezzo) e quello dell'area archeologica di Eraclea Minoa (2 milioni);
gli scavi archeologici per portare in luce il teatro ellenistico di Halaesa Arconidea a Tusa (1 milione e mezzo) e quelli per completare le indagini e i cantieri di scavo del teatro dell'antica Akragas (1 milione);
il progetto della Soprintendenza di Ragusa per il Duomo di San Giorgio a Modica (3 milioni e 600 mila);
l'intervento di efficientamento energetico, impiantistico e per la realizzazione di una biblioteca a Villa Landolina, all'interno del parco storico del museo archeologico regionale Paolo Orsi di Siracusa (1 milione);
il progetto di consolidamento e restauro del Tempio di Apollo (1 milione) e delle torri del Castello Maniace a Siracusa (2 milioni e trecentomila), a cura della Soprintendenza Aretusea;
i restauri della parte superiore del transetto, delle torri medievali e della copertura delle absidi della Cattedrale di Catania (1.481.000,00);
il progetto di completamento dei restauri della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina (EN), con interventi sui mosaici e sulle superfici decorate (oltre 3 milioni e trecentomila);
i due progetti per opere di restauro della Real Casina Cinese di Palermo (2 milioni);
il completamento del restauro di Villa Raffo allo Zen di Palermo (500 mila);
l'intervento di valorizzazione e fruibilità del patrimonio culturale sottomarino delle Eolie a cura della Soprintendenza del Mare (850 mila euro)
.

Alba tragica a Lipari. Trentasettenne perde la vita all’uscita della galleria in un incidente autonomo

Alba tragica a Lipari.
G.P. un 37enne di Canneto, per cause in corso di accertamento, mentre con la sua moto, percorreva la galleria, in direzione Lipari, è finito contro i paletti che delimitano lo spazio per il transito pedonale.
Sbalzato dalla moto è finito sull'asfalto, perdendo la vita, nonostante indossasse il casco.
A nulla è valso l'intervento degli amici che lo seguivano in auto e il successivo intervento dell'ambulanza del 118. il medico di bordo non ha potuto fare altro che constatarne il decesso. 
Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco per i rilievi del caso e la strada è stata chusa: il traffico da e per Canneto dirottato sulla strada di Serra.Il corpo dello sfortunato giovane, bravo ed onesto lavoratore, è stato trasferito all'obitorio del cimitero di Lipari, in attesa delle determinazioni dell'autorità giudiziaria.

Aggiornamento ore 10:06 - Lo sfortunato giovane, del quale avevamo pubblicato solo le iniziali alle 8 e 39, è Giovanni Profilio. Riportiamo il nome e la foto  nella certezza che i suoi cari sono stati informati e poichè su fb, ormai da qualche ora circolano nome e foto

Filicudi: Nuoto in staffetta per sostenere la causa dell’Area Marina Protetta delle isole Eolie.

Dieci nuotatori dell' Open Water Team dell'Antico Tiro a Volo di Roma, unitamente ai volontari e ai biologi di  Filicudi WildLife Conservation  hanno nuotato, in staffetta, intorno all'isola di Filicudi per sostenere la causa dell'Area Marina Protetta delle isole Eolie.  

Durante la nuotata si è, anche, proceduto a censire la biodiversità marina dell'ambiente costiero e a raccogliere dati importanti sullo stato del  mare eoliano nell’ambito del terzo Bioblitz – LifeDelfi.  

Ricordiamo, infine, chelL’otto agosto, Linea blu, il programma di Rai uno, condotto da Donatella Bianchi accenderà i riflettori sulle isole eoliane di Filicudi e Alicudi. Nella puntata la conduttrice incontrerà i biologi e i volontari dell’associazione Filicudi Wildlife Conservation che racconteranno le loro attività per la salvaguardia del mare eoliano il loro amore per Filicudi.

Segnali d’inciviltà. I propri rifiuti nei mastelli altrui: è accaduto a San Leonardo. Ci scrive il signor Favaloro

 Gentile direttore 

Vi scrivo nella speranza che il suo quotidiano d'informazione possa fare da megafono e dare risalto al degrado morale e civile in cui versa parte della comunità eoliana.
In data odierna, venerdì 29 luglio, giorno di raccolta dedicato a carta e cartone, una sottospecie di essere umano, ha pensato bene di fermarsi nello spiazzo che conduce all'abitazione della mia famiglia, in contrada San Leonardo, per "conferire" nel nostro mastello, un sacco di rifiuti costituiti da resti di rosticceria, unitamente a lattine e quant'altro fosse utile al consumo del pasto, il tutto accompagnato da abbondante olio e formiche al "pascolo".
Un'azione a cui non riesco a dare una giustificazione dal momento che poco più sopra la nostra abitazione esistono ancora dei cassonetti appositi per il conferimento di rifiuti, quindi, mi chiedo del perché rendersi protagonista di una bravata del genere.
Vorrei avvisare questo personaggio e quant'altri intendano imitarlo che l'intera azione di conferimento è stata filmata dal sistema di videosorveglianza attivo sia nella nostra proprietà che in quello dei vicini di casa.
La pacatezza che contraddistingue la mia famiglia, ci porterà per il momento a non sporgere alcun tipo di denuncia, nella speranza che questo episodio rimanga relegato nella categoria della "bravata", ma se dovessero verificarsi nuovamente azioni di questo tipo, sarà mia premura avvisare i carabinieri per verificare le ipotesi di reato e le eventuali sanzioni.
Nel ringraziare per l'attenzione prestatami, porgo i miei più cordiali saluti.

Gabriele Favaloro

Confesercenti ringrazia amministrazione comunale e consiglio per scontistica suolo pubblico

 Confesercenti si congratula col sindaco Gullo

Comunicato
Confesercenti Messina e la delegazione di Lipari nella persona della dirigente Monte Domenica, ringrazia il sindaco Riccardo Gullo, il Vice Sindaco Saverio Merlino, la giunta e il consiglio comunale per questo passo importante che oggi si è fatto per gli esercenti.
In seguito alla nostra lettera del 21 giugno 2022, protocollo n. 8939 del 22/06/2022, avente come oggetto: Segnalazione criticità gestionali e necessità interventi a chiarimento relativamente al nuovo sistema tariffario COSAP approvato con Determinazione Sindacale n° 38 del 31/05/2021; dove viva era la preoccupazione di un intera categoria di esercenti per le tariffe onerose del suolo pubblico sia in concessione che per le occupazioni temporanee.

La macchina amministrativa risposto ha in maniera tempestiva attuando oggi quella scontistica prevista dalla determina Sindacale n. 38 del 31/05/2021 che si sarebbe dovuta applicare nel 2021.
Si ringrazia non solo tutta l’Amministrazione ma anche il Segretario Comunale Giuseppe Torre e il dipendente Comunale Enrico Lo Monaco sempre pronti al servizio dei contribuenti e del cittadino.
Un prezioso servizio di organizzazione operativo di tutta la macchina amministrativa con sguardo sempre sensibile alla collettività.

Ci auspichiamo che questa collaborazione sia solo l’inizio di un percorso condiviso.
Augurandoci che il prossimo passo sia rivedere le tariffe del suolo pubblico in concessione che nel tempo hanno subito un aumento inaccettabile, un extra-profitto imposto dal Comune ai danni delle attività commerciali che già subiscono pesantemente il peso della crisi e degli aumenti dei costi oltre a quello della sempre più insostenibile pressione fiscale ed erariale. L’interesse, in merito, da
parte dell’Amministrazione è stato dimostrato e speriamo che con la stessa tempestività si riesca a breve a portare a termine anche questo traguardo.

Giusto oggi, una nota Confesercenti, commenta i dati diffusi dall’ Istat sui prezzi al consumo di luglio. Inflazione ed incertezza pesano sui consumi delle famiglie e sui margini e vendite delle imprese: pur essendo in lieve rallentamento, infatti, la dinamica in rialzo dei prezzi, con tutta la sua pericolosità, continua ad incidere sui comportamenti di acquisto e a diffondersi a tutti i settori.
Il rischio di precipitare in un autunno austero non può essere sottovalutato, per questo sono necessari tutti gli interventi necessari volti a sostenere le attività commerciali e consumatori.
Ci auspichiamo di rimettere in discussione il regolamento sul suolo pubblico approvato il 31/05/2021 con determina Sindacale n. 38.
Grazie e Buon Lavoro a tutti
Monte Domenica
Delegata Confesercenti per le Isole Eolie.

Seduta lampo del consiglio comunale di Lipari per la modifica dell’articolo 54 del regolamento per il suolo pubblico.

Seduta lampo del consiglio comunale di Lipari, che in circa 20 minuti, ha votato la modifica dell’articolo 54 del regolamento per il suolo pubblico. 

In aula presenti gli undici consiglieri di maggioranza, che hanno votato all'unanimità. 

Assenti giustificati i 5 del gruppo di minoranza.

Per la giunta erano in aula il sindaco Gullo e il vice Merlino. Per gli uffici l'architetto Ficarra.

Lipari, severe critiche al presidente dell’Aula. L’articolo di Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud del 29 luglio 2022

Salvatore Sarpi - Lipari “A distanza di poche ore si manifesta la sua totale indifferenza nei confronti dei consiglieri comunali d’opposizione, fissando un consiglio comunale senza in alcun modo concordare, a differenza dei presidenti che l’hanno preceduta, la seduta con i consiglieri”. Il duro atto d’accusa nei confronti del presidente del  consiglio comunale di Lipari, Antonino Russo arriva dal consigliere comunale e capogruppo del gruppo Misto, Adolfo Sabatini, già presidente del civico consesso liparese. Il riferimento è alla convocazione urgente del consiglio comunale per oggi, alle 17,  per la modifica dell’articolo 54 del regolamento per il suolo pubblico. Convocazione inoltrata ai consiglieri comunali mercoledì pomeriggio. “Oltre al buon comportamento di un presidente -  continua Sabatini, nella nota inoltrata allo stesso Russo – l’anticipazione telefonica sarebbe stata utile per consentire ad  ognuno di noi la giusta organizzazione per poter essere presenti. Peraltro non ha avuto alcune sensibilità nei confronti dei consiglieri Santamaria e Rifici, rispettivamente di Filicudi e Vulcano, fissando la seduta alle 17”. Sabatini, infine, nell’esprimere amarezza per la determinazione del presidente Russo, ha evidenziato che non potrà prendere  parte alla seduta per impegni professionali già assunti. Il presidente del civico consesso liparese respinge le accuse ma appare chiaro, visto anche quanto accaduto nella scorsa seduta del consiglio comunale, quando la  minoranza abbandonò i lavori, ritenendo “mortificato il ruolo del consigliere comunale”, che tra le due parti dell’Aula e con la presidenza stessa il rapporto non sia proprio idilliaco.