Quell’aereo che gira sulle nostre teste

Da oggi pomeriggio un aereo ha sorvolato  in continuazione Lipari e Vulcano. Non è un mezzo civile: dovrebbe rientrare tra quelli impiegati dalle forze dell'ordine e dovrebbe essere partito da Roma.

L'immagine che pubblichiamo è estratta da un sito da dove è possibile verificare il movimento dei mezzi in una determinata area: in questo caso su Lipari e Vulcano. Le linee verdi indicano le traiettorie del mezzo.

Al momento non trapela nulla ma anche a terra c'è un certo "movimento". 

I vaccini e le false teorie (di Gianni Iacolino)

(Gianni Iacolino) Dalla prima inoculazione ufficiale del vaccino ( 1796 ) sino ad oggi si sono diffuse false teorie secondo le quali i vaccini oltre che inutili, sarebbero dannosi , nonostante le evidenze di una pratica medica che ha ridotto , a livelli impensabili solo pochi decenni fa, la mortalità infantile ed allungato di molto, oltre alla qualità, la speranza di vita media alla nascita.
Il perché di tanta ostinazione da parte di alcuni nel dare fiducia a teorie strampalate è stato ed é ancora motivo di ricerca per psicologi e sociologi nel corso degli ultimi due secoli .
È assodato che il fondamento di tale atteggiamento è sotteso ad un ragionamento viziato e scorretto che è ben rappresentato dall'espressione latina "post hoc , propter hoc", cioè un fatto accade dopo un altro e quindi è automaticamente interpretato conseguenza del primo. Il primo accadimento sarebbe la causa di quello successivo. Esempio: se vedo un gatto nero e poco dopo cado dalla bici, è stato sicuramente colpa del gatto. Il fatto che in quel momento ,in bici, ero intento a rispondere al cellulare, non conta nulla, avendo già individuato nel gatto il capo espiatorio ( post hoc, propter hoc ). È un errore logico in cui si afferma che un evento diventa la causa di un evento successivo semplicemente perché si è verificato prima. Una qualunque cosa avviene dopo la vaccinazione non necessariamente è avvenuta a causa della vaccinazione. La ricerca delle cause delle malattie è ricca di esempi post hoc.
I patologi sono costantemente alla ricerca delle cause e delle cure , ma i pazienti sono sempre alla ricerca di qualsiasi cosa, non importa quanto improbabile, che possa aiutare ad alleviare oltre ai loro sintomi anche le loro paure. A volte c'è anche il desiderio di trovare la causa ai propri malanni al di fuori della genetica o della biologia. Basterebbe citare qui tutte le bufale che seguirono alla vaccinazione contro il morbillo riguardo possibili correlazioni del vaccino con l'autismo o con l'epilessia. Un antivaccinista , vedendo che un bimbo si ammala dopo aver fatto il vaccino, chiuderebbe subito la questione con un video su YouTube o su facebook. I ricercatori che invece hanno studiato l'epillessia infantile sanno bene che questa patologia è già codificata nel DNA del bimbo sin dal suo concepimento e che si è manifestata proprio in quel momento in occasione dello stimolo vaccinale, come ,a volte, basta l'attenzione posta ad un videogioco a causare una crisi convulsiva. Nessuno si azzarderebbe a dire che i videogiochi causano l'epillessia. Anche la lunga ricerca della causa della malaria è stata irta di errori post hoc. "È stato osservato che le persone che uscivano di notte spesso sviluppavano la malattia. Quindi, secondo il miglior ragionamento post hoc , si presumeva che l'aria notturna fosse la causa della malaria, e furono prese precauzioni elaborate per chiuderla fuori dai dormitori". Durante i primi anni 2000, la ricerca irrazionale della possibile causa dell'autismo ha portato danni notevoli alla pratica vaccinale, sebbene non sia stato mai trovato alcun collegamento scientifico tra la somministrazione dei vaccini e l'insorgenza dell'autismo.
Il tempo in cui i bambini vengono vaccinati e il tempo in cui l'autismo viene diagnosticato sono strettamente correlati. Il vaccino contro il morbillo viene somministrato fra il dodicesimo e quindicesimo mese di vita ed è proprio quella l'età in cui , di solito, appaiono i primi segni indicativi dell'autismo. È questo il periodo in cui il bambino comincia a parlare.
A partire dai 12 mesi il bambino esprime le sue prime parole grazie ad un vocabolario sempre più ricco ed a capacità espressiva di tipo gestuale più raffinata. Ed è proprio questo ritardo nel parlare uno dei criteri utilizzati per la diagnosi dell'autismo. Quindi il fatto che l'autismo si manifesti dopo la vaccinazione nasce dalla coincidenza che è proprio a quell'età, che coincide con la vaccinazione, che si pronunciano le prime parole. Confrontando, inoltre , popolazioni pediatriche di vaccinati e non vaccinati si aveva sempre lo stesso numero di casi , così come per l'epilessia. Ma se non racconto subito come nacque questa brutta narrazione dell'associazione vaccino-autismo, faccio un torto alla corretta informazione.
"The Lancet" , tra le prime cinque riviste scientifiche al mondo in campo medico , pubblica nel 1998 uno studio condotto su dodici bambini ( non 12000 ! ) che avevano mostrato , nel corso dello sviluppo, problemi intestinali e disordini dello spettro autistico.
I genitori ( sottolineo : i genitori ) di otto di questi bambini sostengono che questi disturbi siano da associare al vaccino. Il dr.Wakefield , cui si affidano le famiglie , conclude su una possibile relazione causa- effetto. Appare subito evidente che trattasi di un lavoro che fa acqua da tutte le parti, che di scientifico non ha proprio nulla. Sono almeno quattro i punti problematici.: 1) Selezione e bontà del campione (esiguità dei casi, alcuni dei quali già diagnosticati autistici, assenza di gruppo di controllo ). 2) falsificazione dei reperti delle biopsie intestinali, 3) conflitto di interessi ( si scopre dopo che la ricerca era stata commissionata da un avvocato di parte ), 4) Comportamento non etico ( biopsie eseguite senza alcuna autorizzazione ). Come se non bastasse, già un anno prima della pubblicazione, lo stesso autore aveva depositato domanda per brevettare un nuovo vaccino concorrente con quello che si accingeva a mettere sotto accusa. In poche parole Wakefield scrive un articolo, falsificando i dati , suggerendo un nuovo approccio vaccinale, del quale lui stesso, poco prima, aveva depositato il brevetto. Nel 2004 Wakefield viene messo alle strette da Brian Dee, giornalista investigativo, ed è costretto ad ammettere di aver intascato denaro non dichiarato per realizzare una relazione , da perito di parte,in un processo contro una casa farmaceutica, spacciandolo per una ricerca scientifica. Viene quindi prima licenziato dal Royal Free Hospital, e , successivamente dall'Ordine dei medici del Regno Unito. Nonostante tutto ciò e nonostante The Lancet abbia ritirato quel lavoro con il marchio d'infamia RETRACTED, la falsa credenza sopravvive ancora oggi. Tuttavia il bello della scienza è che la verità prima o poi viene sempre a galla. I fatti hanno una loro forza inarrestabile. Nell'Europa del diciottesimo e diciannovesimo secolo la diffidenza nei confronti del vaccino si infiltrava in tutte le classi sociali che in comune avevano il fatto di ignorare , allora, l'esistenza del sistema immunitario e quindi la possibilità di indirizzarlo a nostro vantaggio. Oggi, anche se in misura molto minore ,grazie ad una maggiore alfabetizzazione scientifica, c'è chi ancora diffida della profilassi vaccinale , usando le stesse argomentazioni dei secoli passati, salvo disquisire impropriamente di RNA .
Durante la guerra franco-prussiana del 1870 , i generali francesi non erano favorevoli ad una vaccinazione di massa delle truppe contro il vaiolo, le cui epidemie, a quei tempi, facevano più vittime delle battaglie. I Prussiani, invece, diligentemente, vaccinarono i loro soldati, uno ad uno, senza alcuna esitazione. I risultati ? Nelle truppe prussiane , vaccinate, i morti per vaiolo furono 440 , mentre i francesi, non vaccinati, ne dovettero contate 23000. Fu forse questo il momento determinante in cui le nazioni presero coscienza della validità di questa nuova profilassi. Già sensattotto anni prima, nel 1802, a soli quattro anni dalla pubblicazione delle prime osservazioni di Edward Jenner sul vaccino contro il vaiolo, Ferdinando I di Borbone ,Re delle Due Sicilie, invitò un medico inglese per mostrare la nuova tecnica. Ebbe un tale successo che ordinò l'apertura di centri medici in ogni città del Regno ed impose l'obbligatorietà delle vaccinazioni. Si fece vaccinare lui stesso e fu cantato un Te Deum nella cattedrale di Palermo per il solo fatto che il re fosse sopravvissuto. Tale era ancora la paura. Ad ulteriore riprova di come i comportamenti antivaccinisti ,alla fine , siano sempre di aiuto per comprendere gli innegabili vantaggi della vaccinazione, riporto quel che accadde in Olanda durante la campagna per la vaccinazione contro la rosolia.
Nei Paesi Bassi c'è una comunità di fondamentalisti religiosi , tutti novax, facilmente tracciabili in quanto votano massicciamente per un partito politico calvinista , SGP. Le zone dove questo partito riscuote successi elettorali sono quelle in cui, si è concentrata l'epidemia di rosolia del 2005 in Olanda, con 387 casi, tutti,tranne due, non vaccinati. Tredici erano donne in gravidanza !!! Nel resto della popolazione vaccinata il virus non è penetrato.
Vicende analoghe anche per il vaccino Sabin contro la poliomielite. Mentre in tutto il mondo vaccinato scemavano rapidamente le infezioni da polio, erano ancora vivi alcuni focolai presso una comunità religiosa Amish americana. Si sa quanto queste sette amino non solo i vaccini, ma tutto quello che i sacri testi non raccontano. Più recentemente la regione Veneto ha attivato un servizio, Canale Verde, per la sorveglianza di eventuali effetti collaterali da vaccini nel periodo 1993-2011. In diciotto anni si sono verificati, udite bene, solo 21 casi, di cui nessuno mortale su ben 26 milioni di dosi iniettate. Prima dell'era dei vaccini per l'infanzia e degli antibiotici, all' inizio del secolo scorso, su mille bambini, ne morivano un terzo nel corso del primo anno di vita.
Sarebbe lunghissimo l'elenco di altri fatti che ruotano intorno alle vaccinazioni, ma basterebbero quelli già descritti per rendersi conto di quanto reali siano i benefici di un approccio scientifico e di quanto siano fallaci e dannose le false informazioni. Da oltre due secoli la vaccinazione è la misura preventiva più efficace nella protezione contro le infezioni e, quando disponibile , costituisce l'asse portante di intervento delle strategie di risposta. Alla luce di questa carrellata di fatti, come si può dire che non ci vuole coraggio a vaccinarsi ? Direi il contrario. Il coraggio utilizziamolo per imprese più ardite di una banale vaccinazione.
Questo scritto non pretende di convincere nessun novax, essendo impresa impossibile interagire con la lucida follia. Vuol essere solo un modo per far conoscere , in parte, la lunga storia delle vaccinazioni e dimostrare a coloro che, riluttanti, si son dovuti vaccinare, che hanno fatto finalmente, da cittadini, la cosa giusta per loro e per tutta la collettività.

Il programma delle Sezione Isole Eolie di Italia Nostra

 

COMUNICATO STAMPA 25.01.2022 

In data 22 gennaio 2022, dopo l’assenso del Consiglio Regionale, il Consiglio Direttivo Nazionale di Italia Nostra ha approvato l’istituzione della Sezione “Isole Eolie”. Tale risultato è stato raggiunto grazie all’impegno dei soci fondatori e al riconoscimento del Presidio “Eolie” che ha poi portato, sotto la guida del presidente regionale Leandro Janni e grazie al contributo del presidente della Sezione di Milazzo Guglielmo Maneri, alla costituzione della Sezione “Isole Eolie. La Sicilia oggi contribuisce con ben diciassette Sezioni e due Presidi all’azione di Italia Nostra (Associazione nazionale fondata nel 1955 – www.italianostra.org) che ha, come finalità statutaria, la tutela del patrimonio storico artistico e naturalistico della Nazione. 

Ecco, per punti, il programma che la Sezione “Isole Eolie” intende avviare nel triennio 2022-2024, in un libero e aperto confronto con le Istituzioni locali, regionali e nazionali e con le altre associazioni presenti nel territorio: 

 Il Parco Geominerario e la tutela-valorizzazione dei siti industriali dismessi: le Cave della Pomice, quelle di Caolino, le Terme di S. Calogero e i Fanghi di Vulcano; 

 l’ istituzione dell’Area marina protetta nell’intero arcipelago, già regolata dalla legge 979/82; 

 proposte per un piano dei porti e delle rade al fine di dotare ogni isola di strutture portuali efficienti e idonee; 

 monitoraggio e proposte in ordine alle discariche dismesse presenti nell’Isola di Lipari e non ancora bonificate; 

 la tutela-valorizzazione e il ripristino della sentieristica e i vecchi percorsi abbandonati; 

 proposte per un piano di riqualificazione e rigenerazione delle aree urbane; 

 il recupero dell’area di Monte S. Angelo, per un potenziamento dell’acquedotto pubblico mai avviato; 

 la realizzazione di passeggiate sospese esterne in punti di affaccio belvedere; 

 proposte per un piano di sviluppo turistico di tutto l’Arcipelago, che derivi da una mappatura generale dei servizi presenti, dal sistema dei trasporti, dalla sentieristica, dai siti museali e panoramici e da ogni altro elemento che possa favorire la costituzione e rappresentazione del “Sistema Eolie”; 

 proposta di candidatura Unesco delle Isole Eolie, in ordine ai valori storici e archeologici, ad integrazione dei valori naturalistici e vulcanologici riconosciuti nel 2000; 

 l’aggiornamento del Piano di gestione Unesco che andrebbe ripensato e ridefinito; inoltre, andrebbe ampliato l’attuale Comitato di Gestione estendendolo alla Fondazione Unesco Sicilia e/o altro organismo terzo rispetto all’attuale composizione dei soli Comuni Eoliani; 

 richiesta di modifica del regolamento del contributo di sbarco: parte di queste entrate andrebbero utilizzate per finalità di promozione turistica dell’Arcipelago, e non utilizzate per coprire le inefficienze conseguenti alla gestione delle entrate dei tributi comunali; 

 istituzione di musei civili a tema, in ogni singola isola dell’Arcipelago; 

 l’avvio di un processo virtuoso per il riconoscimento delle “Eolie come Isole della Cultura” - 2025.  il ripascimento di alcune zone costiere, in particolare nell’Isola di Lipari, dove l’unica spiaggia fruibile dalla terraferma è la frazione di Canneto, con l’allungamento del famoso litorale delle “spiagge bianche” e con il ripristino delle “sabbie nere” di Vulcano; 

 la costituzione di un “Museo dell’emigrante”, per ricordare i molti eoliani che negli anni del dopoguerra sono emigrati in Australia o in America. SEZIONE ISOLE EOLIE Saremo attenti e propositivi, anche, in ordine alle iniziative finalizzate alla tutela dei diritti fondamentali del cittadino nell’ambito dell’Istruzione, della Sanità e della Giustizia, e ai servizi indispensabili nei territori insulari. 

 Nel corso del 2022, infine, avremo il piacere di dedicare un ricordo particolare alla carissima Aimée Carmoz, scomparsa il 23 maggio 2019. E' nostra intenzione ricordarla poiché ha sempre lottato per la tutela delle Eolie e ha vissuto nella sua amata Stromboli con umiltà e disponibilità nei confronti di tutti, difendendo, con grande generosità e intelligenza, la natura e la bellezza delle isole dell’arcipelago. 25.01.2022 

Il Presidente della Sezione Isole Eolie Angelo Sidoti 

Il Presidente della Sezione Milazzo Guglielmo Maneri 

Il Presidente del Consiglio Regionale Sicilia Leandro Janni

Ginostra: “Bene intervento rocciatori ma senza sottomurazione e messa in sicurezza si rischiano ulteriori crolli”

Al Presidente della Regione SiciliaOn. Nello Musumeci; Al Capo Dipartimento della Protezione Civile della Regione Sicilia Dott. Salvo Cocina; Al Prefetto di Messina Dott.ssa Cosima Di Stani; Al Dipartimento Dell’Ambiente Struttura Territoriale dell’Ambiente di Messina UOB Territoriale Ambiente 1; Al Genio Civile di MessinaU.O. 15 e Servizio 11- Assetto del Territorio; Al Sindaco del Comune di Lipari Rag. Marco Giorgianni; Alla Protezione Civile del Comune di Lipari; Alla Stazione Carabinieri di Stromboli; Alla Capitaneria di Porto di Lipari


Oggetto: S.O.S Ginostra – Si aggrava la situazione della frana di Ginostra – parte del villaggio rischia di precipitare in mare da un momento all’altro.
A seguito della frana del 23/11/2021 che ha lambito alcune abitazioni, il monumento ai caduti, l’area portuale e l’unica via d’accesso al villaggio di Ginostra così come segnalato già con nostra nota del 24/11/2021 e del 20/01/2022 si segnala quanto segue:
In data 25/01/2022 una squadra di rocciatori è intervenuta per rimuovere alcuni massi in bilico ed il materiale che si era depositato. Operazione che è stata effettuata con successo e che era giusto fare ma tale operazione senza un contestuale intervento immediato di sottomurazione e messa in sicurezza ha esposto e scoperto ulteriormente il costone creando i presupposti per ulteriori ed improvvisi crolli che potrebbero avvenire da un momento all’altro. Rischia di crollare il monumento ai caduti con il relativo belvedere, rischia di crollare un’abitazione portandosi dietro la principale strada d’accesso al villaggio e tutto potrebbe precipitare sulla zona portuale dove c’è l’unico approdo della frazione. Uno scenario simile che potrebbe avvenire da un momento all’altro rischia di fatto la paralisi dell’intero villaggio e pone anche un serio problema di sicurezza per persone e cose non sottovalutando il fatto che Ginostra si trova sotto un vulcano attivo.
Alla luce di quanto sopra esposto e dell’evoluzione della situazione, si chiede un intervento urgente, improcrastinabile ed immediato per rimuovere il pericolo per persone e cose e di messa in sicurezza dei luoghi attraverso tutti gli interventi strutturali necessari senza i quali continuerà a permanere uno stato di massimo pericolo.
L’interdizione parziale dei luoghi con ordinanza del sindaco di Lipari, n.8 del 19/01/2022, con ordinanza del Comandante del Porto di Lipari, n.03 del 25/01/2022 e l’intervento di rimozione di alcuni massi instabili ad opera dei rocciatori, in data odierna, di certo non risolvono la situazione se pur atti dovuti. Anzi ribadiamo che l’aver smosso alcune rocce senza nessun contestuale intervento strutturale, se da un lato è servito a rimuovere delle situazioni di instabilità dall’altro ha peggiorato la situazione esponendo ancora di più l’intera area.
Facciamo appello alla sensibilità del Presidente della Regione Siciliana, On. Nello Musumeci, che da sempre si è dimostrato vicino alle comunità insulari, di intervenire energicamente presso i vari enti per scongiurare un annunciato e drammatico epilogo per Ginostra ed i suoi abitanti.

Fiduciosi nel vostro operato attendiamo riscontro.
Distinti Saluti
Gianluca Giuffrè
(3388388725)

Giuffrè Pasquale

Lo Schiavo Erina

Monika Supicova ed altri

Ginostra, 25/01/2022

Lettere al direttore. Quattropani: A scuola al freddo e al gelo

Riceviamo  e pubblichiamo:

Stamattina la temperatura esterna a Quattropani alle ore 08.0 era di 2,5 C.

Nell'aula della seconda media di Quattropani non funzionano i riscaldamenti!

Non funzionavano bene già a novembre e dalla ripresa 2022 (gradita) non emettono più nessun calore . . .

Questo fatto che è stato sollecitato ufficialmente anche via E-Mail il 14.12.2021 alle varie responsabilità.

Oggi , noi mamme, ci siamo presi i nostri figli congelati affrontando l'assenza.

E da domani che si fa?

Parlando stamattina con il segretariato di Santa Lucia, ci confermano che la PEC al Comune è uscita già stamattina... wow, già …

Per una conseguenza di una manutenzione ordinaria mancata, rischiamo di non usufruire al diritto d'istruzione.

Ognuno libero a concludere da solo...

 

 

 

 


FORMAZIONE: AL VIA PARTNERSHIP TRA SICINDUSTRIA MESSINA E ITS ALBATROS

COMUNICATO STAMPA

Messina, 25 gennaio 2022 – Offrire una formazione “sartoriale”, cucita addosso ai giovani studenti, senza perdere di vista le esigenze delle aziende alla ricerca di personale altamente specializzato. È questo l’obiettivo della partnership siglata dal presidente di Sicindustria Messina, Pietro Franza, e dalla presidente di Fondazione ITS Albatros, Antonella Sidoti, nella sede degli industriali.

“Quando sono stato eletto – afferma Franza – ho detto subito che sviluppo e promozione del territorio, insieme a formazione e investimenti sui giovani sarebbero stati punti imprescindibili del mio mandato. In quest’ottica, lavorare con la Fondazione ITS Albatros, da sempre attenta alle esigenze espresse dal mondo del lavoro, in particolare nei settori agroalimentare e salutistico, è stato un passo assolutamente naturale”.

“È imprescindibile per una terra che vuole evolversi – sottolinea Sidoti – puntare sui propri giovani come risorsa e opportunità ed è proprio partendo da questo che puntiamo ad offrire loro una formazione fatta su misura tenendo conto delle loro aspirazioni, ma non perdendo mai di vista la realtà del territorio e le esigenze delle aziende così da dare loro non solo la possibilità di un impiego ma la certezza di un futuro”.

Visione condivisa da Franza, che aggiunge: “Occorre unire le forze per allargare gli orizzonti e offrire nuovi spunti all’industria dell’agroalimentare includendo florovivaistica ed enoturismo, che potrebbero apparire sconnessi ma che sono invece perfettamente integrati nel sistema che va dal produttore, all’operaio specializzato nella trasformazione, all’esperto di marketing e al comunicatore che dovrà vendere all’estero il prodotto finito”.

La partnership porterà diverse novità all’interno dei moduli previsti nei corsi Albatros: borse di studio, docenti provenienti dalle imprese del gruppo Sicindustria, possibilità di stipulare con enti terzi convenzioni per gli alloggi di docenti e insegnanti provenienti da fuori provincia, nuovi stage specialistici, introduzione di nuove materie di studio e potenziamento di argomenti inerenti all’enologia, all’oleicoltura, alla filiera del sale, alla meccanica agroindustriale e alla chimica.

Presenti alla firma della partnership anche Flora Mondello, delegata di Sicindustria per l’agroalimentare, e Fabrizio Scaramuzza, socio fondatore e responsabile dei rapporti con le aziende per Fondazione ITS Albatros, che sottolineano come occorra “una radicale trasformazione del modo che hanno i giovani di percepirsi, spingendoli a scegliere il proprio percorso avendo ben chiare le proprie attitudini: c’è la necessità di plasmare tecnici specializzati che si affaccino al mondo del lavoro con alle spalle una solida formazione nei settori d’interesse”.

Nella foto, da sinistra: Fabrizio Scaramuzza, responsabile dei rapporti con le aziende di Fondazione ITS Albatros; Antonella Sidoti, presidente di Fondazione ITS Albatros; Flora Mondello, delegata di Sicindustria per l’agroalimentare; Pietro Franza, presidente di Sicindustria Messina.

 

Viabilità, intesa Musumeci-Giovannini sulla nomina del commissario per le strade provinciali

Appare ormai vicina la nomina del commissario straordinario per la Rete viaria provinciale della Sicilia, richiesta dal governo regionale nel 2019. Il presidente Nello Musumeci ha appena manifestato la propria intesa al ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini sulla nomina e le funzioni dell'alto funzionario tecnico, al quale Stato e Regione affidano il compito di occuparsi della progettazione, l'affidamento e l'esecuzione degli interventi sulle strade provinciali dell’Isola. Commissario sarà l’ingegnere Gianluca Ievolella, ex provveditore alle opere pubbliche della Sicilia, scelto d’intesa tra Roma e Palermo. Il suo primo compito sarà realizzare un Piano di 32 strade, per un valore di 33 milioni di euro, risorse messe a disposizione dal governo regionale e che riguardano le province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Messina, Palermo e Siracusa.
«Si tratta di un primo elenco di interventi che interessano la viabilità secondaria, da anni in stato di abbandono e degrado dopo la devastante riforma delle Province», ha detto il presidente Musumeci, esprimendo la sua soddisfazione, «rispetto a una nomina attesa da anni (già ai tempi dei ministri Toninelli e De Micheli). Molte strade provinciali della Sicilia in questi quattro anni sono state oggetto di importanti interventi di manutenzione, consolidamento e messa in sicurezza a cura del dipartimento regionale Infrastrutture con fondi della Regione, per circa 300 milioni di euro, a valere su risorse dell'Accordo di programma quadro e Patto per il Sud. L’intesa col ministro Giovannini - che ringrazio per avere accolto il nostro appello - prevede che questo primo elenco di opere dovrà essere integrato con altri interventi (almeno un centinaio) che dovranno trovare copertura finanziaria a cura del ministero delle Infrastrutture e della mobilità. Ovviamente la Regione continuerà a fare la sua parte. Spero che adesso il commissario, una volta formalizzata la nomina, proceda con celerità e che possa disporre di poteri di semplificazione delle procedure».

Rocciatori in azione a Ginostra nell’area interessata dalla frana del 23 novembre scorso

Rocciatori in azione da stamane a Ginostra sull’area interessata dalla considerevole frana dello scorso 23 novembre. 

L’intervento, predisposto dal Comune di Lipari ha l’obiettivo di rimuovere i massi rimasti in bilico dopo l’evento franoso e che rappresentano un pericolo per la pubblica incolumità. 

Intanto una ordinanza di regolamentazione per quanto concerne la radice del molo di Ginostra, in considerazione dello stato di pericolosità del costone roccioso è stata
emessa dal comandante del Circomare Lipari, Donato Scolozzi


Benvenuta Giorgia!

Oggi per la gioia di mamma Luana Martinucci, papà Domenico Biviano e della sorellina Marta è nata

GIORGIA

Alla piccola l'augurio di ogni bene. 

Felicitazioni per i genitori, la sorellina, i nonni e i parenti tutti