Covid: in Sicilia altri 1.139 casi e 21 ricoveri, Messina la provincia con più nuovi positivi

Sono 1.139 i nuovi positivi al Coronavirus in Sicilia nelle ultime 24 ore su 20.116 tamponi processati e l'indice di positività è sceso al 5,7% (ieri 7,4%). È quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute. Ieri erano stati 1.681 i nuovi casi su 22.589. Nessun decesso nell'ultimo giorno, anche se la Regione ha comunicato 19 decessi relativi alle giornate precedenti (6 del 27 agosto, 9 del 26 agosto, 2 del 25 agosto, 1 del 23 agosto e 1 del 17 luglio). Salgono di 21 unità i ricoveri, di cui uno in terapia intensiva. I guariti sono stati 716.

Attualmente ci sono 26.929 positivi al Covid, di cui 798 ricoverati in ospedale (ordinario), 104 in terapia intensiva e 383 in isolamento domiciliare. I guariti salgono a 239.257, mentre i decessi rimangono a 6.304. Da inizio pandemia sono state 272.490 le persone contagiate dal virus in Sicilia.

A livello provinciale, sono 143 i nuovi casi a Palermo, 176 a Catania, 288 a Messina, 152 a Siracusa, 10 a Ragusa, 160 a Trapani, 105 a Caltanissetta, 57 ad Agrigento e 48 a Enna.

Vaccinati in Sicilia, resi noti i dati per ogni Comune. Nelle Eolie il maggior numero a S.M. Salina. Il minor numero a Lipari

In Sicilia il 70,88% (pari a 3 milioni di persone) della popolazione residente ha ricevuto almeno una dose di vaccino antiCovid, mentre il 61,71% (oltre 2,6 milioni) risulta completamente immunizzato (ossia ha ricevuto entrambe le dosi o l'unica dose Janssen). L'intero sistema sanitario regionale è impegnato per far crescere velocemente queste percentuali, che risultano ancora insufficienti a tirare fuori l'Isola da una situazione di rischio.

Secondo i dati elaborati dalla struttura regionale di monitoraggio della campagna vaccinale e aggiornati al 26 agosto, in Sicilia si presenta una situazione a macchia di leopardo, con province maggiormente virtuose, come Palermo, in cui risulta immunizzato il 66,95% della popolazione (76,17% almeno una dose), e Agrigento con il 66,31% di immunizzati (76,19% almeno una dose), e altre in cui i cittadini manifestano maggiori resistenze. Siracusa è l'ultima per immunizzati, col 56,63%, mentre il 65,80% ha ricevuto almeno una dose; Catania ha il 57,30% di immunizzati e il 65,94% ha ricevuto almeno una dose; Messina ha il 57,33% di immunizzati, mentre il 65,28% ha ricevuto almeno una dose. Nel mezzo figurano la provincia di Enna col 63,44% di immunizzati e il 73% che ha almeno una dose; quella di Ragusa col 63,10% di immunizzati e il 73,83% che ha almeno una dose; quella di Trapani col 63% di immunizzati e il 72,63% con almeno una dose; la provincia di Caltanissetta con il 61,01% di immunizzati e il 71,22% che ha ricevuto almeno una dose.


Sopra la soglia del 70% di popolazione che ha ricevuto la prima dose ci sono 173 comuni su 390. Osservando la situazione dei singoli comuni, si nota che sia la prima sia l'ultima posizione nella classifica delle percentuali di vaccinazione sono occupate da due paesi del Messinese: il più virtuoso, infatti, è il piccolo centro di Roccafiorita, dove è immunizzato addirittura il 101,16% della popolazione target (il 109,30% ha ricevuto la prima dose), segno che in questa località sono stati vaccinati anche turisti di passaggio; in coda figura Fiumedinisi, dove solo un cittadino su tre risulta immunizzato (34,52%) e il 40,48% della cittadinanza ha ricevuto la prima dose.


Nelle prime dieci posizioni di comuni virtuosi, oltre a Roccafiorita, compaiono quattro centri del Palermitano (Palazzo Adriano, Ustica, Isnello e Giuliana), quattro dell'Agrigentino (Comitini, Lucca Sicula, Burgio, Sambuca) e un altro del Messinese (San Marco d'Alunzio).


Tra i capoluoghi il più alto in classifica è Ragusa, con il 79,35% di prime dosi e il 73,15% di immunizzati; seguono Enna (77,93% prime dosi, 72,64% immunizzati), Agrigento (77,10% prime dosi, 68,81% immunizzati), Palermo (77,02% prime dosi, 69,92% immunizzati), Caltanissetta (70,12% prime dosi, 65,51 immunizzati), Catania (69,60% prime dosi, 62,68% immunizzati), Trapani (66,28% prime dosi, 58,65% immunizzati), Siracusa (65,96% prime dosi, 58,84% immunizzati), Messina (59,97% prime dosi, 55,32% immunizzati).

QUESTA, INVECE, SECONDO I DATI DIFFUSI DALLA REGIONE LA SITUAZIONE NEI COMUNI EOLIANI:

249 Santa Marina Salina (ME) 65,90% - 63,86%

258 Malfa (ME) 65,33% - 62,70%

320 Leni (ME) 60,65%  - 57,90%

333 Lipari (ME) 59,99% - 55,63% 

Il numero in neretto si riferisce alla posizione in graduatoria

Il primo numero percentuale si riferisce a chi ha fatto la prima dose.

Il secondo numero a chi ha fatto entrambi le dosi o ha fatto il monodose

Vulcano : Carabinieri e polizia municipale sanzionano sei ambulanti abusivi

(Comunicato Comando Provinciale Carabinieri Messina) 
Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno effettuato nell’arcipelago delle Eolie, dei servizi di controllo del territorio, in concomitanza dell’incremento delle presenze turistiche nel mese di agosto, predisponendo mirati controlli alle attività commerciali di vendita al dettaglio. Nell’ambito dei servizi di controllo, sull’isola di Vulcano, i Carabinieri della Stazione con il supporto della Polizia Locale hanno elevato numerose sanzioni amministrative nei confronti di alcuni venditori ambulanti che esercitavano il commercio al dettaglio nelle immediate vicinanze delle località balneari e sulle spiagge.

In particolare, un commerciante ambulante è stato sanzionato per aver posto in vendita prodotti ortofrutticoli in un parcheggio, collocando la merce in esposizione su banchi attorno ad un autocarro, senza il possesso delle previste licenze ed autorizzazioni. I prodotti alimentari sono stati sequestrati e, dopo la verifica dei controlli di idoneità sanitaria, sono stati donati alla Caritas Diocesana di Lipari per finalità sociali ed aiuto alle famiglie bisognose.

Cinque persone, tre uomini di nazionalità marocchina, un uomo di nazionalità pakistana ed una donna rumena sono stati sanzionati amministrativamente poiché esercitavano abusivamente, sprovvisti delle necessarie licenze, la vendita itinerante al dettaglio di oggetti vari ed abbigliamento tra i bagnanti ed i turisti sulle spiagge delle località Acque Calde e Vulcanello. Gli oggetti in vendita sono stati sottoposti a sequestro.

Rizzo (Vento eoliano) segnala grave situazione igienico – sanitaria a Sottomonastero e sollecita intervento

Spett.li  Loveral Comando Vigili LipariUfficio IgienePresidente Consiglio Comunale Lipari E p.c., Organi Stampa

Oggetto: Condizioni igienico sanitarie – Porto di Sottomonastero 

Il sottoscritto Avv. Francesco Rizzo, in qualità di Consigliere del Comune di Lipari, Isole Eolie,

premesso che

-                      anche a mezzo di segnalazione mail e social ho accertato la grave situazione igienico-sanitaria verificatasi in data 20/08/2021 e protrattasi sino alla data del 27/08/2021 nelle zone del porto di Lipari, segnatamente in zona di Sottomonastero;

-                      montagne di rifiuti risultano non raccolte;

-                      a fronte dell’esose tariffe versate, l’utenza soffre a cagione di un servizio pessimo,

si chiede

          ®          Alla ditta in oggetto di intervenire con urgenza, stante la gravità della situazione narrata.

Si inoltra

·        al Comando Vigiliper gli accertamenti in loco;

·         all’Ufficio Igiene per l’irrogazione della penale prevista ope legis in caso di inadempienza contrattuale;

Si trasmette 

per conoscenza al Presidente del Consiglio Comunale e per adempimenti di competenza.

In difetto di riscontro mi riservo di adire all’Autorità Giudiziaria.

Con preghiera di riscontro alla PEC istituzionale: rizzo.francesco@pec.comunelipari.it.

Avv. Francesco Rizzo