Guardia Costiera in soccorso a donna bisognosa di assistenza a Praia Ferrante con il supporto del 118

Foto d'archivio
COMUNICATO
Nel tardo pomeriggio di oggi, la sala operativa della Guardia Costiera di Lipari ha ricevuto una segnalazione relativa ad una donna bisognosa di assistenza medica presso la spiaggia sita in località “Praia Ferrante” del Comune di Lipari.

Trattandosi di litorale difficilmente raggiungibile da terra, a causa del percorso impervio, la Guardia costiera è intervenuta in breve tempo per una evacuazione via mare, dapprima con un battello penumatico, quale mezzo in grado di operare in prossimità della costa e, successivamente, con ulteriore unità SAR con a bordo gli uomini del locale 118.
Mediante le risorse in azione, i soccorritori sono riusciti a portare a termine l’intervento di evacuazione medica in sicurezza, fornendo alla bagnante in difficoltà la giusta assistenza.
L’intervento odierno si affianca alle quotidiane attività svolte dalle donne e dagli uomini della Guardia Costiera di Lipari per la sicurezza della navigazione, la salvaguardia della vita umana in mare e per la prevenzione dell’inquinamento dell’ambiente marino e costiero.
Nell’occasione, nel raccomandare a tutti i cittadini la massima prudenza, la Guardia Costiera di Lipari ricorda che tutte le segnalazioni di emergenze in mare e sulle spiagge, per una pronta risposta operativa, possono essere segnalate attraverso il numero blu 1530 ‘ Emergenza in mare’.-

Covid: in Sicilia nuovi contagi, ma rallentano i ricoveri. La regione potrebbe restare in bianco.

Sono 1.377 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore nell'isola a fronte di 16.265 tamponi processati in Sicilia. L'incidenza sale al all'8,5% ieri era al 6,6%. L'isola nettamente resta al primo posto per nuovi contagi giornalieri.

Gli attuali positivi sono 20.702 con un aumento di altri 985 casi. I guariti sono 376 mentre nelle ultime 24 ore si registrano 16 vittime.

Sul fronte ospedaliero sono adesso 724 i ricoverati, 23 in più rispetto al giorno precedente mentre in terapia intensiva sono 83 i ricoverati 3 in più rispetto a ieri.

Secondo indiscrezioni nessuna regione domani dovrebbe passare in giallo. Nemmeno la Sicilia. Secondo quanto si apprende, infatti, sembra probabile che domani non ci sarà alcuna ordinanza per il passaggio di fascia delle regioni.

Ginostra: Sequestrata l’area di deposito – stoccaggio rifiuti sul porto

Foto d'archivio 
I carabinieri del Noe di Catania, di concerto con i colleghi della stazione di Stromboli, hanno posto sotto sequestro, oggi pomeriggio, l’area demaniale marittima in cui a Ginostra vengono accatastati e stoccati i rifiuti prelevati nella frazione, in attesa di essere trasferiti con la nave dedicata a Lipari. 

L’operazione è avvenuta sotto gli occhi dei turisti che in questo periodo soggiornano o si spostano, per escursioni giornaliere, nel piccolo borgo dell’isola di Stromboli. 


E’ chiaro che, a questo punto, il Comune di Lipari dovrà provvedere a trovare un altro sito, adeguandolo a quella che è la normativa vigente. 

Domani, intanto, essendoci, per via del forte caldo, un chiaro rischio igienico – sanitario si dovrebbe procedere alla rimozione dei rifiuti.

L’isola dei gggiovani…! (di Luca Chiofalo)

Non si vanta più nessuno, visti il disordine ed i problemi che provocano nella parte centrale della stagione turistica, di essere un amministratore dei “gggiovani”.

Eppure, va chiarito che il caos in cui piombiamo ogni agosto da qualche anno lo abbiamo fortemente voluto, incentivando in ogni modo l’arrivo di schiere di ragazzetti (e adulti mancati) e “apparecchiando” le isole per il loro divertimento. Discoteca in piazza ed in ogni bar, tolleranza su vendita e abuso di alcolici, imprenditoria orientata e speculazione spudorata su vitto e alloggio per questi ospiti “festaioli”.

Per carità, la presenza giovanile è gradita e necessaria, è vita e allegria, ma quando si riduce a sbornia e sballo una vacanza in un luogo come il nostro, vuol dire che sì è perso il senso delle cose e che gli adulti capaci di tenere la situazione sotto controllo tra di noi non ci sono più.

Questo tipo di turismo (quello “gggiovane” e caciarone che molti recenti amministratori ed i loro elettori hanno corteggiato) è ormai debordante e ingestibile.

Negli anni belli del turismo eoliano (con amministratori illuminati) avevamo la “divina” Sarah Vaughan in concerto al castello, oggi il nostro “gusto” e gli ospiti che attraiamo sono altri…

CORDIALMENTE

LUCA CHIOFALO

Lettere al direttore. “Divieto di accesso ai “barconi” a Panarea ha arrecato grave perdita economica a chi lavora con il turismo di giornata”

Riceviamo e pubblichiamo:

Buongiorno.

Sono la sig.ra Bonarrigo, 
proprietaria, insieme a mio marito, di un piccolo negozio di souvenir a Panarea.

Le scrivo perché vorrei che si sapesse che l'ordinanza che vieta l'accesso ai cosiddetti "BARCONI " ha arrecato una grave perdita economica a chi come me lavora con il turismo di giornata: bar, rosticcerie gastronomie e supermercati...

In questi pochi giorni abbiamo registrato un calo del fatturato di oltre il 60%.

Troviamo ingiusto il blocco selettivo del turismo, pur consapevoli che l'afflusso delle minicrociere vada regolamentato in modo tale da evitare assembramenti in questo particolare momento di emergenza sanitaria.




Formazione, Lagalla: «6 milioni per la formazione di nuove competenze»

La Regione Siciliana stanzia sei milioni di euro di finanziamenti a piccole e medie imprese per lo sviluppo di progetti formativi per la ricollocazione e la riqualificazione dei lavoratori. 


Al fine di contrastare gli effetti economici negativi causati dal Covid-19, il governo nazionale ha istituito il Fondo nuove competenze (Fnc), con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di nuove competenze per la ricollocazione dei lavoratori. L’assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale ha quindi pubblicato l’Avviso n. 43/2021, con il quale finanzia le attività formative proposte dalle imprese che abbiano presentato istanza a valere sull’Avviso del Fnc e che abbiano stipulato accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro entro il 30 giugno 2021, finalizzandolo all’aggiornamento delle competenze. Tali accordi collettivi devono individuare il numero dei lavoratori coinvolti nell’intervento, il numero di ore dell’orario di lavoro da destinare a percorsi formativi e i progetti finalizzati allo sviluppo delle competenze.

«Con questa azione la Regione Siciliana interviene a sostegno delle piccole e medie imprese – spiega l’assessore regionale Roberto Lagalla – finanziando percorsi formativi di riqualificazione del personale utili allo sviluppo di nuove competenze, necessarie al reinserimento o ad una positiva ricollocazione dei lavoratori. Questo Avviso si inserisce in un più ampio quadro di interventi che il governo Musumeci, in linea con il Pnrr, sta attuando per sostenere economicamente le aziende e permettere ai lavoratori di non fuoriuscire dal mercato del lavoro attraverso il miglioramento del loro profilo professionale».

Nello specifico l’Avviso della Regione finanzia i progetti di piani formativi ammessi a finanziamento del Fnc che possono essere attuati e già conclusi, al momento della presentazione dell’istanza di finanziamento, oppure in corso di attuazione o da attuare non oltre il 30 novembre 2021. Possono presentare istanza di finanziamento piccole e medie imprese con almeno una sede operativa in Sicilia e le attività formative oggetto di finanziamento possono rivolgersi ad un massimo di 50 lavoratori e devono essere erogate da enti accreditati, a livello nazionale o regionale, o da altri soggetti, anche privati, che per statuto o istituzionalmente, svolgono attività di formazione, comprese le università statali e le non statali legalmente riconosciute, gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, i Centri provinciali per l'istruzione degli adulti (Cpia), gli Istituti tecnici superiori (I.T.S.), i centri di ricerca accreditati dal ministero dell’Istruzione, anche in forma organizzata in reti di partenariato territoriali o settoriali.

Il limite massimo delle ore da destinare allo sviluppo delle competenze per ogni lavoratore è pari a 250. La presentazione delle domande può avvenire a partire dalla data di pubblicazione dell’Avviso fino ad esaurimento delle risorse disponibili. La data di chiusura avverrà entro e non oltre il 30 novembre 2021.

L'Avviso e tutta la documentazione sono disponibili sul sito della Regione Siciliana a questo indirizzo.

Lettera aperta “al vetriolo” della Pro Loco Amo Stromboli a Giorgianni: “Avete mortificato l’immagine della nostra isola e avvilito quanti nne hanno amore e cura”

LETTERA APERTA

Gent. mo Signor Sindaco,

ricorriamo ad una lettera aperta giusto per affrontare pubblicamente un argomento che ci ha visti impegnati come associazione per ben 11 mesi, senza che questo ci abbia consentito di dare il nostro contributo, che abbiamo dato. Abbiamo l’obbligo di fare una premessa, molto importante, che è il convincimento che abbiamo maturato, nella nostra breve vita di Pro Loco, le Isole Minori sono state sempre rappresentate come un problema, come un peso, per una amministrazione che deve occuparsi di sei isole.

Siamo spiacenti di costituire un problema quando invece potremmo essere opportunità e valore aggiunto. Lo diveniamo “peso e problema” nel momento in cui si guarda a noi in termini elettorali, certamente in quel caso diveniamo “la riserva Indiana delle Eolie”. Siamo però, le isole minori, quelle che non poco contribuiscono a rimpinguare le casse del comune di Lipari, e lei sa perfettamente a cosa ci riferiamo.

Le sue dichiarazioni nel giorno di Ferragosto ad una emittente privata, finalmente hanno chiarito i nostri dubbi. Lei ha dichiarato che per avere una idea delle Eolie, isole bellissime e tutte diverse, basta fermarsi a Lipari per poi da lì visitare le altre. È una dichiarazione molto importante quella che Lei ha fatto, che potrebbe legittimamente far nascere degli interrogativi circa il tipo di turismo per le Isole Minori, i trasporti ecc., ma ci sarà occasione per chiarire.

Ritornando alla questione rifiuti, abbiamo avuto modo di notare che anche su questo argomento lei ha poco approfondito quali erano gli obblighi di Loveral, appunto per le Isole minori ed i centri urbani che non fossero Lipari Centro. Peccato!!! Si peccato, poiché la nostra associazione nel corso di questi mesi Le ha fornito un elenco dettagliato di quelle che erano gli obblighi di Loveral e le inadempienze, una per tutte la nostra nota di Aprile, inviata per Pec a Lei ed all’assessore al ramo.

Peccato Lei non abbia avuto tempo di leggerla perché ” la periferia” può essere ascoltata da vicino e sul territorio. Peccato perché per esempio a Stromboli luogo di anni di lavoro della signora carissima Aimée c’è una lunga tradizione sulla differenziata, c’è una maturità degli abitanti all’argomento, c’è sensibilità particolare che avrebbe potuto determinare e costituire un punto avanzato del Comune che Lei amministra.

Ed invece il risultato è sotto gli occhi di tutti, dell’intero Paese per degrado ed incuria. Avete mortificato l’immagine della nostra isola e avvilito quanti nel loro piccolo ne hanno amore e cura. A proposito che fine hanno fatto i carrellati che giacciono a Stromboli da venti giorni in attesa che qualcuno provveda alla collocazione? Lei sicuramente come Sindaco non se ne può occupare?? E come presidente della SRR isole Eolie nemmeno??

Lei sa, che come Sindaco non può interferire, ma come Presidente della SRR aveva il dovere durante l’attuazione del contratto Loveral di recepire tutte le criticità del servizio ed immediatamente attivare ed intervenire per superarle. Evidentemente abbiamo capito male anche stavolta, non abbiamo saputo leggere il contratto, noi “neofiti” associazione che non ci rendiamo conto di quanto un Primo Cittadino sia impegnato ad ascoltare i suoi elettori.
Rosa Oliva (presidente Pro Loco Amo Stromboli)