Covid: 10 i positivi a Lipari. Contagi in calo nella regione che potrebbe non andare in rosso. 21 decessi

Sono 10 i positivi al Covid a Lipari. In diversi, comunque, sono in  attesa del risultato del tampone molecolare per essere "liberati".

Nella nostra regione sono, invece, 1.370 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Sicilia su 33.300 tamponi processati e l'Rt scende ancora per il secondo giorno consecutivo e si attesta a 4,1%. È quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute. 
Questo dato dovrebbe scongiurare la zona rossa
Scendono i ricoveri in ospedale (-8) ma salgono le terapie intensive. Ci sono da segnalare nuove 21 vittime ma è boom di guariti: 1248. Rispetto a 7 giorni fa c'è il 9% in meno di casi.

Fonti e Mollica: Interrogazione su bilancio ed idrico con richiesta dati dettagliati

Al Sig. Sindaco
e.p.c. al Sig. Segretario Comunale 
al Presidente del Consiglio Comunale 
COMUNE DI LIPARI 

Oggetto: Interrogazione a risposta scritta - Bilancio di Previsione 2020/2022 – Cronoprogramma e adempimenti. Premesso 
che il bilancio di previsione è un documento di pianificazione economica e di programmazione politica che deve essere approvato annualmente dal Consiglio Comunale, su proposta della Giunta, entro il 31 dicembre dell’anno precedente (Decreto Legislativo n. 267/2000 TUEL); che il dott. Giovanni Cocco, funzionario direttivo in servizio presso il Dipartimento Autonomie Locali, è stato nominato con il D.D.G. n. 404/53 del 25/11/2020 Commissario ad acta per curare, in via sostitutiva, gli adempimenti relativi all’approvazione del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2020/2022;
che con nota Prot. n. 3257 del 04 Marzo 2021, inviata alla Giunta e al Consiglio Comunale, il Commissario ad acta, nell’esercizio dell’attività di impulso conferita allo stesso con il D.D.G. n. 404/53 del 25/11/2020, indica il cronoprogramma in merito all’iter approvativo del bilancio di previsione 2020/2022;
che il cronoprogramma determinava entro e non oltre il 31/3/2021 l’approvazione da parte del Consiglio Comunale sia del PEF Servizio smaltimento rifiuti 2020/2022 e 2021/2023 sia del PEF Servizio idrico 2020/2022 e 2021/2023;
che il programma relativo all’iter approvativo del bilancio di previsione 2020/2022 indicava, altresì, entro e non oltre il 31/3/2021 l’approvazione da parte del Consiglio Comunale del Regolamento del Canone Unico Patrimoniale;
che i richiamati documenti sono atti propedeutici e/o connessi all’approvazione dello schema di bilancio di previsione 2020/2022, che come disposto dal Commissario ad acta dovrà essere approvato dalla Giunta municipale entro e non oltre il 30/4/2021. Considerato che, ad oggi, nonostante i ripetuti solleciti l’amministrazione non ha provveduto all’invio delle relative proposte di deliberazione al Consiglio Comunale per gli adempimenti di propria competenza;
che in assenza di una proposta di deliberazione l’Organo collegiale non può svolgere il proprio compito, dunque è esente da qualsivoglia responsabilità;
che il paese affronta emergenze importanti, non tutte riconducibili agli effetti della crisi sociale ed economica conseguente all’emergenza sanitaria per il diffondersi del Coronavirus; che la condizione di criticità finanziaria/squilibrio finanziario dell'Ente, aggravata da una situazione debitoria per i numerosi debiti fuori bilancio, preoccupa oltremodo le opposizioni in Consiglio Comunale;
che nel corso della riunione di Consiglio del 05 febbraio 2021, con all’ordine del giorno “Situazione finanziaria dell’Ente”, è stato approvato un documento che impegnava in modo vincolante l’Amministrazione ad adottare, entro il 28 febbraio, la proposta di deliberazione trasmessa dal Dirigente del 2° Settore dott. Francesco Subba e ad inviare tale proposta al Consiglio Comunale per gli adempimenti di propria competenza;
che i sottoscritti Consiglieri comunali, tenuto conto della relazione del Dirigente del 2° Settore datata 27/01/2021, in riscontro alla richiesta del Commissario ad acta Prot. n. 918/2021 del 21/01/2021, nonché della proposta del Dirigente del 2° Settore Prot. n. 1419/ 2021 del 28/01/2021, hanno più volte sollecitato l’iter previsto per legge, declinando ogni eventuale responsabilità che possa sorgere in esito alla attuale situazione di squilibrio in cui versa l'Ente, avendo i medesimi sempre ottemperato ai propri compiti e doveri istituzionali con correttezza e responsabilità e secondo i dettami di legge; che il 2021 sarà un anno di cambiamento che richiederà un impegno straordinario da parte di tutti per la realizzazione di nuovi progetti e per la pianificazione di nuove strategie volte a favorire il rilancio dell’economia nazionale. Tutto ciò premesso e considerato si interroga il Sindaco 
per sapere :  se tutte le risorse richieste ed attese da Stato e Regione per la definizione dei bilanci sono pervenute e se le stesse sono sufficienti ai fini del raggiungimento del pareggio di bilancio per gli anni 2020/2022;
 quando l’Amministrazione fornirà al Consiglio Comunale un quadro reale della situazione economica finanziaria dell’Ente;
 a quanto ammonta in contenzioso in essere; a quanto ammonta il pre-contenzioso (richieste) a quanto ammonta il fondo crediti di dubbia esigibilità;  a quanto ammonta il fondo crediti commerciali; RELATIVAMENTE AL SERVIZIO IDRICO I quantitativi di acqua giornaliera prodotti dal dissalatore di Lipari e immessi nella rete;  I quantitativi di acqua prodotti dal dissalatore di Lipari e immessi nella rete negli ultimi tre anni (2018-2019-2020); i quantitativi di acqua fornita dal ministero a mezzo navi cisterna negli ultimi tre anni (2018-2019-2020; I quantitativi di acqua in entrata (navi) ed in uscita (utenze) nelle isole minori; 
 a quanto ammonta il costo del servizio idrico comprese le manutenzioni straordinarie nell'anno 2020 

Lipari, 16 aprile 2021
 I consiglieri comunali
Gesuele Fonti 
Eliana Mollica

SICILIA. TRASPORTI ISOLE MINORI, UGL MARE, BENE APERTURA CARONTE & TOURT SU NUOVO WELFARE AZIENDALE

COMUNICATO

MESSINA, 16 APR – “Si è svolto a Palermo un incontro tra i rappresentanti di Caronte & Tourist Isole Minori e le sigle sindacali del comparto marittimi. L’incontro – comunica il segretario provinciale e delegato regionale Ugl Mare, Giacomo Nicocia, è stato utile per affrontare il punto sulla ‘Produttività’ e avviare il sistema welfare aziendale”.
“La nostra organizzazione sindacale coglie con attenzione, l’iniziativa di dare vita a un sistema nuovo di welfare aziendale – afferma il segretario provinciale - e auspichiamo che, grazie a un lavoro sinergico e collaborativo con la compagnia di navigazione, riusciremo a redigere un contratto moderno e funzionale. È necessaria, infatti, - ricorda Nicocia - la negoziazione di un quadro normativo di carattere aziendale, che individui un’equilibrata organizzazione del lavoro e specifiche turnazioni, armonizzando l’alternanza temporale tra imbarco e relativo, adeguato, periodo di riposo per gli equipaggi. Inoltre, prevedere dei turni che consentano ai dipendenti di non operare distanti dalle loro residenze e, quindi, venire incontro anche alle esigenze personali e familiari che, secondo noi, possono incidere nel miglioramento ulteriore della produttività”.

“La crisi ha provato i lavoratori nell’esercizio della continuità territoriale e mutato il loro stato d’animo e quello delle loro famiglie, le quali condividono le difficoltà senza mai tirarsi indietro, senza mollare mai: la gente di mare è fatta così e merita attenzione”, considera Nicocia.

Gli altri punti essenziali per Ugl Mare riguardano, “la turnazione per i comandanti e direttori di macchina (per contenere l’impiego ‘in surplus’ rispetto all’orario ordinario esigibile); un regolamento più elastico per le turnazioni dei lavoratori e l'integrazione remunerativa laddove necessario”.

“Ugl Mare vuole essere ottimista sul confronto appena avviato – conclude il sindacalista - e confida in una proficua contrattazione, basata sul conseguimento delle migliori condizioni di reale benessere lavorativo per i marittimi. A tale proposito abbiamo, da tempo, presentato un’articolata e strutturata ipotesi di accordo”.

Energia, Baglieri: «Al via transizione energetica per le isole minori siciliane»

Approvato dal governo Musumeci il Programma per la transizione energetica delle isole minori della Sicilia. «ll progetto "Green Island" - afferma l'assessore regionale all'Energia, Daniela Baglieri - si inserisce nell'ambito della strategia di decarbonizzazione per la Sicilia, in linea con i modelli di sviluppo sostenibile coerenti con gli obiettivi della transizione energetica. Verranno finanziati impianti da fonti rinnovabili che possano superare l'ostacolo allo sviluppo costituito da ridotte potenzialità di generazione elettrica nelle isole minori. L'economia circolare suggerisce che la Sicilia è tra le regioni d'Europa con il maggior potenziale di produzione rinnovabile e questo rappresenta uno dei futuri obiettivi su cui sta investendo il governo regionale».
Considerato che la maggior parte delle isole minori non può raggiungere al momento l’autonomia energetica impiegando unicamente le fonti di energia rinnovabile - in particolare per la mancanza di adeguati spazi e per i limiti imposti dalla normativa paesaggistica - è stata predisposta una strategia per la transizione energetica diversa per ogni singola isola, in funzione delle caratteristiche territoriali e delle opportunità di connessione elettrica alla rete nazionale. L'obiettivo è creare le condizioni per un regolare sviluppo delle attività economiche e imprenditoriali, per raggiungere l'auspicata transizione perseguita con il Piano energetico ambientale della Regione, in corso di approvazione, che prevede di trasformare entro il 2030 in "Green Island" le isole minori siciliane.
Si tratta quindi di una road-map che traccia un percorso verso la decarbonizzazione, tenendo conto delle condizioni attuali del sistema elettrico delle isole, caratterizzate nella loro generalità da una serie di aspetti comuni quali l'elevata variazione stagionale degli abitanti, con una grande variabilità della domanda elettrica, la dipendenza energetica da fonti esterne (principalmente petrolio e derivati), la scarsa sicurezza elettrica e il ridotto sviluppo di fonti di energia rinnovabili

Leni, il sindaco Montecristo : CGA conferma eliminazione campo boe da Rinella. Una vittoria di democrazia e legalità a tutela dell’interesse pubblico

Riceviamo dal sindaco di Leni, Giacomo Montecristo e pubblichiamo:
La spiaggia di Rinella, la sola sabbiosa e fruibile per la balneazione nella frazione, dopo un’accurata e lungimirante azione amministrativa, che ha richiesto un notevole impegno e cospicui finanziamenti, per oltre 5.500.000,00 mila euro, ritorna al suo antico splendore, con in bella mostra le antiche grotte di uso pubblico, pure oggetto di valorizzazione a testimonianza delle tradizioni e della cultura popolare che hanno segnato nel tempo le vicissitudini del borgo marinaro.

Sulla liberalizzazione della baia dal campo boe, invasivo e fonte di rischio anche per le operazioni di ingresso e uscita dal porto delle navi e aliscafi di linea e natanti in genere, il Consiglio di Giustizia Amministrativa ha confermato la decisione assunta in prima battuta dal Tribunale Amministrativo Regionale di Catania, Sezione Terza, tanto che con le ordinanza n. 239/21 e n. 240/21 del 15.04.2021 ha respinto l’appello interposto dai cessati concessionari del campo boe, evidenziando in motivazione che “ … la revoca contestata appare esaurientemente motivata con riferimento all’incompatibilità del suo mantenimento con le prescrizioni contenute nel Piano Regolatore del Comune di Leni e sull’interesse pubblico a rendere l’unica spiaggia esistente nella frazione di Rinella fruibile, senza pericolo, alla balneazione e all’accesso alle retrostanti antiche “grotte” di accesso pubblico”.

Non è valso, per una diversa decisione, il sostegno rivolto ai cessati concessionari da parte di alcuni “proprietari di barche”, in verità appena 14, che si sono costituiti in giudizio per il mantenimento del campo boe, le cui prospettazioni non sono state ritenute meritevoli di accoglimento, tanto da essere stati condannati, unitamente agli appellanti, alla rifusione delle spese di lite in favore del Comune di Leni e della Regione Siciliana – Assessorato Territorio e Ambiente.
Le ragioni del Comune di Leni sono state rappresentate in giudizio dall’avv. Claudio Rugolo del Foro di Messina, legale di fiducia del Comune ed esperto nelle materie del diritto amministrativo.L’eliminazione del campo boe dalla baia non vuol, dire che a Rinella non ci sarà più spazio per l’ormeggio in boa dei natanti, dato che è stata già presentata e valutata positivamente la richiesta di un nuovo aspirante concessionario, per l’ottenimento di uno specchio acqueo nella località allo scopo individuata con il P.U.D.M., alle spalle del porto, per cui anche per il futuro Rinella potrà contare su un posto sicuro per l’ormeggio a vantaggio dei diportisti e amanti del mare.
Sulla destinazione e godimento delle antiche grotte del borgo marinaro l’impegno dell’amministrazione è rivolto alla loro sempre maggiore valorizzazione, mentre in riferimento al porto turistico, il cui iter amministrativo è in avanzato stato di svolgimento, le previsioni dell’Amministrazione sono improntate all’ottimismo, posto che in pochi anni Rinella potrà avere una struttura turistica di primordine, per nulla invasiva della bellezza naturalistica del posto.
Nel Comune di Leni si respira aria di democrazia e legalità, nonché entusiasmo per il proseguimento in una fattiva ed efficace azione amministrativa per il benessere collettivo, grazie la messa a frutto della notevole azione programmatoria espletata dall’amministrazione comunale nell’ultimo decennio.

Amministrative: slittano in autunno le elezioni per 42 Comuni siciliani

Slitteranno all'autunno le elezioni amministrative nei 42 Comuni siciliani che sarebbero dovuti andare al voto in primavera. Il permanere del contagio nell'Isola, oltre all'aumento della diffusione delle varianti, ha convinto il governo Musumeci ad approvare un disegno di legge con il quale, così come a livello nazionale, si rinviano le consultazioni in una data compresa tra il 15 settembre e il 17 ottobre. Slittamento delle consultazioni anche per i Comuni sciolti per mafia.
Per armonizzare le elezioni con quelle delle Città metropolitane e dei Liberi consorzi comunali è stato previsto, inoltre, che queste ultime si tengano entro sessanta giorni dalla proclamazione degli eletti nella tornata delle comunali. La proposta dell'assessore alle Autonomie locali Marco Zambuto, adesso, verrà inviata all'Assemblea regionale siciliana per essere esaminata prima dalla Commissione di merito e poi dal Parlamento.

I Comuni al voto
Nella provincia di Agrigento, cinque i Comuni alle urne: Canicattì, Favara e Porto Empedocle che contano più di 15 mila abitanti e dunque votano col sistema proporzionale; Montallegro e Montevago che votano con il sistema maggioritario.

Nel Nisseno, al voto gli abitanti di San Cataldo (sciolto per infiltrazioni mafiose, voterà col sistema proporzionale) e Vallelunga Pratameno (maggioritario).

Cinque i Comuni del Catanese: Adrano, Caltagirone e Giarre (proporzionale), Grammichele e Ramacca (maggioritario).

Barrafranca e Calascibetta sono i due Comuni dell’Ennese alle urne con il sistema maggioritario.

Ampia la rosa dei Comuni messinesi al voto col sistema maggioritario: Antillo, Capo d’Orlando, Caronia, Falcone, Ficarra, Galati Mamertino, Gioiosa Marea, Mistretta (sciolto per infiltrazioni mafiose), Patti, Rodì Milici, San Marco D’Alunzio, Sant’Angelo di Brolo, Terme Vigliatore e Torregrotta.

Cinque invece i Comuni palermitani: Alia, Montelepre, San Cipirello (sciolto per infiltrazioni mafiose), San Giuseppe Jato e Terrasini (tutti col maggioritario).

Ferla, Sortino, Lentini, Noto e Pachino (sciolto per infiltrazioni mafiose) i Comuni della provincia di Siracusa che andranno alle urne, i primi due con il sistema maggioritario e gli altri con il proporzionale.

Infine, nel Trapanese, elezioni per Alcamo (proporzionale) e Calatafimi-Segesta (maggioritario).

A questi si aggiungono altri due enti sciolti per infiltrazione mafiosa, per i quali le elezioni erano state già indette per il 2 e 3 maggio: Vittoria in provincia di Ragusa (che vota con il proporzionale) e San Biagio Platani, nell'Agrigentino.

Ricordando… Giuseppe Favorito


Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Prosegue con notevole riscontro “Che spettacolo di isola… Salina” (di Carmela Mannuccia)

(Carmela MannucciaIeri sera, all'interno del programma "che spettacolo di radio" di radio rebel sono stati intervistati il sindaco di Santa Marina Salina Domenico Arabia e il sindaco di Leni Giacomo Montecristo i quali hanno parlato della nostra isola e della loro tanto voluta accademia "che spettacolo di isola... Salina", alcuni degli allievi, i quali hanno espresso la loro opinione su questo esperimento che sta appassionando tutti, dai più piccoli agli over 60!

E oggi riprende l'Accademia con l' insegnante di canto Claudia Sala e l'insegnante di danza Silvia Scalise sotto l'attenta regia di Ugo Bentivegna...

Un full immersion di tre giorni per la preparazione dello spettacolo che si terrà in estate... To be continued