Come erano le Eolie ..e gli eoliani : I tempi della scuola (anno 1995/96). Prime classi di Canneto

Pubblichiamo due foto delle prime classi (anno 1995/96) della scuola elementare di Canneto. 
Prima foto - in alto da sinistra: Giorgio Cannistrà, Daniele Di Losa, Bartolo Mollica, Carlo Zaia, Alessio Zagami, Marco Furnari e Alessandro Cortese
in ginocchio da sinistra: Sabrina La Greca, Giulia Rizzo, Alessandra Cambria, Caterina Arcuri, Simona Lo Ricco, Giovanna Profilio, Ilaria Tripi e Sharon Biviano
Seconda foto - in piedi da sinistra: GRAZIANA PRIVITERA - LUCA FURNARI - DANIELE MARTINUCCI - ANDREA COLUCCIO - VALENTINO RAFFAELE - PATRICK PARISI - SILVIA ZIINO - CLAUDIA UTANO -ROSY MOLLICA
in ginocchio da sinistra: ROBERTA POLLO - GIOVANNA GUARINO - ANNA MARIA FICARRA.

Assistenza minori, intesa tra Regione e Procura per piattaforma informatica di monitoraggio

Realizzare una piattaforma informatica unica e di immediata consultazione per monitorare, condividere le informazioni e gestire al meglio le attività di assistenza ai minori. Questo l’obiettivo del “comitato tecnico congiunto” istituito con un protocollo d'intesa siglato dall'assessore regionale alle Politiche sociali, Antonio Scavone e dal procuratore della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Palermo, Massimo Russo. Il comitato dovrà elaborare una proposta che porti alla realizzazione di una piattaforma informatica unica, che consenta l'accesso agevole e immediato degli interlocutori istituzionali a tutte le informazioni relative all'attività assistenziale in favore dei soggetti minorenni, rispondendo alle necessità dei rispettivi uffici coinvolti.
A far parte del comitato, oltre all'assessore Scavone e al dottore Russo, anche Mariarosaria Gerbino, Cinzia Petruso e Salvatore Guaia del Tribunale per i minorenni, Cristina Chibbaro e Paolo Lucio Russo del Centro per la giustizia minorile per la Sicilia, Angela Drago e Lucio Fernandez della Procura dei minori di Palermo, Giuseppe Vecchio, garante regionale per l'Infanzia e l'adolescenza e alcuni funzionari del dipartimento regionale della Famiglia con compiti di segreteria a supporto del comitato.
«Questo comitato - afferma l’assessore Scavone - dovrà proporre il progetto di una piattaforma che assicuri l'aggiornamento in tempo reale di tutte le informazioni relative all'assistenza dei minori e delle strutture coinvolte. Uno strumento necessario per la verifica e il miglioramento dell'attività assistenziale. In particolare - continua l'assessore alle Politiche sociali - nel protocollo d'intesa abbiamo elencato specificatamente i dati che possono essere di interesse».
Tra questi: la registrazione degli enti, le autorizzazioni, la tipologia, l'attività e l'inattività, le sospensioni, la decorrenza temporale di inizio e cessazione attività. Ancora, le indicazioni sugli immobili utilizzati e sulle loro principali caratteristiche, la specificazione dell'utenza e della fascia d'età prescelta per l'attività, l'organigramma aggiornato con identificazione e descrizione delle figure professionali inserite comprensive delle date di assunzione, licenziamenti, l'elenco nominativo e i dati anagrafici dei minori ospiti e degli eventuali genitori, le attività extrascolastiche e ludico-ricreative, la registrazione di eventuali progetti educativi individuali.
«L'obiettivo che il governo Musumeci si prefigge - prosegue Scavone - è avere un sistema di immediata consultazione che ci permetta una visione completa e ci dia tutte le informazioni necessarie per mettere in campo le migliori soluzioni per la sicurezza e il bene dei minori, per le quali a volte la celerità è fondamentale».

11 aprile: “Giornata del mare e della cultura marinara”

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA

MILAZZO

Istituita dal decreto legislativo 3 novembre 2017, n. 229 di Revisione ed integrazione del Codice della nautica da diporto, l’11 aprile ricorre la “giornata del mare e della cultura marinara”, che vede anche la Guardia Costiera impegnata nell’obiettivo di promuovere e sviluppare presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado la cultura del mare intesa come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico, sostenendo la promozione di iniziative volte a diffonderne la conoscenza, nella consapevolezza che la scuola rappresenti il miglior veicolo per educare i giovani anche in tale ambito.

Proteggere il mare e preservare il suo inestimabile patrimonio ambientale, sociale e culturale a beneficio delle nuove generazioni: fedele alla sua missione istituzionale, la Guardia costiera rinnova l’ormai consolidata collaborazione con il Ministero dell’Istruzione con un nuovo protocollo d’intesa che il Ministro Patrizio Bianchi e il Comandante Generale, l’Ammiraglio Giovanni Pettorino hanno siglato lo scorso 9 aprile a Roma.

Diverse le iniziative poste in essere a livello territoriale dalla Guardia Costiera, oltre al lancio a livello nazionale del concorso scolastico dal titolo “La cittadinanza del mare - 2021”, incentrato sul tema della sostenibilità ambientale e dei cambiamenti climatici, giunto ormai alla terza edizione.

Un’importante novità che coinvolge tutti i cittadini: disponibile da oggi la nuova “funzione-avvistamenti” dell’App #PlasticFreeGC - nata nell’ambito dell’omonimo progetto di comunicazione ed educazione ambientale sul contrasto alla dispersione delle microplastiche in mare, lanciato dal Comando generale della Guardia Costiera nel 2019 su diretto mandato dell’allora Ministero dell’Ambiente. Con la nuova funzionalità “avvistamenti”, il cittadino avrà l’opportunità di segnalare in diretta, attraverso il proprio smarthphone, l’avvistamento di particolari specie marine.

Tutte le informazioni confluiranno presso la Centrale operativa nazionale del Comando generale, per essere sottoposte a una verifica di carattere scientifico curata dall’Istituto Tethys Onlus - che si adopera per la conservazione dell'ambiente marino e con il quale la Guardia Costiera ha sottoscritto uno specifico protocollo operativo – e per poi essere condivise con le Istituzioni e con l’intera comunità scientifica.

Infine, In occasione della giornata del mare verrà presentato ufficialmente anche un rinnovato rapporto di collaborazione tra il Comando generale della Guardia Costiera e il Ministero della Cultura, in forza del quale la Guardia Costiera collaborerà con l’Istituto centrale per il patrimonio immateriale, in mirate iniziative per la promozione dei valori legati alla conservazione della memoria sulle tradizioni marittime delle realtà costiere per le quali – oggi come in passato – le Capitanerie di porto rappresentano riferimento imprescindibile nella propria funzione di garante della sicurezza degli usi civili del mare. Ciò, con lo scopo di recuperare e consegnare alle future generazioni quel patrimonio immateriale - rappresentato da tradizioni verbali, racconti legati al mondo del mare, ricordi di pescatori e naviganti – che costituisce identità unitaria e patrimonio collettivo.

Roma, 11 aprile 2021

Ricordando… Giuseppe Ercolini


Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito