Vulcano: Restano alte la temperatura e il flusso di CO2 e SO2 in area craterica. Tutti i dati nel nuovo bollettino INGV



VULCANO

BOLLETTINO SETTIMANALE

SETTIMANA DI RIFERIMENTO 22/11/2021 - 28/11/2021

(data emissione 30/11/2021)

1. SINTESI STATO DI ATTIVITA'

Alla luce dei dati di monitoraggio si evidenzia:

1) Temperatura delle fumarole crateriche: Valori di temperatura sostanzialmente stabili sia sull'orlo che sul fianco interno, in linea con quelli della settimana precedente.

2) Flusso di CO2 in area craterica: Valori in in aumento su livelli molto alti ed anomali (13290 g/m2/day)

3) Flusso SO2 in area craterica: Il flusso di SO2 si pone su un livello alto

4) Geochimica dei gas fumarolici: Nel campionamento del 18/11 le concentrazioni di specie magmatiche si pongono su livelli medi, in netto calo rispetto al campionamento di ottobre

5) Flusso di CO2 alla base del cono di La Fossa e nell’area di Vulcano Porto: Le misure di flusso alla base del cono acquisite in automatico dalla rete VULCANOGAS, si mantengono stabili su valori elevati.Solamente nel sito di Faraglione i valori di flusso mostrano un netto calo.

6) Geochimica degli acquiferi termali: Valori di temperatura e conducibiltà stabili nel pozzo Camping Sicilia. Nel pozzo Bambara si osserva un lieve incremento del livello, mentre i valori di conducbilità
continuano a diminuire.

7) Sismicità locale: Prosegue la fase di decremento della sismicità locale, con particolare riferimento agli eventi di più bassa frequenza (VLP).

8) Sismicità regionale: Sismicità da fratturazione di livello basso: solo 1 terremoto con Ml=1.7

9) Deformazioni - GNSS: Nell'ultima settimana, continua l'incremento della dilatazione areale.

10) Deformazioni - Clinometria: Dal 20 novembre riprende il sollevamento verso il settore Nord della Fossa

11) Altre osservazioni: Gravimetria: si registrano variazioni gravimetriche locali e veloci dovute a sorgenti molto superficiali e localizzate. Non si registrano variazioni riconducibili a importanti fenomeni di ridistribuzione di masse profonde.

2. SCENARI ATTESI

Scenari attesi del bollettino settimanale del 30/11/2021 Vulcano

I possibili fenomeni attesi nel breve/medio termine sono di seguito elencati:

- ulteriore aumento del degassamento fumarolico e diffuso;

- incrementi della temperatura dei gas e dei loro flussi, con variazioni della falda termale;

- incremento della sismicità legata alla attività idrotermale e comparsa di sismicità vulcano-tettonica;

- incremento delle deformazioni;

- movimenti di versante;

- possono avvenire in maniera improvvisa fenomeni esplosivi impulsivi quali esplosioni freatiche.

N.B. Eventuali variazioni dei parametri monitorati possono comportare una diversa evoluzione degli scenari sopra descritti. Si sottolinea che, per le loro intrinseche e peculiari caratteristiche, alcune fenomenologie vulcaniche possono verificarsi senza preannuncio o evolvere in maniera imprevista e rapida, implicando quindi un livello di pericolosità mai nullo.

3. TEMPERATURA DELLE FUMAROLE CRATERICHE

Per la settimana in corso (22-29 novembre) la emissione di massima temperatura (fumarola F5AT) ha mostrato misure comprese nell’intervallo 242-365 °C ed un trend positivo. A partire dal giorno 24
novembre invece la fumarola F5 presenta un gradiente negativo. La percentuale di dati validati è 100% per i sensori dell’orlo. La fumarola F5AT presenta un intervallo di valori fra 291 e 330 °C.
Le temperature monitorate in continuo sul versante interno mostrano un intervallo di valori compreso fra 98 e 110 °C. Questa fumarola ha ripreso il trend positivo, poco pronunciato, dopo un periodo di interruzione (fra il 14 e il 18 novembre).

4. FLUSSO DI CO2 IN AREA CRATERICA

I valori di flusso di CO2 al suolo in area sommitale come media giornaliera (VCSCS) mostrano nuovamente un aumento con valori intorno a 13290 g/m2/giorno, sempre oltre un ordine di grandezza
superiore rispetto alle medie registrate negli ultimi 10 anni.

5. FLUSSO SO2 IN AREA CRATERICA

Il flusso di SO2 totale emesso dal campo fumarolico di Vulcano misurato tramite la rete scanner FLAME-DOAS, dalla metà del mese di settembre ha indicato valori su un livello alto e superiori al degassamento di flusso di SO2 tipico di Vulcano (20-30 t/d). I valori medi-giornalieri registrati nel corso dell‘ultima settimana sono stabili con i valori osservati in questo periodo (~110 t/d) Dal mese di novembre si osserva l’arresto dell’incremento registrato dall’inizio dell’unrest e la stabilizzazione del flusso su un livello alto 

6. GEOCHIMICA DEI GAS FUMAROLICI

Nel campionamento del 18/11/2021 la concentrazione di specie di derivazione magmatica (CO2, He, N2) si è più che dimezzata rispetto al campionamento precedente. Questo crollo suggerisce che il contributo di gas magmatici alle fumarole è certamente diminuito nell'ultimo mese. Si mantengono invece alti sia i rapporti isotopici di He (5.85 Ra, essendo Ra il rapporto 3He/4He in atmosfera) che di carbonio (0.1-0.2‰ rispetto allo standard PDB).

7. FLUSSO

I flussi di CO2 dal suolo (in continuo) nei siti di Rimessa, Camping Sicilia e Palizzi (P4max) rimangono stabili, su valori molto elevati durante tutta l’ultima settimana. Nel sito di Faraglione si osserva invece una brusca diminuzione durante gli ultimi giorni; i valori di flusso registrati in questo sito sono sempre molto vicini ai valori di background.