Sostenibilità isole minori. Interessante due giorni a Capri

Fonti rinnovabili, efficienza energetica, depurazione delle acque, recupero e riciclo dei materiali: le isole minori potrebbero essere il regno della sostenibilità, territori all’avanguardia rispetto alla gestione delle sfide che il riscaldamento globale ci pone. Capri sarà protagonista di una due giorni internazionale in occasione di una conferenza promossa da Legambiente e Cnr-Iia, con Terna come sponsor e il patrocinio del Comune di Capri e Anacapri, su un tema di grande attualità come quello della sostenibilità delle isole minori e del turismo nelle aree costiere italiane in uno scenario di cambiamenti climatici.

Appuntamento il 23 e 24 giugno presso il centro Congressi Paradiso ad Anacapri. Le due giornate a Capri saranno inoltre l’occasione per fare il punto sulle politiche nazionali per le isole e le aree costiere, sulle risorse previste dal Pnrr con il coinvolgimento di istituzioni nazionali ed europee.


Il primo giorno, 23 giugno, sarà presentato il rapporto isole sostenibili di Cnr-Iia e Legambiente, che fa il punto sulla situazione ambientale delle isole minori italiane con il coinvolgimento di istituzioni ed enti di ricerca, condividendo esperienze e progetti innovativi dalle isole europee, dalla Danimarca alla Grecia, dalla Croazia alle Canarie, alle Baleari e contributi scientifici e tecnici. Un momento di confronto e di studio per fare il punto sugli interventi in corso su fonti rinnovabili, gestione dei rifiuti, depurazione, mobilità sostenibile in territori con ecosistemi delicati che possono rappresentare un laboratorio di innovazione verso la decarbonizzazione e le emissioni zero, ma che oggi sono a rischio per l’impatto dovuto ai cambiamenti climatici, e al turismo.

Il 24 giugno appuntamento con la presentazione della guida “Il mare più bello", guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano, per orientarsi tra le tante località marine e lacustri della penisola e scegliere la propria meta estiva all'insegna della responsabilità e della qualità ambientale. 
Saranno presenti sindaci e rappresentanti delle aree marine protette che hanno ricevuto il premio delle vele di Legambiente. A seguire avrà luogo un confronto sul tema della qualità dell’offerta turistica tra obiettivi di sostenibilità e numero chiuso, una questione sempre più di attualità in tante località costiere, e poi una sessione sul tema dell’adattamento ai cambiamenti climatici delle aree costiere e della lotta all’erosione.