Lettere al direttore.Nuova emergenza rifiuti? Non proprio. (di Ersilia Pajno-assessore). La replica del nostro direttore: Ma la società appaltatrice non dovrebbe sostituire la nave ferma per un guasto da una settimana?

Egregio Direttore,
mi permetto approfittare del suo giornale on line per spiegare ai nostri concittadini il perché in questi giorni è possibile trovare qualche cassonetto stracolmo di rifiuti, rifiuti che giacciono in terra apparentemente non raccolti per incuria dalla ditta preposta al servizio. Alla vista dei più, e di certo non informati, ma solerti nel giungere alle conclusioni più lontane dalla verità, queste immagini sono sinonimo di disservizio nonostante l'impegno profuso dagli operatori ecologici in questi ultimi mesi. È bene invece sapere che dallo scorso lunedì la Green Lipari, nave dedicata al trasferimento dei rifiuti, è ferma al porto di Milazzo a causa di un guasto a uno dei motori. I lavori di manutenzione straordinaria si sono, nostro malgrado, protratti oltre ogni previsione. Questo ha inevitabilmente comportato la saturazione dei cassoni presenti nelle aree di trasferenza di Canneto e conseguentemente la difficoltà nell'esecuzione del servizio. Sono stati utilizzati ulteriori autocompattatori messi a disposizione dalla Caruter e dalla Eolian Service, ma data la lungagine dei tempi sono serviti a ben poco. La Green Lipari dovrebbe tornare in linea il prossimo lunedì. Contiamo ancora una volta di avvalerci di due autoarticolati che trasferiranno gli RSU in discarica nella stessa giornata contestualmente alla differenziata che partirà per le rispettive piattaforme. Ritengo inoltre utile informare che ogni lunedì la Green Lipari approderà a Milazzo solo nelle prime ore del pomeriggio a causa della presenza di navi da crociera. Questo comporterà un rallentamento nei trasferimenti che ci auspichiamo non abbiano da incidere sul servizio di raccolta.
Fiduciosa di aver fornito le corrette informazioni, la ringrazio e le porgo i miei più cordiali saluti,
Ersilia PAJNO
Assessore all'ecologia
Come di Lipari


NOTA DEL DIRETTORE 
Carissimo assessore,
prendo nota della sua precisazione poichè è stato questo giornale a  sollevare la questione dei cassonetti stracolmi. Ma una cosa,con l'affetto che ci lega e la stima di sempre, devo dirla.
La nave dei rifiuti è pagata profumatamente quindi non comprendo perchè debbano essere i cittadini  e l'immagine delle  nostre isole a pagare il prezzo delle problematiche insorte.
Lei scrive che da lunedì la nave ha un guasto...Essendo un pubblico servizio non era il caso(o l'obbligo) che  la società armatrice ne immettesse in  linea un'altra in sostituzione?  Il minimo...visto quanto ci costa. O è chiedere troppo? O è passata la voce che gli eoliani, i liparesi, in questo caso,  hanno l'anello al naso?
Per il resto concordo con lei sul prezioso lavoro sia degli operatori Caruter  che di quelli della Eolian service