Leandro Janni, presidente di Italia Nostra Sicilia: Ciao Aimée, amica del cuore

Così scrive Janni, oggi 23 maggio, nel terzo anniversario della scomparsa di 
Aimée Pierrette Carmoz

Ciao
Aimée, amica del cuore


Anna Frank ha scritto: «Pensa a tutta la bellezza ancora rimasta attorno a te e sii felice.»

Ci siamo conosciuti diversi anni fa, io e Aimée Pierrette Carmoz: sulle pagine de “la Repubblica – Palermo”, quando Giustino Fabrizio era capo della redazione. Spesso Fabrizio pubblicava le nostre lettere al giornale: ovvero i messaggi, i commenti di due indomiti cittadini, di due appassionati ambientalisti. Io scrivevo da Caltanissetta, Aimée Carmoz da Stromboli. Poi, abbiamo iniziato a scambiarci e-mail o a sentirci telefonicamente. Era bello ascoltare il delicato accento francese di Aimée. Era bello discutere di ecologia, di paesaggio, di politica e di bellezza con questa donna timida, minuta e determinata, presidio di Italia Nostra nelle isole Eolie.

Poi, nell’estate del 2008, andai a trovarla, insieme a mia moglie Maria Teresa, nella sua amatissima Stromboli, l’isola “niura” – come diceva lei. L’isola-vulcano. Conservo alcune preziose immagini fotografiche di quel viaggio, di quei luoghi, tra cui quelle relative al sublime cimitero di Stromboli: un esercito silente e immobile di croci bianche in mezzo a un campo verde e giallo. Sullo sfondo, l’azzurro intenso del mare. Un mare caldo e salato. Sulfureo e inquieto.

Aimée Carmoz se ne è andata il 23 maggio del 2019. Ha vissuto, si è consumata lentamente nella sua isola “niura”, ma piena di luce e di bellezza. Nel luogo dove aveva scelto di vivere, di abitare. Per sempre. Un luogo dell’anima. Assoluto.

Nelle isole Eolie, ma non solo, è stata protagonista di tante battaglie a tutela dell’ambiente, del paesaggio. Della bellezza. Sempre ricca di fede e speranza. Di leggerezza e ironia. Lei guardava il mondo, la sua isola con occhi gentili e infinito stupore. Quanta grazia nella sua vita. Quanta passione, dedizione, cura. E impegno.

Queste parole scriveva Aimée nell’estate del 2008: «La pace, sì, e l’innocenza … e questo venticello fresco intorno all’anima mia, in quest’inferno che divampa intorno a noi …»

Ciao Aimée, amica del cuore.

Leandro Janni, presidente di Italia Nostra Sicilia