Ginostra e Poste Italiane, Lo Schiavo si prepara alla protesta ma avviene il “miracolo”: il problema però resta

Puntale... come un orologio svizzero... il vulcanico Mario Lo Schiavo con il suo pacchetto e la corrispondenza da spedire in mano si è presentato stamane all'apertura dell'ufficio postale.

Puntuale anche... come, ormai, avviene da diversi mesi, arriva però la comunicazione che l'operatore è impossibilitato ad operare... per mancanza di connessione.

Ma a volte i "miracoli" se "sollecitati" accadono anche a Ginostra e mentre Mario si sdraiava all'ingresso nell'ufficio, per mettere in atto una protesta ad oltranza, la connessione funziona, cosa da non crederci, dopo tanto tempo. Lo Schiavo e gli altri ginostresi possono, quindi, compiere le loro operazioni postali.

"Il problema - come evidenzia l'altro Lo Schiavo (Riccardo) - resta ed è legato ad una connessione che definire ballerina è dir poco. Forse sarebbe bene che poste italiane si rivolgesse ad un operatore telefonico che ha una buona diffusione di Ginostra oppure potenzi l'apparato con una antenna che riceve ed amplifica il segnale. Altrimenti il rischio è che la prossima operazione postale avvenga tra un altro paio di mesi".

E non sempre il "miracolo", sollecitato da Lo Schiavo senior, si può ripetere.