CAMPAGNA “CARCERI APERTE”: “LA PARTITA CON PAPÀ” alla Casa Circondariale di Barcellona P.G. (Me) il 28 giugno 2022


CAMPAGNA “CARCERI APERTE”

“LA PARTITA CON PAPÀ”

alla Casa Circondariale di Barcellona P.G. (Me)

28 giugno 2022 ore 9:30

I bambini sono tutti uguali, anche i 100mila figli di genitori detenuti.

Non escludiamoli dai giochi. C’è una partita da giocare, anche in carcere con papà.

La Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) aderisce a La Partita con papà®, l’atteso incontro tra papà detenuti e i loro figli, all’interno della annuale campagna Carceri aperte, organizzata da Bambinisenzasbarre in collaborazione con il Ministero della Giustizia - Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

La Partita con papà è in programma martedì 28 giugno 2022 alle 9:30 sul campo all’interno dell’Istituto penitenziario dove giocheranno i papà detenuti e i loro figli. Un incontro “affettivo” e di inclusione al quale assisteranno i familiari che avranno accesso all’istituto.

Alla fine dell’incontro il cappellano Frà Salvo con i suoi confratelli e volontari intratterranno i bambini con giochi e un piccolo buffet offerto dalla comunità francescana.

Arbitrerà l’incontro Emilio Pellegrino, noto arbitro internazionale.

Dopo due anni di sospensione a causa della pandemia negli istituti penitenziari italiani, dal 1 giugno 2022 è ripartita “La Partita con papà”, l’iniziativa che offre la possibilità di giocare a calcio con il papà e di condividere questo momento ludico, normale per tutti gli altri bambini, ma che risulta eccezionale per questi bambini e le loro famiglie e rimane a lungo nella loro memoria.

La Partita con papà e Carceri aperte si inscrivono, come ogni giugno, nella Campagna europea Non un mio crimine ma una mia condanna del network COPE (Children Of Prisoners Europe). La Campagna vuole sensibilizzare sul tema dell’inclusione sociale e delle pari opportunità per tutti i bambini e ha l’obiettivo di portare in primo piano il tema dei pregiudizi di cui spesso sono vittime i 100 mila bambini in Italia (2,2 milioni in Europa) che hanno il papà o la mamma in carcere e sono emarginati. Questi bambini vivono in silenzio il loro segreto del papà recluso per non essere stigmatizzati ed esclusi.

Bambinisenzasbarre ha lanciato La partita con papà nel 2015. L’iniziativa è partita con l’adesione di 12 istituti, 500 bambini e 250 papà detenuti e si è tenuta tutti gli anni fino al 2019, quando sono state giocate 68 partite in altrettante carceri e città, da Belluno a Palermo, coinvolgendo gli agenti della polizia penitenziaria, gli educatori, 3150 bambini e 1700 genitori detenuti.

L’evento ha trovato accoglienza a Barcellona P.G. grazie alla volontà e alla perseveranza della Direttrice dell’Istituto Romina Taiani, all’impegno del Corpo della Polizia Penitenziaria con il Comandante Antonino Rizzo e alla collaborazione dell’intero staff dell’area educativa diretta da Pinuccia Fazio, all’assistenza del Dott.Tommaso Bucca, coordinatore dei servizi sanitari ASP, che hanno sostenuto Bambinisenzasbarre nella parte organizzativa affinché si potesse realizzare questo incontro dei bimbi con i papà.

Vulcano: Alla faccia del divieto! . Frutto di restrizioni illogiche e da rivedere

Spiaggia e mare delle acque calde a Vulcano, real time: il divieto è solo sulla carta e l'afflusso è considerevole anche in prossimità dei tratti in cui il mare bolle.

Indispensabile, così come auspicato da operatori turistici e cittadini, una rivalutazione dei divieti. Insomma la "sorveglianza attiva" così come affermato dal sindaco Gullo e che attende il "conforto" del Comitato, presieduto da  Musumeci

Salina si riconferma regina con le "Cinque vele" di Legambiente e Touring, Per Lipari "Tre vele"

Sventola su Salina una delle diciotto "Cinque Vele" di Legambiente, vera e proprio certificazione di eccellenza assegnata annualmente, alle località italiane, dall'associazione ambientalista in collaborazione con il Touring club.

Per l'isola eoliana si tratta di una riconferma. 
In Sicilia, oltre a Salina, le "Cinque vele" sono andate a Pantelleria.

Nella speciale classifica anche Lipari con "Tre Vele"

Del Deo (Ancim) porta le problematiche delle isole minori alla Camera dei Deputati

"In qualità di presidente ANCIM ho portato la voce di Ischia e delle Isole Minori presso la Camera dei Deputati, partecipando ad un incontro incentrato sulle problematiche e progettualità del Terzo Settore".

Lo ha riferito Francesco Del Deo, sindaco di Forio e presidente di Ancim.

"Come ho riferito nel corso del dibattito, i cittadini delle Isole Minori vivono una quotidianità totalmente differente rispetto agli abitanti della terraferma. - ha aggiunto Del Deo - Tant’è che, spesso, noi Sindaci davvero non riusciamo a dare una risposta concreta a chi lamenta la carenza di servizi e sconta problematiche pesanti per il sol fatto di essere nati su un’isola. Dai trasporti alla scuola, dalla sanità alla giustizia, viviamo in modo problematico i quattro pilastri che reggono una società civile, proprio a causa dei nostri problemi d’insularità".

"Così, - ha aggiunto il presidente di Ancim - mentre in Grecia le isole minori rappresentano una grossa miniera sotto il profilo sociale, economico e culturale, l’Italia continua a legiferare solo per il Paese-Italia, dimenticando totalmente le nostre isole. Colgo l’occasione per ringraziare l’Onorevole Carfagna grazie a cui siamo riusciti a instituire la 73esima area.
Pertanto, ho chiesto alla politica presente, al di là dei partiti, di portare avanti un’azione forte a sostegno delle isole minori".

"Anche, a seguito della battaglia che stiamo portando avanti – come Ancim – per quanto concerne il riformato articolo 119 della Costituzione, con l’obiettivo di conferire alle isole minori lo status di “di zone diverse , disagiate, con peculiarità ed esigenze diverse rispetto alla terraferma”. Senza dimenticare la battaglia a tutela dei tribunali delle isole minori.
L'intervento è stato molto seguito dal pubblico presente nella storica sala stampa della Camera dei Deputati, e che ha posto le Isole Minori al centro del dibattito e di nuovi progetti", ha concluso Del Deo.(quinewselba.it)