Orto, pronto a tutto: “Inaccettabile aumento tariffe aliscafi. Non lo permetteremo”


 COMUNICATO STAMPA 

Oggetto: Gaetano Orto “Inaccettabile l’aumento delle tariffe delle corse degli aliscafi. Penalizzati i cittadini da una scelta irragionevole: pronto a tutto per ottenere il congelamento dei prezzi dei biglietti. Si mobiliti anche la deputazione regionale e nazionale”. 

L’annunciato aumento delle tariffe delle corse degli aliscafi d’interesse nazionale previsto per il prossimo 10 maggio, deciso dal Governo Nazionale, è inaccettabile ed estremamente grave. Questa scellerata scelta colpisce tutti i Comuni delle isole minori e le rispettive popolazioni, creando paradossalmente delle tariffe diverse tra gli aliscafi sostenuti dalla Regione siciliana, che non subiranno alcun aumento, e quelli finanziati dalla Stato”. 

Lo afferma Gaetano Orto, candidato sindaco di Lipari con la lista “Siamo Eolie”.

E’ importante, quindi, agire con tempestività, anche insieme agli altri Comuni delle isole minori, e quindi con il supporto dell’Ancim. Contatterò immediatamente l’assessore regionale ai Trasporti e il Ministro competente e, se il caso, mi recherò personalmente presso l’Assessorato dei trasporti della Regione Sicilia e presso il Ministero dei trasporti affinché congelino le attuali tariffe in attesa di una soluzione definitiva che tenga conto dell’aumento del gasolio. Invito, inoltre, la deputazione regionale e nazionale siciliana a prendere una decisa posizione sulla questione che coinvolge tutte le isole minori. Non permetteremo assolutamente un aumento delle tariffe degli aliscafi di interesse nazionale in questo particolare e delicato momento che vede già i nostri concittadini vessati da un aumento sproporzionato di tutte le materie prime. Siamo pronti a tutto e non arretreremo di un solo centimetro su delle scelte che devono essere preventivamente discusse con i governi locali”.

Conclude l’avvocato Gaetano Orto.

Lipari, 1 maggio 2022

L’ufficio stampa

Covid alle Eolie: Contagi ancora in discesa

Diffusi dall'Ufficio commissariale per il Covid nella provincia di Messina i nuovi dati.
Si riferiscono alla giornata del 30 aprile.
Nel Distretto di Lipari (Comuni di Lipari, Leni, Malfa e Santa Marina Salina) i positivi sono 176 dei quali 13 conteggiati per la prima volta.
Il dato precedente diffuso era del 28 di aprile e i positivi erano 194

Il manifesto “Cercasi schiavo” e le probabili conseguenze. La nostra riflessione


Il manifesto "Cercasi schiavo" apparso oggi 1° Maggio sui muri di Lipari, il clamore mediatico (la notizia è stata ripresa a livello nazionale), l'intervento del Presidente della Commissione parlamentare antimafia, avranno sicuramente delle conseguenze. 

A nostro avviso, non serve essere profeti per attendersi frequenti "visite", più delle solite, da parte dell'Ispettorato del lavoro.

Quelli con qualche "capello bianco", come il nostro, ricorderanno bene come, diversi anni fa, dopo che era circolata la notizia (fasulla) che a Panarea dei lavoratori per protestare si erano legati alle bitte del porto, i "viaggi" degli ispettori si intensificarono, notevolmente. 

Per quanto concerne le modalità della protesta non spetta a noi entrare nel merito, anche se siamo dell'idea che, per rivendicare i giusti diritti, segnalare i soprusi, esistono gli organismi preposti. Anche se spesso per il quieto vivere, o per necessità, non lo si fa. 

Ovviamente è scontato che siamo contro ogni sopruso, nel lavoro, come in altri campi

Il Presidente della commissione Parlamentare Antimafia interviene sul “Cercasi schiavo”

Scrive sulla sua pagina fb Nicola Morra, Presidente della commissione Parlamentare Antimafia
"A Lipari questa notte hanno affisso, ironicamente, ma neanche tanto, questo manifesto.
Che questo sia avvenuto la notte precedente il 1° maggio la dice tutta su quale sia la condizione di tanti che oggi lavorano, sprofondando sempre più nella schiavitù.
Forza, questo è uno dei capisaldi della rivoluzione culturale e politica che dobbiamo operare.
Alla faccia dei tanti profeti della globalizzazione dello schiavismo del lavoro".

Assoimpreseolie su manifesto “Cercasi schiavo”

Stamane svegliandoci, abbiamo visto i muri del nostro paese tappezzati da manifesti abusivi,in quanto non conformi alla normativa sulle affissioni, dal titolo "Cercasi Schiavo " ove gli autori evidenziano: la proposta irregolare di contratti di lavoro,il lavoro in nero ect...
Sarebbe stato più opportuno ed onesto, senza trincerarsi nell'anonimato, avere il coraggio di denunciare agli organi competenti, che hanno da sempre effettuato i dovuti controlli, in tal senso, e verbalizzato le irregolarità riscontrate, compreso quanto indicato nel manifesto.


Assoimpreseeolie
Il presidente
Maurizio Cipicchia

Questo il manifesto "incriminato"

Il manifesto del 1° maggio affisso a Lipari. La replica

Riceviamo e pubblichiamo:

Vorrei dire a quella mente eccelsa che ha tappezzato Lipari di manifesti, perchè non prova lui con il suo fondoschiena ad avviare una attività produttiva importante, con tutti i limiti che il nostro territorio ci impone.

Nessuno è obbligato ad accettare condizioni che non sono convenienti.

Che si trovassero da campare, se sono capaci, come vogliono!

Nota firmata

1° Maggio… Lipari “tappezzata” così

Il 1° maggio di Lipari è caratterizzato da tantissimi di questi eloquenti manifesti affissi un pò ovunque. 

Nel dare risalto a quella che è una evidente protesta non possiamo non sottolineare che "Non  bisogna fare di tutta l'erba un fascio". Ovvero: Che ci sono anche imprenditori corretti

Nuovo premio letterario nazionale per lo scrittore e storico eoliano La Greca

Nuovo premio letterario nazionale per lo scrittore e storico eoliano Giuseppe La Greca. Il nuovo premio, l'ennesimo, è arrivato per il saggio inedito: Le isole perdute dell'Oceano tenebroso". Il libro andrà in stampa nel prossimo anno.

Le isole perdute dell'Oceano Tenebroso

Nel corso del Medioevo e per buona parte del Rinascimento l’Atlantico centro-settentrionale è popolato da innumerevoli isole, reali ed immaginarie, alcune fonte di scoperte e colonizzazioni, altre remote ed incognite, alcune senza particolari caratteristiche, altre piene di meraviglie; apparse in primo luogo nelle utopie e nei mondi fantastici della letteratura medievale, e successivamente negli isolarii.

I Greci sono stati i primi che hanno raccontato di isole nel lontano Occidente.

Nel corso del Medioevo l’oceano è ancora una vasta distesa sconosciuta, palcoscenico delle più fantasiose storie marinaresche. Diversi marinai, gettati in alcune di queste isole dalle tempeste, avevano dato una fugace occhiata, e riusciti a tornare nei porti europei, raccontarono delle confuse descrizione di ciò che avevano visto; i cartografi, rifacendosi a descrizioni vaghe, forse anche di seconda o terza mano, abbozzarono delle isole dalle forme insolite.

Nelle carte e nelle mappe dell'epoca, inoltre, non c'è una distinzione tra le isole reali e quelle fantastiche, e spesso si trovano le une accanto alle altre. La cartografia, infatti, anche se in espansione, è il prodotto di due tendenze distinte: da un lato, del desiderio di produrre mappe che riflettevano le nuove scoperte; dall'altro, del mito e della tradizione.

*

Quasi tutte le isole dell'Oceano Tenebroso scompariranno nel corso degli ultimi tre secoli, di loro restano resoconti fantastici e presunte identificazioni.

Attraverso questa breve guida proveremo a ripercorrere le loro storie e le loro rotte, ispirandoci alle parole di J. Le Goff “una storia senza immaginario è una storia mutilata, disincarnata”.

Auguri di…

Buon Compleanno a Raoul Raccuia, Mohamed Sammoudi,Veronica Gugliotta, Marco Furnari, Elisa Profilio, Melissa Stramandino, Pietro Stramandino

Carnevale: “No all’aumento del costo dei biglietti degli aliscafi sulle corse ministeriali. Urge intervento comune”

Riceviamo dall'ingegner Emanuele Carnevale e pubblichiamo:
Apprendo con stupore che a partire dal 10 maggio è previsto l’aumento dei costi dei biglietti degli aliscafi sulle corse ministeriali, di circa il 35% per i non residenti e di circa il 50 % per i residenti. 
Tutto ciò è inaccettabile e genera un danno enorme per la fragile economia delle isole, già duramente provata dall’innalzamento di tutti i costi dovuti alla crisi economica e all'emergenza Covid. L'improvviso aumento del prezzo del biglietto, trattandosi di servizio pubblico essenziale, doveva essere valutato con l'intervento di tutte le istituzioni, in particolare con le amministrazioni comunali delle isole minori.Inoltre il costo del carburante, che come noto ha subito un'importante incremento, rappresenta solo una delle voci di costo necessarie alla gestione del servizio e certamente non può interamente ricadere sull'utente finale del servizio pubblico essenziale.Alla luce di quanto sopra evidenzio che gli aumenti previsti non sono assolutamente proporzionali agli aumenti dei costi dovuti alla crisi. Pertanto è necessario un immediato intervento dell’Amninistrazione Comunale, delle associazioni a tutela dei consumatori, delle associazioni di categoria e del comparto turistico, dell'autorita' garante per i servizi pubblici essenziali.Bisogna immediatamente chiedere alla Regione Siciliana al Ministero dei Trasporti la conferma delle tariffe fino ad oggi applicate e di farsi carico degli eventuali variazioni dei prezzi delle convenzioni con i vettori.La congiuntura economica negativa in atto, sopratutto in un territorio così svantaggiato come quello insulare, non può gravare sulle tasche dei cittadini e dei turisti che scelgono le nostre isole.Gli aumenti minano il diritto alla continuità territoriale perché gli isolani non abbiamo possibilità di scelta!Questa dovrà essere una battaglia di tutti perché l'aumento rappresenta l'ennesimo colpo alle isole e agli isolani!Visto il momento elettorale sono disponibile anche a condividere con gli altri candidati, attraverso una protesta propositiva, questa battaglia che riguarda TUTTI
Emanuele Carnevale

Messaggio autogestito a pagamento (Come da codice di autoregolamentazione per le amministrative)


 #ILCORAGGIODICREDERE

TURISMO - CULTURA- SPORT E SPETTACOLO- GRANDI EVENTI

Predisposizione ed attivazione di punti informativi turistici in zone strategiche delle Isole, volti ad informare circa i servizi turistici disponibili; le possibilità ricettive e di ospitalità; le iniziative culturali, sportive e ricreative e di tempo libero; le attrattive locali; il sistema di mobilità ed ogni altra notizia utile al visitatore

• Redazione e diffusione di un calendario annuale nel quale vengano inseriti manifestazioni, eventi, feste religiose/folkloristiche e tutte le iniziative promosse all’interno del territorio, adeguatamente pubblicizzati

• Partecipazione ad attività di promozione turistica (fiere, convegni e congressi)

• Rivitalizzazione del centro storico, delle piazze e delle diverse realtà del territorio con organizzazione di attività, eventi ad hoc

• Implementazione dell’escursionismo mediante la valorizzazione dei sentieri presenti nelle isole. Difatti, l’Arcipelago Eoliano gode di una fitta rete di sentieri che si estende complessivamente per ben 250 chilometri

• Progettazione di un percorso sentieristico adeguatamente pubblicizzato attraverso Mappa dei sentieri

• Manutenzione ordinaria e straordinaria dei sentieri e la predisposizione di un’idonea segnaletica; diffusione di forme di turismo sostenibile, a basso impatto ambientale

• Instaurare una concreta sinergia con tutte le associazioni sportive presenti sul territorio per promuovere manifestazioni ed eventi, nazionali e internazionali

• Manutenzione e miglioramento delle strutture sportive esistenti

• Avvio di una politica di collaborazione e di apertura con le società sportive insistenti sul territorio ai fini di una gestione virtuosa e condivisa delle strutture sportive esistenti e la realizzazione di nuove strutture sportive al coperto

• Creazione di piccoli centri sportivi e sociali per ognuna delle Isole

• Ristrutturazione dello stadio “Franchino Monteleone”

• Adeguamento del campo sportivo di Stromboli anche per altre attività sportive

• Realizzazione di un campetto di calcio nell’Isola di Filicudi

• Candidatura dei quattro Comuni Eoliani (quello di Lipari in partnership con i tre Comuni di dell’isola dei Salina, Malfa, Leni e S. Marina), come Capitale europea della Gioventù per il primo bando utile

• Valorizzazione del Carnevale eoliano e di tutti quegli eventi organizzati da Associazioni locali