Trasporti marittimi: Arabia e Montecristo annunciano forti azioni di protesta. Giorgianni e Rametta non pervenuti

COMUNICATO STAMPA

A seguito delle note inviate all’Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, relative alla rimodulazione dei collegamenti marittimi di interesse statale dal prossimo 1 gennaio, ad oggi tutte rimaste prive di risposte, che comporterà una forte riduzione sia di mezzi che di linee e, di conseguenza, limitazione alla mobilità degli abitanti delle Isole, con conseguenti ripercussioni sociali ed economiche fortemente negative, i Sindaci di Santa Marina Salina e Leni comunicano la loro determinazione ad attuare forti ed incisive azioni di protesta, facendo proprie le preoccupazione delle popolazioni locali.

Tali azioni saranno attuate nel caso in cui l’Assessorato non provveda con effetto immediato a ripristinare gli attuali assetti dei collegamenti marittimi in questione e a convocare con la massima urgenza i Sindaci interessati per scongiurare la soppressione di linee essenziali ai bisogni degli isolani.

Domenico Arabia - Sindaco di S. Marina Salina

Giacomo Montecristo - Sindaco di Leni

L’anno che verrà… Auguri Eolie! (L’editoriale di Salvatore Sarpi)


(di Salvatore Sarpi) Il 2021 sta per cedere il passo al 2022. Come sempre è il momento degli auguri, della speranza che il nuovo anno possa essere migliore di quello che ci lascia: sia a livello personale che di collettività.

Nell'augurare a tutti i lettori, eoliani e non, un 2022 in linea con le aspettative di ognuno, non posso non soffermarmi sulle mie isole.

Il 2021 non è stato un anno facile e certamente non solo per il Covid.

Diverse le disgrazie che hanno colpito e addolorato questa comunità, tante giovani vite, andate via troppo presto; sempre più i diritti negati e/o fortemente ridimensionati: Uno su tutti quello alla salute, ma l’elenco dei “tagli” è decisamente più vasto. Sovente tra l'indifferenza di chi amministra e di chi è amministrato… incapace di reagire, salvo poche eccezioni.

E' allora l'augurio, o forse meglio l'auspicio, per il 2022 è quello di rimboccarsi le maniche.

Ognuno per le proprie competenze...ponendosi come obiettivo il bene comune.  

Gli amministratori che verranno dovranno essere all’altezza di fare ripartire queste isole con forza, con progettualità, rivendicando, in ogni sede, i diritti negati, facendo comunità con la propria comunità. Con quella comunità che sarà chiamata a sceglierli, libera (speriamo) da lacci e lacciuoli.

Non servono despoti o uomini soli al comando, non servono soggetti abituati a restare nell’ombra, non servono soggetti, sino ad oggi “senza arte ne parte”, capaci solo di agganciarsi al carro del vincitore (sino a quando è convenuto) e che, adesso, provano ad “aprirsi una finestra” sulle isole, per guardare, da dentro al palazzo, magari al rafforzamento dell’orticello domestico. 

 L'auspicio è di ritornare a dialogare, ad imparare ad ascoltare gli altri, a rivendicare i nostri diritti: con la forza d'animo e con lo spirito che, in passato, ha caratterizzato noi eoliani.

Buon anno a tutti ! Buon anno Eolie... e che lo sia davvero!

Pianoconte: Voragine e acqua a perdere

Foto d'archivio
Una voragine, già transennata ma sulla quale evidentemente non si è intervenuto, con annessa una mastodontica perdita di acqua potabile, ci viene segnalata lungo la stradella che partendo da Quattrocchi, passando nei pressi del cimitero di Pianoconte, arriva sino alla piazza di Santa Croce.
Un doppio intervento, per far cessare la dispersione di acqua e per chiudere la voragine, è più che mai indispensabile, anche perchè c'è il serio rischio che la situazione peggiori.

Ricordando Lucia Zucchini


Le foto sono pubblicate, in modo casuale e gratuitamente, dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta sono a pagamento

La Sicilia verso il giallo. Il Covid “galoppa” Lipari

Adesso anche i numeri tingono di giallo la Sicilia. L'addio alla zona bianca verrà sancito, a questo punto, nel fine settimana, per poi entrare in vigore subito dopo Capodanno, il 3 gennaio. 
Il monitoraggio di Agenas, infatti, mostra come anche l'ultima soglia, quella della percentuale di occupazione dei posti di terapia intensiva negli ospedali dell'Isola, sia stata superata: 10%. Quella dei posti “ordinari”, invece, era stata varcata da un pezzo e ha raggiunto, ieri, il 19%. 
I “confini” tra bianco e giallo sono proprio 10 e 15 per cento. Il terzo dato, quello dell'incidenza settimanale dei casi ogni 100 mila abitanti, è scontato: il tetto è di 250 ogni 100.000 abitanti, la settimana scorsa ci si è fermati a 244, a ieri (ed era solo martedì), si era già 101 casi ogni 100.000 abitanti in appena due giorni.
Contagio da Covid in decisa crescita a Lipari dove è stato sforato il tetto dei 20 positivi.