Borse di Studio C&T: premiati i neodiplomati meritevoli degli istituti “L. Nostro – L. Repaci”; “E. Fermi”; “I.P.ALB. – TUR”



COMUNICATO STAMPA

Messina, 13.12.2021 - Caronte & Tourist ha premiato con una borsa di studio 20 studenti degli istituti superiori “L. Nostro – L. Repaci”; “E. Fermi” e“I.P.ALB. - TUR”.

La cerimonia si è svolta stamane presso l’Aula “Emanuela Loi” dell’Istituto Alberghiero I.P.ALB.-TUR di Villa San Giovanni; presenti per il Gruppo Caronte & Tourist gli Amministratori Delegati, Vincenzo Franza e Lorenzo Matacena, e il Capo del Personale e della comunicazione, Tiziano Minuti.

Undicesima e dodicesima edizione insieme, per premiare le studentesse e gli studenti più meritevoli degli anni scolastici 2019/2020 e 2020/2021.

“Giovani - hanno ricordato la Dirigente Scolastica dell’I.P.ALB. – TUR. Carmela Ciappina e Maria Stella Spezzanodell’Istituto “Nostro – Repaci”, anche in rappresentanza della prof.ssa Graziella Remondino dell’Istituto “Enrico Fermi” – che hanno avuto insieme a tutti i loro compagni la forza e la tenacia di superare due anni difficili; ragazzi che nonostante l’emergenza pandemica, hanno dimostrato una straordinaria capacità di concentrazione, che hanno tenuto a mente il loro obiettivo e lo hanno raggiunto, con esiti eccellenti”.

“Sono i ragazzi - ha detto Vicenzo Franza – cui adesso Caronte & Tourist consegna un premio che non è solo un assegno ma ha un valore simbolico trascendente; rappresenta l’impegno della Compagnia a sostegno della voglia di fare e delle ambizioni di tanti giovani che, con coraggio, hanno deciso di restare, di spendersi per la loro terra e nella loro terra o che hanno intrapreso già la loro carriera in vari centri d’Italia e del mondo”.

 Ecco i nomi dei ragazzi premiati con le borse di studio C&T:

Alessia Picone; Sara Madonna; Marianna Chirico; Manuela Jole Galzerano; Domenico Barilla; Fortunato Scarfone; Rocco Galletta; Giada Bellè; Giusy Dattola; Gabriele Floccari; Dario Porcino; Giuseppe Gabriele Fedele; Grazia Ventura; Federico Omar Jaballah; Darren Ragdoo; Elisa Esposito; Stefania Elisabetta Musicò; Elison Campolo; Tatiana Russo; Alin Alexandru Tiriac

Covid, da oggi in Sicilia via alla prenotazione dei vaccini per la fascia 5-11 anni

Da oggi in Sicilia è possibile prenotare la prima dose del vaccino anti Covid-19 anche per i bambini dai 5 agli 11 anni, così come previsto dal Ministero della Salute in tutta Italia. Le somministrazioni verranno effettuate da giovedì 16 dicembre nei 65 punti vaccinali pediatrici distribuiti in tutte le province dell’Isola, nei quali sono stati predisposti accessi e corsie riservate ai più piccoli. Il giorno della somministrazione del vaccino i bambini dovranno avere 5 anni compiuti.
Lo rende noto l’Assessorato della Salute della Regione Siciliana.
La prenotazione può essere effettuata collegandosi alla piattaforma governativa (prenotazioni.vaccinicovid.gov.it) predisposta da Poste Italiane, oppure attraverso il sito www.siciliacoronavirus.it, da dove è possibile scaricare altresì la modulistica relativa alla vaccinazione.
Il giorno della vaccinazione è necessario che sia presente anche uno solo dei genitori/tutori legali, il quale dovrà dichiarare di avere informato l’altro genitore.
Il vaccino previsto per i bambini dai 5 agli 11 anni è Comirnaty (BioNTech/Pfizer), nella formulazione specifica approvata da Aifa, con un dosaggio ridotto a circa un terzo rispetto a quello per gli over 12. Anche per i bambini è prevista la somministrazione di una seconda dose, a distanza di tre settimane dalla prima.

Italiani esemplari e minoranze “resistenti”

(di Luca Chiofalo) Incrociamo le dita, ma tutto sommato stiamo reggendo…

Grazie alle misure che il governo italiano ha adottato in anticipo rispetto ad altri stati (che oggi ci seguono) ed alla responsabilità della stragrande maggioranza dei cittadini italiani che hanno aderito alla campagna di vaccinazione ed accettato di buon grado richiami e green pass, non viviamo la situazione drammatica di altri paesi.

Stamane, ho fatto la terza dose e mi rincuora aver trovato in fila diversi ragazzi finalmente decisisi a farsi inoculare la prima dose, contribuendo così a incrementare la quota di cittadini immunizzati contro il Covid.

Spiace constatare che continua a “resistere” alla realtà una sparuta minoranza di no-vax e no-green pass rumorosa e agguerrita, che rifiuta i dati ufficiali e dimostrati sull’efficacia e sulla sicurezza dei vaccini, oltre a mettere in discussione la validità e la “legittimità” degli strumenti introdotti dal governo per il contenimento del contagio.

Beh, anche rispettando il diritto a dire idiozie, garantito in un paese libero e democratico come il nostro, bisogna comunque chiarire (a beneficio dei ragionevoli) che le alternative ai vaccini ed al green pass sono le chiusure ed il confinamento in casa, perché il contagio e le ospedalizzazioni dilagherebbero.


N.B. Ecco l’articolo 16 della nostra solida e lungimirante Costituzione che legittima le temporanee limitazioni alla libera circolazione introdotte nel nostro paese causa Covid:

“Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza…”. 
 LUCA CHIOFALO