Vulcano: Fumarole anche a quote più basse e il mare cambia colore (video e foto)


Scuola e lavoro, Musumeci: «Spesi in Sicilia oltre 600 milioni»

 «Se vogliamo fornire alle nostre imprese il personale motivato e qualificato di cui hanno estremo bisogno, serve rivedere in Italia il sistema educativo e formativo».

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervenendo stamane a Napoli al meeting di Confindustria su Sud e Nord, al quale ha partecipato anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Il governatore ha ricordato la azione del proprio governo sugli obiettivi perseguiti, a favore della scuola 0-6 anni per anticipare il percorso di scolarizzazione, ai Progetti di potenziamento del tempo pieno e prolungato nelle scuole primarie (elementari) e secondarie di primo grado (medie), selezionando gli istituti scolastici a maggior tasso di dispersione scolastica, in aree territoriali di forte degrado economico e sociale.

«Progetti - ha sottolineato Musumeci - realizzati in accordo con il ministero dell'Istruzione e l'Ufficio scolastico regionale per la Sicilia». Il governatore ha ricordato come, con l’assessore Roberta Lagalla, la Regione abbia voluto dare sostegno alle funzioni di orientamento nelle scuole per favorire le scelte meditate degli studenti nel passaggio dalla media alle scuole superiori e da queste all'università.
L'incremento del numero delle Fondazioni Its (Istituti tecnici superiori), passate in Sicilia da 5 ad 11 nell'attuale legislatura, costituite dall'insieme di università, istituti tecnici superiori e aziende per la formazione superiore di tecnici diplomati in settori strategici per la produzione e l'economia regionale. I risultati occupazionali ottenuti hanno registrato un buon assorbimento lavorativo. In particolare, due tra le undici fondazioni Its siciliane sono state valutate da Roma come “eccellenti”.
 
«La sfida - ha aggiunto il presidente - è ridurre la dispersione scolastica e favorire l'inserimento lavorativo in settori a elevata potenzialità di crescita. Ad oggi, la Sicilia è la quarta regione italiana per numeri di allievi Iefp, dopo Veneto, Lombardia e Piemonte». 

Musumeci ha fatto cenno anche all’incremento dell’attività formativa in apprendistato (sistema duale), con esperienze di alternanza scuola-lavoro presso imprese esterne e presso alcune imprese didattiche, realizzate all’interno degli istituti scolastici con finanziamento. E, ancora, i rapporti con le università, gli enti pubblici di ricerca e il mondo scientifico attraverso varie iniziative:
il sostegno economico al decentramento universitario qualificato; l'erogazione di borse di studio aggiuntive per specializzandi in sanità e per dottorati di ricerca degli atenei isolani; la copertura delle borse di studio degli Enti regionali per il diritto allo studio (Ersu) per residenzialità universitaria; gli incentivi economici alle Università siciliane, in caso di rientro nell’Isola di studenti provenienti da altri Atenei, italiani o esteri.
 
Obiettivi per i quali il governo regionale ha utilizzato risorse Fse, oltre fondi regionali, per oltre 600 milioni di euro. Assieme alle realtà scolastiche superiori e universitarie, il presidente della Regione ha voluto denunciare l’allarmante carenza in Sicilia di asili nido e materne, che richiede un congruo intervento finanziario del governo centrale. Richiesta di Musumeci a cui il ministro Bianchi ha subito risposto, condividendone la preoccupazione e assicurando la prossima necessaria dotazione di risorse, a disposizione dei singoli Comuni, proprio per le infrastrutture sociali.

Ultime due proiezioni della II parte di “Racconti d’estate”, la rassegna cinematografica del Magazzino di Mutuo Soccorso – Eolie

Ultime due proiezioni della seconda parte di "Racconti d'estate", la rassegna cinematografica del Magazzino di Mutuo Soccorso - Eolie che si manifesta nel periodo estivo all'aperto e adesso, va a sancire la chiusura dell'estate, consolidando la sua collaborazione con il Parco Archeologico delle Isole Eolie.


Venerdì 22 ottobre ore 18 - Chiesa di S.Caterina al Castello


Jules e Jim – François Truffaut (1962)

(versione italiana)

Negli eterni rapporti tra cinema e letteratura, “Jules e Jim” di Truffaut rappresenta un punto di svolta. Non soltanto per il fatto di essere una grandissima opera cinematografica che è divenuta punto di riferimento imprescindibile per ogni amante di cinema. E neanche per avere contribuito, con delle scene divenute iconiche (come la magica corsa sul ponte tra Jules, Jim e Katherine/Jeanne Moreau al massimo del suo splendore) a definire il manifesto della nuova immagine femminile che gli anni Sessanta stavano costruendo. È soprattutto sulle tecniche di adattamento da un testo letterario a uno cinematografico che Truffaut realizza il suo miracolo. Tradire il testo per essergli fedele nello spirito. Dopo questo film nessuno può più permettersi di banalizzare il confronto tra letteratura e cinema. Due scritture profondamente diverse che richiedono un approccio a volte anche opposto.

Introduce il film Sergio Barone.


Sabato 23 ottobre ore 18- Chiesa di S.Caterina al Castello


Orlando – Sally Potter (1992)

(versione italiana con sottotitoli in inglese)

Tra tutte le grandi scrittrici del Novecento, Virginia Woolf è probabilmente quella che all’apparenza è la più complicata da adattare per il grande schermo. La sua prosa, i suoi flussi di coscienza sembrano non essere fatti per la classica dimensione narrativa del cinema. Bisogna scegliere una strada nuova e, per certi versi, del tutto originale. Singolare il fatto che sono state proprio due registe donne a cimentarsi in quest’impresa: Marleen Gorris per “La signora Dalloway” e, soprattutto, Sally Potter per quel miracolo letterario che è “Orlando”. Lasciare libero l’immaginario visivo per restituire la complessità ma anche il fascino del mondo di Virginia Woolf. È un’operazione rischiosissima ma capace di restituirci delle suggestioni emotive molto potenti. A ciò si aggiunge una interpretazione magistrale di una delle più grandi attrici del cinema contemporaneo come Tilda Swinton.

Introducono il film Sergio Barone e Tilde Pajno (Associazione I.Dee)

Smart e-cup a Messina: anche Caronte & Tourist in pista al PalaRescifina.

Avrà i colori e i loghi di Caronte & Tourist una delle Smart che domattina alle 11 convergeranno in Piazza Unione Europea, per la cerimonia di presentazione della “Smart e-cup”.

A guidare la piccola ma grintosissima elettrica griffata Caronte saranno Salvatore Caristi e Vincenza Allotta, entrambi rallysti esperti e dal ricchissimo palmares.0

La “Smart e-cup” è il primo campionato turismo al mondo dedicato ad una vettura elettrica. In questo 2021 le Smart si sono date battaglia nei principali autodromi italiani (Pergusa, Vallelunga, Imola, Varano, Misano) non facendo mai mancare adrenalina, emozioni e divertimento.

Adesso tocca a Messina, per una kermesse compresa in un vasto programma di mostre del “e.motorshow”.