Coronavirus: in Sicilia calano contagi, vittime e ricoveri ma aumentano le terapie intensive

Sono 1.230 i casi di Coronavirus registrati oggi in Sicilia su 21.609 tamponi processati: dunque si registra un lieve calo rispetto alla giornata di ieri. Il tasso di positività è del 5,7%. 
In calo anche il numero delle vittime, oggi 28. Scende anche il numero di ricoverati in regime ordinario sull'isola a causa del Covid, aumento invece per quanto riguarda i pazienti in terapia intensiva.

Ad oggi sono 126.364 i siciliani che sono stati contagiati dal virus. Le vittime diventano 3.129, i guariti 76.337 (1.011 quelli odierni). Attualmente risultano positivi 46.898 persone, di cui 45.241 in isolamento domiciliare obbligatorio, 1.436 ricoverati nei reparti Covid (-23) e 221 in rianimazione (+6).

Questa la suddivisione dei nuovi casi per provincia: Palermo è ancora la più colpita con 459 casi, poi Catania 248, Messina 127, Trapani 112, Caltanissetta 104, Siracusa 68, Agrigento 41, Ragusa 36 ed Enna 35. 

Ricordando… Vanni Giardina

Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Ricordando… Vanni Giardina

Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Vietato avere “problemi di cuore”. Ospedale di Lipari da domani senza cardiologi

L'ospedale di Lipari, da domani, non essendo stata rinnovata la convenzione con il Papardo, scaduta il 17 gennaio, non potrà contare sui cardiologi provenienti da quella struttura e che, in questi mesi, hanno garantito l'importantissimo servizio. 

Oltre all'insulina, della cui mancanza abbiamo trattato stamane, un altro grave handicap per la cittadinanza. Un'altra "perla" di La Paglia!

Rifiuti: governo Musumeci sblocca 18 milioni per la differenziata nelle Città metropolitane

Dopo quasi dieci anni di attesa, il governo Musumeci sblocca 18 milioni di euro per potenziare la raccolta differenziata nelle tre Città metropolitane della Sicilia. Il presidente della Regione ha firmato l’accordo con il ministero dell’Ambiente e con il consorzio Conai che consentirà a Palermo, Catania e Messina di incrementare la raccolta e contrastare il fenomeno delle microdiscariche e degli abbandoni irregolari di rifiuti.
Il finanziamento è stato ripartito in base al numero di abitanti, coinvolgendo le Società per la regolamentazione del servizio di gestione Rifiuti (Srr) nella programmazione e nelle procedure di acquisto delle dotazioni. Nel dettaglio sono destinati 6,5 milioni al capoluogo, 5 milioni alla ex Provincia etnea e 4,2 a quella peloritana. In più, per la Srr di Palermo si aggiungono ulteriori due milioni e 492 mila euro, frutto di un altro accordo risalente al 2012.

«È un grande risultato – spiega il presidente Nello Musumeci – che dimostra ancora una volta l’attenzione del governo regionale verso il tema della raccolta differenziata che nella nostra Isola è quasi raddoppiata in tre anni, passando dal 20 al 40 per cento».
L’ipotesi di accordo risale al 2011, ma è stato siglato solo adesso grazie alla continua interlocuzione dell’assessore all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, con il ministero dell’Ambiente.
«Abbiamo creduto fermamente in questa iniziativa – dice l’assessore – perché riteniamo fondamentale intervenire a supporto delle Aree metropolitane impegnate nel percorso per l’incremento della raccolta differenziata. Ringrazio il direttore Foti per il prezioso lavoro e il ministero per aver accolto con spirito costruttivo le nostre richieste. Sarà importante anche l’opera di sensibilizzazione nelle scuole, perché partendo dai più piccoli si può migliorare in maniera concreta ed efficace la sensibilità ambientale delle famiglie».

Il Piano di interventi prevede, tra le varie misure, l’installazione di sistemi di videosorveglianza per le aree a rischio abbandono e maggiori controlli sulla qualità dei rifiuti conferiti, tramite la costituzione di gruppi di ispettori ambientali che collaboreranno con il Nucleo operativo di protezione dell’ambiente dei vigili urbani.
È previsto anche un intervento per incrementare il compostaggio domestico, attraverso l’acquisto e la consegna alle famiglie di compostiere per la trasformazione dell’organico in compost da utilizzare come fertilizzante. Saranno organizzate, infine, iniziative all’interno delle scuole per sensibilizzare le nuove generazioni, e tramite loro le rispettive famiglie, all’ecosostenibilità e alla tutela dell’ambiente.

Coldiretti dona al Comune di Lipari 800 chili di generi alimentari da distribuire a famiglie e persone in difficoltà

COMUNICATO STAMPA

Nel pomeriggio di ieri, 20 gennaio, sono stati consegnati al Comune di Lipari, alla presenza dell’Assessore Tiziana De Luca, circa 800 chili di generi alimentari non deperibili da parte di Coldiretti Sicilia – Messina nell’ambito dell’iniziativa della stessa Coldiretti di sostegno alle famiglie e alle persone in difficoltà economica, anche a causa della pandemia, e di solidarietà alimentare.

I pacchi spesa saranno consegnati per la successiva distribuzione, anche nelle isole minori, alla Croce Rossa.

Ringraziamo di cuore la Coldiretti per la sensibilità, l’attenzione e l’importante gesto in risposta ai bisogni più concreti e per aver scelto anche il nostro territorio come destinatario della iniziativa.

Ringraziamo inoltre la Croce Rossa – Comitato di Milazzo-Isole Eolie e i volontari per la sempre infaticabile azione di supporto e assistenza al territorio e a cui sarà possibile rivolgersi per informazioni e istanze, viste le limitazioni imposte dalle normative anti covid in zona rossa, al numero +39  339 2508773.

                                     L'Amministrazione Comunale

ACCORDO LIBERTY LINES – CIVITATIS PER LA PROMOZIONE DEL TURISMO DI QUALITÀ. La compagnia di navigazione offrirà le escursioni e i tour guidati gestiti dall’operatore spagnolo per dare un valore aggiunto alla clientela

Comunicato stampa


Trapani, 21 gennaio 2021
– La stagione turistica è ancora lontana da un vero avvio ma le aziende più attente si stanno già preparando con una serie di iniziative promozionali che hanno l’obiettivo di favorire una pronta ripartenza delle prenotazioni.

 

Liberty Lines, compagnia di navigazione veloce impegnata in Italia e su tratte internazionali e Civitatis, azienda leadernella distribuzione online di attività, escursioni e visite guidate in tutto il mondo, hanno da poco siglato un’intesa commerciale innovativa che intende dare un forte valore aggiunto alla clientela, arricchendo l’offerta ‘classica’ del trasporto marittimo.

 

In base agli accordi, Liberty Lines offre sul proprio sito i tour guidati gestiti da Civitatis in diverse località dei territori collegati, fra cui ad esempio Palermo, Trapani, Messina o diverse mete delle isole minori siciliane come Eolie ed Egadi, tradizionali destinazioni servite dalla compagnia.

 

A Favignana e Levanzo, per esempio, è possibile effettuare escursioni in barca a vela, fare snorkeling nelle cale più belle delle due isole, mentre a Lipari si può andare alla scoperta delle mura spagnole, delle stradine del centro storico e visitare il parco archeologico di Diana, il tutto con l’ausilio di guide multilingue, da scegliere in fase di prenotazione, e potendo anche contare su un’offerta di pasti a completare i pacchetti.

 

Nelle intenzioni delle due aziende l’offerta delle escursioni e dei pacchetti andrà ad aumentare nel corso dei prossimi mesi, compatibilmente con l’evolversi della situazione legata alla pandemia. Attraverso una pagina web congiunta, appositamente creata, i clienti Liberty Lines potranno infine prenotare una delleoltre 8.000 escursioni in lingua italiana che la piattaforma Civitatis offre in tutto il mondo.

 

Secondo il direttore commerciale di Liberty Lines Nunzio Formica “La partnership con Civitatis ci consentirà di arricchire l’offerta alla nostra clientela, specie straniera, offrendo esperienze di viaggio che possono contribuire a rendere indimenticabile una vacanza. Con questa iniziativa la nostra politica commerciale per il 2021, che ha già visto la recente introduzione del programma Liberty Express, va a completarsi: ora ci auguriamo che le condizioni globali cambino il più rapidamente possibile in modo che possiamo tornare a programmare la stagione turistica con prospettive diverse”.

 

Nelle parole del CEO e fondatore di Civitatis Alberto Gutiérrez: ''Siamo lieti di aver firmato un accordo con una delle più importanti compagnie di trasporto marittimo veloce, con sede in Italia, e di continuare a rafforzare la nostra presenza sul mercato italiano. Con questo accordo, Civitatis vuole continuare a investire sull'Italia e sulle attività in lingua italiana, puntando sulla propria espansione a livello mondiale. ''

Insulina per diabetici all’ospedale. La denuncia di una mamma: “Siamo alle solite”

Alla farmacia dell'ospedale di Lipari l'insulina per diabetici, che dovrebbe essere garantita, continua a restare un miraggio.

L'ennesima segnalazione arriva dalla signora Patrizia Indricchio Portelli. "Mio figlio diabetico, necessita dell'insulina ma questa non è disponibile presso la farmacia dell'ospedale. Lunedì scorso ci è stato detto di ritornare oggi ma stamane ci è stato fatto presente che non vi è disponibilità e non si sa quando e se arriva. E' possibile questo continuo calvario? Dover elemosinare qualcosa che ci tocca per diritto?

Insulina per diabetici all’ospedale. La denuncia di una mamma: “Siamo alle solite”

Alla farmacia dell'ospedale di Lipari l'insulina per diabetici, che dovrebbe essere garantita, continua a restare un miraggio.

L'ennesima segnalazione arriva dalla signora Patrizia Indricchio Portelli. "Mio figlio diabetico, necessita dell'insulina ma questa non è disponibile presso la farmacia dell'ospedale. Lunedì scorso ci è stato detto di ritornare oggi ma stamane ci è stato fatto presente che non vi è disponibilità e non si sa quando e se arriva. E' possibile questo continuo calvario? Dover elemosinare qualcosa che ci tocca per diritto?

Lettere al direttore: “Obbligo di test rapidi per medici ed insegnanti che raggiungono le nostre isole”

Riceviamo e pubblichiamo:

Caro direttore,

Credo che alla luce degli ultimi contagi, perpetratisi nelle strutture sanitarie pubbliche, il Sindaco, quale massima autorità sanitaria, debba obbligare i medici, in servizio ambulatoriale all'ospedale di Lipari, a praticare test rapidi di tamponi, al fine di scongiurare quanto successo.
Stessa cosa, a parere di chi scrive, debba eseguirsi agli insegnanti che raggiungano le varie scuole di Lipari.
Tutto ciò appare naturale in considerazione del fatto che il  territorio, al di là del Capo di  Milazzo, risulta essere altamente prolifico di casi. 
Stranamente il Sindaco in altri lockdown ha assunto posizioni rigide a tutela del nostro Comune.