Maltrattamenti in famiglia. Cassazione conferma condanna a 3 anni e 2 mesi per 56enne liparese

L'avvocato D'Agata
Riceviamo e pubblichiamo:

Come consentito dalle recenti norme sulla trattazione dei giudizi penali in tempo di Covid 19 (L. n. 176/2020), si è concluso per iscritto il processo penale in Cassazione contro il sig. (*omissis) di Lipari, di anni 56, colpevole del reato di maltrattamenti in famiglia compiuti contro la coniuge separata e in presenza di una figlia minore d’età.

L'imputato era accusato di violenze psicologiche continue, ripetute vessazioni, minacce, intimidazioni, pedinamenti, appostamenti ai danni della moglie separata. Questa si è costituita parte civile nello stesso processo, con la difesa dell’avv. Antonella D'Agata Faraci dell’Ordine degli Avvocati di Catania, avente studio in Lipari e con la collaborazione dell’avv. Giovanna D’Agata.

La sesta sez. penale della Suprema Corte ha deciso la causa emettendo pronuncia di l’inammissibilità totale del ricorso proposto dall’imputato.
 Confermata dunque la condanna stabilita in Appello a tre anni e due mesi di reclusione, riconoscendo alla moglie la liquidazione dei danni patiti da quantificarsi in sede civile e la rifusione delle spese del giudizio.

Si tratta di una sentenza molto significativa e di innegabile utilità, anche in rapporto al contesto sociale in cui i fatti sono avvenuti, cioè in funzione di monito a coloro che si fanno autori di condotte criminose ai danni della donna e della famiglia, sul territorio di Lipari e delle Isole Eolie tutte.

I Giudici hanno così accolto le tesi della difesa della moglie, promuovendo ancora una volta un forte e deciso 'stop' a ogni forma di violenza di genere e manifestando viva sensibilità anche verso la violenza psicologica, troppo spesso sottovalutata e prodromo di successivi abusi.

Oggi la Giornata Internazionale della Donna invita ad un momento di riflessione su temi ancora troppo sottostimati, posto che la maggior parte degli episodi come quelli sopra descritti si verificano in ambito familiare e non vengono denunciati, ed occorre necessariamente un impegno concreto di immedesimarsi per capire e per agire.

Immedesimarsi nel senso di violazione, di solitudine, di vergogna che segna il destino di tante, troppe donne in tutto il mondo.

Immedesimarsi in quella condizione di abbandono, di marginalizzazione, di discriminazione che inibisce il loro autentico potenziale.

È questo ciò che cerchiamo di fare nel nostro piccolo noi avvocati donne: comprendere da vicino altre simili a noi e talvolta da noi molto lontane, condurle verso l’autorealizzazione fuori da un pianeta silenzioso di irregolarità e violazioni, ritrovare insieme quel che ci accomuna…

Concludo con le parole di Papa Giovanni Paolo II: "Grazie a te, donna, per Il fatto stesso che sei donna! Con la percezione che è propria della tua femminilità tu arricchisci la comprensione del mondo e contribuisci alla piena verità dei rapporti umani" .

Avv. Antonella D’Agata Faraci

*Nota del direttore: Il nostro omissis delle iniziali del condannato, seppure riportate nella nota dell'avvocato D'Agata, è a tutela della di lui moglie. Ciò in quanto, attraverso le iniziali che, in questo caso, permetterebbero la facile identificazione del soggetto, si risalirebbe facilmente alla vittima, violando il suo diritto alla privacy. 
La nostra decisione va contestualizzata in quella che è la linea adottata in casi similari. 

Covid: contagi stabili in Sicilia ma risalgono i ricoveri.

Sono 515 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Sicilia su 19.196 tamponi processati (tra molecolari e test rapidi), con un tasso di positività in lieve aumento.  Le vittime sono 19, i ricoveri delle ultime 24 ore sono in aumento: 12 in più rispetto a ieri i pazienti nei reparti Covid, 3 in meno invece in terapia intensiva.

Il CSA a Giorgianni: Funzione di dirigente dell’Ufficio Tecnico è in contrasto con la funzione di comandante della polizia municipale

CSA Regioni Autonomie Locali

Al Sig. Sindaco -Comune Lipari

OGGETTO: Determinazione n. 6 del 01.02.2021, richiesta atti e notizie. Diffida ex art. 328 cp..

La scrivente O.S. è venuta a conoscenza che la S.S., con Determinazione n.6 del 01/02/2021, si è fatto lecito conferire per giorni 60 l'incarico di Dirigente/Comandante f.f. della Polizia Municipale, con le relative competenze e funzioni consequenziali, al Dott. Mirko Ficarra, già Dirigente del III Settore e per lo stesso periodo l'incarico di Coordinatore dei Servizi della Polizia Municipale, all’Ispettore Capo di P.M. Francesco Cataliotti, categoria “C”.

E’ consolidato in giurisprudenza, ed in Sicilia è legge, che con la istituzione del Corpo di Polizia Municipale si dà vita ad una entità organizzativa unitaria e autonoma da altre strutture organizzative del Comune, è costituita da personale che riveste particolari qualifiche, a vari livelli, per l’esercizio delle funzioni di Polizia Locale, al cui vertice è posto il comandante che ha la responsabilità della Polizia Municipale e ne risponde direttamente al Sindaco (Consiglio di Stato n.4663 del 4.09.2000 – V Sez.). 

La Polizia Municipale non può essere posta alle dipendenze di un dirigente amministrativo che non abbia lo status di appartenente alla Polizia Municipale, non può neanche essere sottoposta al segretario comunale (C.d.S. 4663/2000; C.d.S. 1359/2001; C.d.S. 1360/2001; ecc.). 

Ciò posto, si chiede di conoscere se, ai sensi della Deliberazione di Giunta Municipale N.103 del 13/11/2018 (e non del 2019 come Ella ha erroneamente scritto), il Corpo di Polizia Municipale sia retto da un Dirigente o da un Comandante di categoria “D”. 

Se il Corpo fosse retto da un Comandante di categoria “D”, poteva essere assegnato l'incarico ad un dipendente di tale categoria ed anche la P.O., sempre se sia posto in essere il nuovo regolamento inerente l'attribuzione degli incarichi di P.O., come espressamente normato dal CCNL Funzioni Locali del 21 maggio 2018 artt.13ss., nel denegato caso contrario ciò non sarebbe stato possibile, e l'incarico di Comandante può essere svolto solo da un Dirigente.

Accorpare la funzione di Dirigente dell'Ufficio Tecnico Comunale con la funzione di Comandante della P.M. (come fatto dall'Ente Comune di Lipari con la Determinazione Sindacale n.6 del 01/02/2021), è macroscopicamente in contrasto con le vigenti norme che disciplinano la materia; la giurisprudenza sopra accennata non lascia spazio ad interpretazioni diverse. 

Tutto ciò superiormente espresso, si chiede conoscere: 
1. se in dotazione organica è previsto il posto di Dirigente Comandante, e se tale posizione è stata confermata dalla Deliberazione di Giunta Municipale N.103 del 13/11/2018; 
2. con quali criteri è stata pesata la P.O. del Corpo di P.M. e con quale atto ai sensi del CCNL vigente è stata individuata; 
3. chi svolge i compiti di UPG presso il Corpo ai sensi del vigente Regolamento di Polizia Municipale e se esiste connessione con l'art.57 del cpp.
La presente richiesta di notizie e di atti, viene formulata ai sensi dell'328, secondo comma, del CP. 
Il Segretario Generale 
Pietro Fotia

MESSINA: VISITA DEL NUOVO COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA AL COMANDO INTERREGIONALE CARABINIERI “CULQUALBER”.

COMUNICATO

Stamani il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo LUZI, ha fatto visita alla sede del Comando Interregionale di Messina. Ad accoglierlo, nella suggestiva atmosfera della caserma “A. Bonsignore”, il Generale di Corpo d’Armata Gianfranco Cavallo, Comandante dei Carabinieri di Sicilia e Calabria.

La cerimonia si è svolta nella scrupolosa osservanza delle prescrizioni sanitarie volte al contenimento epidemiologico da COVID19, alla presenza dei Comandanti delle Legioni di Sicilia e Calabria, di una contenuta rappresentanza dei Comandi e dei Reparti Speciali delle due regioni, del Comando Regione Forestale Calabria, nonché dei delegati della Rappresentanza militare e del personale in congedo dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Nel corso dell’incontro il Gen. Luzi ha ringraziato le donne e gli uomini della “Benemerita” per l’impegno profuso a garantire la sicurezza dei cittadini, specie in questo difficile momento legato all’emergenza sanitaria.

Nell’occasione, un saluto particolare ha voluto rivolgere ai carabinieri in congedo dell’ANC (Associazione Nazionale Carabinieri) evidenziando come gli stessi costituiscano l’elemento di continuità tra l’Arma di ieri e quella di oggi, ricordando con piacere l’impegnativo periodo di comando svolto in Sicilia, quale Comandante Provinciale Carabinieri di Palermo.

Il Comandante Generale ha poi voluto rivolgere un commosso pensiero ai caduti dell’Arma ed ai loro familiari, evidenziando come, in questo periodo particolarmente difficile per l’intera comunità Nazionale, l’Arma dei Carabinieri è ancora una volta protagonista nel garantire, insieme con sicurezza e legalità, il rispetto delle misure a tutela della salute pubblica e soprattutto nell’assistere le fasce più deboli e vulnerabili della popolazione. Proprio la vicinanza, la prossimità, la disponibilità e la capacità di ascolto del cittadino si traducono, quotidianamente, nell’affidabilità ed efficienza dell’Istituzione che costituisce un punto di riferimento essenziale nel sistema della sicurezza in Italia.

Un traguardo, quello dell'accrescimento dell'efficienza, che richiede per il suo conseguimento un costante miglioramento professionale, ma anche e soprattutto una “piena condivisione degli obiettivi istituzionali, una forte motivazione e un severo rigore morale”. “Una partecipazione preziosa e oggi ancor più indispensabile, consapevole che ogni Carabiniere è protagonista dei destini dell'Arma”.

Il Generale Luzi ha voluto sottolineare come le imprese che l'Arma si troverà a fronteggiare nei prossimi mesi saranno particolarmente complesse e inedite, ma le stesse potranno essere affrontate solo rivolgendo lo sguardo al futuro con serenità, per trasmettere ai cittadini – svolgendo il servizio in modo esemplare – ottimismo sociale e fiducia nelle istituzioni. In sintesi, questo è il volto dell'Arma, che ogni cittadino sa e vuole riconoscere, e senza il quale ogni risultato operativo, pur ragguardevole diventa un'arida narrazione. Il valore operativo dell'Arma, infatti, non si misura in sterili statistiche, ma attraverso la considerazione degli italiani, certamente non quantificabile e frutto della capacità di ciascun Carabiniere di interpretare e soddisfare le richieste di sicurezza più disparate.

Il Comandante Generale dell’Arma ha continuato il suo intervento richiamando tutti i militari sulla necessità di preservare lo spirito autentico dell'Arma. La cifra distintiva dell’Istituzione, sin dalle sue origini, la cui storia “può ispirarci, può renderci più umili e consapevoli dell'impegno cui siamo chiamati, per essere all'altezza delle aspettative degli Italiani”.

Prima di concludere la visita alla sede di Messina, il Comandante Generale si è riunito con i vertici dei Comandi territoriali regionali e provinciali per fare un punto di situazione delle realtà criminali del territorio e del disagio sociale emergente dalle complesse realtà delle due regioni, sottolineando a sua volta la funzione di “rassicurazione sociale” che devono curare, quale valore insostituibile, i presidi dell’Arma, con particolare riferimento alle Stazioni dei Carabinieri.

Infine, il Comandante Generale – prima di lasciare il Comando Interregionale Carabinieri “Culqualber” – ha apposto la sua firma sul Libro d’Onore e successivamente, accompagnato dal Generale Cavallo, ha continuato la sua visita a quegli avamposti dell’Arma, dislocati in Sicilia e Calabria, particolarmente impegnati nella lotta alla mafia ed alla ‘ndrangheta. In Calabria ha incontrato i militari della Scuola Allievi Carabinieri e del Comando Provinciale di Reggio Calabria, quelli della Stazione Carabinieri di San Luca nonché del 14° Battaglione “Calabria” e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Vibo Valentia.

Giornata dei beni culturali siciliani, il 10 marzo tutti i siti aperti gratuitamente

In occasione della “Giornata dei beni culturali siciliani” dedicata alla memoria di Sebastiano Tusa, mercoledì 10 marzo, tutti gli istituti, i musei, i parchi e le gallerie della Regione Siciliana saranno visitabili gratuitamente, previa prenotazione sulla piattaforma Youline (http://laculturariparte.youline.cloud/) e nel rispetto di tutte le misure anti-Covid.
Si tratta dell'iniziativa istituita la scorso anno dal presidente della Regione, Nello Musumeci, per legare il ricordo dell'archeologo siciliano e assessore regionale, scomparso nel disastro aereo in Etiopia il 10 marzo 2019, alla promozione e alla fruizione del patrimonio culturale della Sicilia.
“Nel secondo anniversario della tragica scomparsa del nostro caro Sebastiano, consideriamo questa giornata un segno di rinascita, pur in un periodo di grande difficoltà – sottolinea l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà – che sta vivendo tutta la popolazione e anche il settore culturale. Questo segnale di speranza ci è sembrato un modo doveroso per ricordare un uomo che ha speso la sua vita per la Sicilia, per la cultura, per la storia”.

Federalberghi lancia l’allarme dalle isole minori della Sicilia sugli aiuti alle imprese. “Stagione turistica a forte rischio”.

“Sulla gestione degli aiuti alle imprese turistiche colpite dalla pandemia occorre davvero un cambio di passo”. È l’allarme lanciato da Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Minori della Sicilia che si unisce alle preoccupazioni emerse nel corso del week end da parte del mondo del turismo in tutta Italia.

La prima bozza del decreto sostegni messa in circolazione penalizza pesantemente il settore turistico ed in modo particolare quello stagionale legato ai mesi estivi. “Il contributo a fondo perduto – si legge - spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dei mesi di gennaio e febbraio 2021 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dei mesi di gennaio e febbraio 2019”.

È utile ricordare che ben l’87% dei flussi turistici in Sicilia si concentra nel periodo tra aprile e ottobre.

Federalberghi da mesi chiede che, per realizzare l’intento perequativo più volte annunciato, il calcolo dei ristori venga effettuato considerando il danno subito nell’intero periodo pandemico (marzo 2020 - febbraio 2021).

Dalle bozze di questo decreto – rimaste già prive di paternità o maternità ma ancora senza una smentita ufficiale - sembra invece che il governo voglia voltarsi dall’altra parte, rinunciando all’idea di superare le sperequazioni di trattamento alle quali abbiamo assistito in questi mesi di pandemia, concentrandosi esclusivamente sull’ultimo periodo dell’anno.

Già nel marzo 2020 avevamo evidenziato come fosse sin troppo chiaro che, in assenza di interventi mirati, questa pandemia avrebbe dilatato il divario tra il nord e il sud del paese, creato enormi difficoltà alle aziende sane e spinto nel baratro quelle in difficoltà. In questi mesi ne abbiamo avuto la conferma: chiusure definitive, concordati, fallimenti ecc. con speculatori e criminalità organizzata pronta ad approfittare della situazione, senza che lo Stato riesca a frapporre una barriera utile e adeguata al momento.

Molte aziende stagionali – alcune chiuse sin dall’ottobre 2019 - guardavano alla Pasqua 2021 quale traguardo da raggiungere per poter finalmente ricominciare ad incassare qualcosa. La ripartenza dei contagi, le continue restrizioni nazionali ed internazionali, i ritardi nelle vaccinazioni e le cancellazioni già arrivate sia per aprile che per maggio invece non lasciano presagire nulla di buono ed è impossibile poter programmare una data di partenza della prossima stagione turistica..

Per il comparto ricettivo, sono del tutto irrilevanti gli aiuti sino ad oggi messi sul tavolo dal Governo se si escludono l’esenzione dal pagamento dell’IMU e la cassa integrazione. L’accesso ai benefici del decreto liquidità si è infatti rivelato molto meno agevole di quanto sbandierato e il fondo perduto per le strutture alberghiere è stato irrisorio per non dire offensivo. Quanto messo in campo dalla Regione Siciliana, attraverso il programma SeeSicily, sino ad ora, ha interessato solo una minima parte delle aziende del comparto: vuoi per i vincoli contrattuali, vuoi perché una buona fetta di queste non ha il Durc in regola. Gli unici aiuti su base regionale, di fatto, sono stati gli sgravi tributari attivati da alcuni comuni utilizzando il fondo di perequazione.

Il Governo dimostri di essere in grado di invertire la rotta. Il Presidente Musumeci, faccia squadra con le altre regioni del sud e si opponga a questo stillicidio che aumenta le diseguaglianze nel paese.

Diversamente si abbia, tutti, il coraggio di ammettere che si è deciso di sacrificare una fetta importante del nostro paese: migliaia di piccole e medie imprese e centinaia di migliaia di posti di lavoro.

Oggi è l’otto marzo, Giornata internazionale della donna (di Tiziana De Luca, assessore alla cultura del Comune di Lipari)

Oggi è l'8 MARZO, e non è la festa della donna, è la Giornata Internazionale della donna, discendente da una Risoluzione dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite affinché ogni Nazione, secondo le proprie tradizioni storiche e locali, riconoscesse un ruolo della donna negli sforzi di pace e al fine di una piena e paritaria partecipazione delle donne alla vita civile e sociale del loro paese.

Siamo nate femmine, e questo è un elemento di generazione naturale, ma l'opportunità grandiosa è quella di poter essere figlie, madri, zie, cugine, nonne, bisnonne...donne.
L'emergenza sanitaria in corso ha fermato i nostri consueti eventi sul tema, qualcuno li ha rigenerati in forma virtuale
I.Dee Associazione culturale
Silvia Azzurra
Emanuela Mondiello
Silvia Carbone
Emilie Di Paola
Maria Clara Martinelli
( seguiamole oggi! ).
Tuttavia, come dopo un evento che scuote le fondamenta di una vita, ripartiamo dalle piccole cose, seminando il seme della cultura e della memoria nei nostri figli, che serve anche a noi per ricordare, rinnovare e riconoscere che non è " il genere" a determinare la grandezza dei nostri sogni o le mete che possiamo raggiungere ma la passione, la curiosità e la generosità che ci mettiamo per rendere significativa la nostra vita personale e sociale.
Doniamo un libro oggi che dia fiducia a noi stesse e alle persone che amiamo, che ci insegni il rispetto, la partecipazione e l'importanza reale dei diritti umani ( e a metterli in pratica ogni giorno della nostra vita).

Buongiorno e Buon otto marzo a tutte le donne!

In questo otto marzo abbiamo scelto un modo diverso dal solito per fare giungere il nostro augurio a tutte le donne.
Lo facciamo attraverso i volti, il sorriso, le espressioni di donne che ricoprono un ruolo nella politica eoliana, di una cara collega della Gazzetta del sud e delle collaboratrici di Eolienews!
Un otto marzo che non deve essere fine a se stesso ma solo una tappa di altri 364 giorni, di anni, fatti di rispetto, amore e condivisione... e non solo dei momenti belli!



Donna” di Rabindranath Tagore, poeta, prosatore, drammaturgo, musicista e filosofo indiano, (Calcutta 1861 – Santi Niketan, Bolpur, 1941). 

Donna, non sei soltanto l’opera di Dio,
ma anche degli uomini, che sempre
ti fanno bella con i loro cuori.
I poeti tessono una rete
con fili di dorate fantasie;
i pittori danno alla tua forma
sempre nuova immortalità.
Il mare dona le sue perle,
le miniere il loro oro,
i giardini i loro fiori
per adornarti, per coprirti
per renderti sempre più preziosa.
Il desiderio del cuore degli uomini
ha steso la sua gloria sulla tua giovinezza.
Per metà sei donna,
per metà sei sogno.

Covid in Sicilia 576 casi e 12 vittime ma c’è un nuovo record di guariti

Sono 576 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia su 22.141 tamponi processati (tra molecolari e test rapidi), con un tasso di positività leggermente in rialzo: 2,6% contro il 2,3%. Trend in aumento rispetto alla scorsa domenica, con il 27% in più dei casi e meno tamponi effettuati.

Le vittime odierne del virus sono 12 mentre c'è un nuovo record di guariti: 3.571 quelli delle ultime 24 ore. Negli ospedali aumentano di 2 unità i pazienti ricoverati in terapia intensiva mentre negli altri reparti ci sono 5 pazienti in meno rispetto a ieri.

Lipari: Sono 11 i positivi al Covid. Sono componenti di due nuclei diversi

Salgono a 11 i positivi a Lipari. Lo ha comunicato nella sua diretta fb di oggi pomeriggio il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni. 

Appartengono a due "nuclei" diversi costituito da 8 e 3 persone.

Si è in attesa dell'esito per altre due persone alle quali è stato ripetuto il tampone

Lo stesso Giorgianni, che si era posto in isolamento volontario, ha evidenziato che l'esito del suo tampone è negativo. 

Eoliani che non ci sono più : XLVIII parte – Deceduti a Gennaio – Febbraio 2021 (video fotografico – durata 2 minuti e 31)

 Nel video: Immacolata Lo Presti, Frank Mollica, Mons. Gennaro Divola, Bartolo Raffaele, Bartolomeo Di Losa, Caterina Martello ved. Giardina, Concetta Favaloro ved. Speziale, Concetta Tartaro ved. Biviano, Fabio Di Stefano, Francesca Russo ved. Natoli, Francesco Favaloro, Giuseppa Puglisi ved. Costanzo, Giuseppina Maiurana in Grillo, Luigi d'Auria, Maria Foti in Foti, Matilde Salmeri, Natalizia Giunta, Orlando Groppo, Pietro Merlino, Rita Scoglio, Rosalia Lo Presti in D'Ambra, Velia Raffaele, Angela Pastore (Lina)

Camera di commercio adotta il “Linguaggio di genere” nei documenti e nella comunicazione

Rafforzare l’uguaglianza di genere e favorire il rispetto delle differenze, promuovendo cambiamenti culturali finalizzati a contrastare le discriminazioni e gli stereotipi di genere. E’ con questo spirito che la Camera di commercio, su input della consigliera di parità Mariella Crisafulli, ha deciso di adottare il “Linguaggio di genere” nei documenti e nella comunicazione dell’Ente camerale.

«La comunicazione pubblica può e deve svolgere un ruolo molto importante - afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina – nell’opera di sensibilizzazione al cambiamento di una mentalità spesso troppo ancorata a pregiudizi e discriminazioni. Fino a qualche anno fa, alcuni ambiti lavorativi erano letteralmente preclusi alle donne, come d’altronde era raro vederle ricoprire incarichi di vertice. Ma, anche se tanti passi in avanti sono stati compiuti, è necessario proseguire lungo questa strada, valorizzando le differenze e smantellando sterili precocenti, convinti come siamo che le donne rappresentino un valore aggiunto, in qualunque campo lavorativo».

«L’utilizzo del linguaggio di genere nella pubblica amministrazione non ha solo un valore formale – aggiunge la segretaria generale, Paola Sabella, ma anche e soprattutto sostanziale. Ancora oggi, assistiamo increduli a episodi di discriminazione e di violenza di genere, che, nella loro connotazione più grave, culminano nel femminicidio. Anche per questo è importante diffondere una cultura che valorizzi le differenze e contribuisca alla diffusione di modelli sociali, lavorativi e culturali in cui riconoscersi e verso i quali tendere. Oggi, le donne sono impegnate in ogni ambito lavorativo. Dal sondaggio effettuato da “Eurochambres Women Network”, il coordinamento permanente presso l’associazione delle Camere di commercio europee dedicato all’imprenditoria femminile, emerge che, in Italia come nel resto di Europa, le imprenditrici chiedono, tra l’altro, formazione e sostegno per cogliere la sfida del digitale, misure di supporto mirate alle loro esigenze, maggiore attenzione all’occupazione femminile e adozione di misure che non rendano vani gli sforzi compiuti durante la pandemia ma assicurino una trasformazione duratura del business».

La consigliera provinciale di Parità, Mariella Crisafulli, ha ringraziato il presidente Blandina «per aver accolto immediatamente la proposta di promuovere un linguaggio non discriminatorio nella comunicazione istituzionale, nei documenti, negli atti amministrativi, ma anche negli eventi pubblici della Camera di commercio, dimostrando attenzione e sensibilità sui temi della parità di genere».

«Declinare al maschile e femminile, oltre che lo prevede la lingua italiana, è necessario per dare la giusta visibilità anche a quei ruoli che tradizionalmente sono declinati al maschile e che altrimenti verrebbero “oscurati” – prosegue Mariella Crisafulli - così com’è altrettanto importante sensibilizzare il personale dipendente verso una cultura attenta alle diversità e alle differenze. Il linguaggio, infatti, non è mai uno strumento neutro, perché dà forma e voce al modo in cui pensiamo e interpretiamo la realtà e non vi è dubbio che le istituzioni giochino un ruolo importante per scardinare antiche consuetudini e promuovere un vero cambiamento che passa anche attraverso le parole che usiamo».

Covid, prorogati i controlli per chi arriva in Sicilia. A Lipari otto i positivi

Sono stati prorogati i controlli anti-covid per chi arriva in Sicilia. Lo prevede un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Restano dunque le verifiche ai principali varchi dell’Isola (porti e aeroporti) avviate fin dall’estate scorsa, intensificate a dicembre e che la Regione ha deciso di mantenere anche in questi mesi.
Nelle ultime settimane, inoltre, tutti i punti di controllo e i drive-in possono contare anche su tamponi di nuova generazione.
Va ricordato che, chi fa il proprio ingresso in Sicilia, è tenuto a registrarsi sulla piattaforma www.siciliacoronavirus.it. Questa misura non è prevista per i pendolari che hanno lasciato l’Isola per un periodo inferiore ai quattro giorni. Sulla piattaforma online è possibile dichiarare di aver effettuato un tampone molecolare nelle 48 ore antecedenti l’arrivo.
Chi non ha avuto la possibilità di sottoporsi all’esame, è tenuto a effettuare il tampone in uno dei drive-in allestiti dalle Asp. Chi non intende seguire questa procedura, può effettuare l’esame presso un laboratorio autorizzato a proprie spese. Chi non seguirà nessuna delle due indicazioni, ha l’obbligo di porsi in isolamento fiduciario per dieci giorni e di comunicarlo al medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta o all’Asp.
Intanto, prosegue l’attività degli hub nell’ambito della campagna vaccinale. A quelli già operativi a Palermo e Catania, domani si aggiungerà anche la struttura di Siracusa. Nelle prossime settimane, saranno attivati nuovi hub per le vaccinazioni negli altri capoluoghi che affiancheranno i punti di somministrazione del Sistema sanitario regionale.
Intanto a Lipari salgono ad otto i positivi al Covid. Una trentina i cittadini in isolamento fiduciario in attesa del tampone.

Coronavirus, 592 nuovi positivi in Sicilia e 10 morti.

Nelle ultime 24 ore in Sicilia sono stati 592 i nuovi positivi al (ieri 519) su 26.236 tamponi processati. Il tasso di positività è del 2,2%. Dieci i decessi
Attualmente ci sono 19.727 contagiati di cui 662 ricoverati in ospedale (-8), 121 in terapia intensiva (+1), 18.944 in isolamento domiciliare. I guariti salgono a 131.862 mentre i decessi con i 10 di oggi arrivano a 4.223.

Ricordando… Giovannino Medorini


Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Isole minori: Contributo per partorienti fuori sede sale a 5.000 euro. Lo Curto (UDC): Approvato mio emendamento”

 "Tutte le donne partorienti che risiedono nelle Isole minori della Sicilia e che a partire dalla trentasettesima settimana di gravidanza devono spostarsi nei punti nascita della terraferma riceveranno un contributo di 5 mila euro alla nascita del figlio. Con un mio emendamento alla legge di stabilità ho fatto innalzare da 3 mila a 5 mila euro la somma da assegnare alle neo mamme delle piccole isole che raggiungono i punti nascita negli principali ospedali siciliani".

Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all'Assemblea regionale siciliana che aggiunge: "Con tale modifica la dotazione del capitolo del bilancio della regione è incrementata di ulteriori 800 mila euro. Avevo in tutti i modi possibili sostenuto la necessità che si derogasse dal decreto Balduzzi, che ad esempio nella protesta generale delle partorienti di Pantelleria ha privato l'ospedale dell'isola del punto nascita. Anche se la battaglia è ancora aperta ed è uguale a quella delle Pelagie, delle Egadi e delle Eolie, nel frattempo ho proposto questo emendamento che è stato approvato prima dalla Commissione Sanità e questa notte dalla Commissione Bilancio per sostenere le donne che prima del lieto evento sono costrette a lasciare la propria casa e la propria famiglia affrontando tra disagi oggettivi e soggettivi il momento più bello che una donna e una famiglia possano vivere, in un contesto, soprattutto a causa del Covid, anonimo, freddo, inusuale e privo di affetti personali. Credo che questa norma sia anche il miglior modo per festeggiare l'otto marzo". (ANSA).

Commissione consultiva della Pesca, Scilla: settore potenziato da un confronto positivo

“Il mondo della pesca ha dimostrato coesione e comunità d’intenti nella risoluzione dei problemi che interessano il settore” dichiara l’assessore regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della Pesca mediterranea, Toni Scilla, al termine della seduta della Commissione consultiva regionale della Pesca.

“La pesca regionale esce potenziata da un confronto positivo. Il governo Musumeci – sottolinea Scilla - affianca le marinerie siciliane nel percorso di snellimento di quella burocrazia che spesso risulta essere fortemente penalizzante. Condivido la contrarietà unanime manifestata dai rappresentanti delle marinerie e delle organizzazioni sindacali rispetto al progetto di realizzazione di un parco eolico off-shore al largo della Sicilia, tra le isole Egadi e la Tunisia. Il rischio per i nostri pescatori è quello di ritrovarsi con sempre meno mare in cui pescare. Lavoreremo per assicurare la sorveglianza pesca e proseguiremo nell’impegno volto alla risoluzione definitiva della questione libica”.

Nel corso della seduta, che si è svolta in videoconferenza, la Commissione consultiva regionale della Pesca ha accolto con favore i decreti ministeriali che autorizzano la pesca sperimentale del rossetto e del cicerello. “Provvederò a breve a emanare la relativa circolare che consentirà l’avvio del piano sperimentale. Tra gli impegni imminenti – conclude l’assessore Scilla – anche quello di proporre al Ministero un piano sperimentale per la pesca della sardina”.

SOSPENSIONE ELETTRICITA’ NELLA BIGLIETTERIA DI LIPARI, DOMANI DALLE 6:30 ALLE 8:30. UTENZA BIGLIETTI OGGI

Domani, Domenica 7 Marzo dalle 6:30 alle 8:30, verrà sospesa la corrente elettrica nella zona della biglietteria navi e aliscafi di Lipari per degli interventi tecnici.
Questo potrebbe comportare dei rallentamenti nelle procedure di bigliettazione.

I passeggeri che devono partire in questa fascia oraria sono qundi invitati a:
- fare il biglietto già oggi (entro le 20:20 per lo sportello aliscafi, 18:00 per lo sportello navi);
- in caso non riuscissero a venire entro oggi, di venire in biglietteria con un anticipo di almeno mezz'ora sull'orario di partenza;

E' anche possibile acquistare i BIGLIETTI A DISTANZA, pagando con carta di credito o prepagata.
Contattare i numeri:
- 3280318861 (anche su Telegram)
- 0909812448

Per rimanere aggiornati in tempo reale sulla situazione dei collegamenti marittimi (variazioni orari, meteo, riduzione disponibilità posti...) si invitano i passeggeri a ISCRIVERSI AL CANALE TELEGRAM "EOLTRAVEL", CLICCANDO SU QUESTO LINK: http://t.me/eoltravel

Stromboli: Ingv-Oe, nuova classificazione eventi esplosivi

(ANSA) - Una nuova proposta di classificazione degli eventi esplosivi dello Stromboli da un punto di vista multidisciplinare attraverso la combinazione di dati vulcanologici, sismici e geodetici. E' il tema trattato da un articolo pubblicato sulla rivista 'Remote Sensing' a firma, tra gli altri, dei ricercatori dell'Osservatorio etneo dell'Ingv Sonia Calvari e Alessandro Bonaccorso.

L'attività stromboliana varia in dimensione ed intensità e può evolversi in una minaccia per le popolazioni che vivono sui vulcani con attività persistente o semi-persistente. Ad esempio, sul vulcano attivo dell'Eolie l'attività stromboliana "ordinaria", che consiste nell'espulsione intermittente di bombe e lapilli attorno alle bocche eruttive, è talora interrotta da eventi esplosivi ad alta energia (localmente chiamati esplosioni maggiori o parossistiche), che possono interessare aree molto estese. 

Recentemente, il parossismo esplosivo del 3 luglio 2019 ha causato serie preoccupazioni nella popolazione e nei media locali. Le esplosioni maggiori, pur non mettendo in pericolo le aree abitate, producono spesso una ricaduta di bombe e lapilli nelle zone frequentate dai turisti. Nonostante ciò, la classificazione delle esplosioni stromboliane in base alla loro intensità deriva da misure non sempre replicabili (come i rilievi sul campo). Da qui la necessità di una classificazione rapida, oggettiva e quantitativa dell'attività esplosiva. 

In questo lavoro, sono state utilizzate le immagini della rete di telecamere di monitoraggio, i dati di sismicità e deformazione del suolo, per caratterizzare e distinguere i parossismi, che colpiscono l'intera isola, dalle esplosioni maggiori, che colpiscono la sommità del vulcano sopra i 500 metri, dall'attività esplosiva lieve che normalmente non ha alcun impatto sulla popolazione locale. 

L'analisi è stata effettuata su 12 eventi esplosivi verificatisi a Stromboli dopo il 25 giugno 2019 ed è aggiornata al 6 dicembre 2020. 

Il lavoro è open access e può essere scaricato al link: https://www.mdpi.com/2072-4292/13/5/944